developed and seo specialist Franco Danese

Laurie Davidson, il progettista che rese grande Team New Zealand

A Natale sogni di “scartare” uno yacht? Qui puoi provarne uno con un click!
24 dicembre 2021
Buon Natale! Ecco 5 idee per fare un regalo alla tua barca!
25 dicembre 2021

Se c’è un uomo che ha contribuito a rendere grande la storia di Team New Zealand in Coppa America, quell’uomo è Lawrence Karl Davidson, meglio conosciuto come Laurie Davidson. Lo yacht designer neozelandese, recentemente scomparso all’età di 95 anni, ha segnato profondamente la storia della Coppa nelle edizioni a cavallo tra gli anno ’90 e il 2000, senza dimenticare il suo contributo e i tanti progetti vincenti anche fuori dall’America’s Cup. La sua rampa di lancio negli anni ’70 fu infatti il mondo degli Half Ton, che Davidson disegnò in diversi progetti di successo, come Waverider che vinse la Half Ton Cup nel 1978.

IL SALTO IN COPPA AMERICA

Il salto in Coppa avvenne a metà degli anni ’80, quando Davidson entra a fare parte della prima sfida neozelandese, guidata da Michael Fay. Lavora a fianco di Ron Holland, Bruce Farr e Russell Bowler, e tirano fuori dal cilindro la prima barca in vetroresina della storia della Coppa, la famosa KZ7 Kiwi Magic (foto sopra), nota anche come “Plastic Fantastic”. In realtà non fu la KZ7 la prima barca in vetroresina che quella sfida produsse, ma fu la prima a competere per la Coppa, suscitando fra l’altro polemiche fra gli altri sfidanti. Kiwi Magic arrivò fino in finale di Louis Vuitton Cup nell’edizione di Fremantle del 1987, perdendo contro gli americani di Stars&Stripes. Davidson però era definitivamente entrato nella storia del trofeo velico più antico che ci sia.

L’ERA DI BLACK MAGIC

Un momento della finale tra Black Magic e Young America nel 1995

Nel frattempo nasce Team New Zealand, la cui prima apparizione fu alla Coppa di San Diego del 1992. Davidson fa parte del team ma non ha compiti progettuali bensì deve occuparsi di studiare gli sfidanti. I kiwi si fermano ancora in finale nella selezione sfidanti, questa volta contro il Moro di Venezia. Sarà Peter Blake a richiamare Davidson nell’area design e affidargli il progetto di “Black Magic”, la barca che consacrò definitivamente i kiwi.

Nella Coppa del 1995, ancora a San Diego, praticamente non c’è storia: Russel Coutts, con Brad Butterworth alla tattica, perde due sole regate in tutta la Coppa, strapazzando 5-0 in finale le stelle americane di Dennis Conner e dimostrando di avere una barca estremamente veloce e con alcune soluzioni progettuali all’avanguardia. Inizia così una nuova era per l’America’s Cup. E sarà ancora Davidson a disegnare nel 2000 la nuova Black Magic che difende la Coppa ancora con un 5-0, questa volta contro Luna Rossa. Una barca quasi “mistica”, dalle forme molto particolari e con un ginocchio accentuato sotto la prua che la rendeva quasi brutta.

Laurie Davidson continuerà la sua esperienza in Coppa anche con altri team, per essere inserito nella Hall of Fame dell’America’s Cup dal 2007. 

Mauro Giuffrè


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi