developed and seo specialist Franco Danese

Pochi dati giusti al momento giusto. E’ il futuro degli strumenti di bordo

L’Hanse 508 è il concetto di Easy Sailing plasmato su una barca di oltre 15 metri
21 dicembre 2021
Perini Navi maltese falcon
Perini Navi resta italiana. The Italian Sea Group vince l’asta con 80 milioni
22 dicembre 2021

strumenti di bordo

Sopra, alcune schermate dell’interfaccia sviluppata da Navico assieme al cantiere Axopar per gli strumenti di bordo delle sue barche. Grandi energie sono state spese sulla semplificazione e la riduzione dei dati visualizzabili dal’utente.

E’ vero che presto timoneremo una barca come ora guidiamo un auto? Lo abbiamo chiesto a Roberto Sesenna, Direttore delle vendite Navico (il gruppo di elettronica che raduna i marchi Lowrance, Simrad, B&G e C-Map) per l’Europa del sud e responsabile Emea per i cantieri.

Come stanno cambiando gli strumenti di bordo

Lo stiamo vedendo tutti come la tendenza sia quella di andare verso una barca ‘evoluta’ e sempre più integrata, dove sul display multifunzione puoi tenere sott’occhio tutti i dati, dallo stato delle batterie alle sentine, dal motore alle temperature. Fin qui, nulla di nuovo. Ma la sfida, sul breve periodo, si gioca tutta sulla semplicità”.

Roberto Sesenna

Strumenti di bordo, less is more

Ed è qui che i grandi brand di elettronica, come Navico, stanno investendo risorse: “Se, per mia forma mentis, a me piacerebbe poter visualizzare su un display migliaia di dati, tipo capitano Kirk alla guida dell’Enterprise, mi sono presto reso conto che a chi va in barca, spesso, tutto questo non importa. Basta avere sotto controllo i dati essenziali. Stiamo lavorando in questa direzione: less is more.

In questo senso ci è stata di grande aiuto la collaborazione con il cantiere tedesco Axopar, per il quale abbiamo sviluppato l’interfaccia. Togliere, togliere, togliere è stata la lezione dei tedeschi. Tu quando guidi una macchina, sul tuo display, mica vedi sempre la durata dell’olio o la pressione degli pneumatici: compaiono solo se l’olio va sostituito o le gomme gonfiate”.

Dati giusti al momento giusto

Quindi, prosegue Sesenna, “la vera sfida è quella di fornire a chi comanda la barca, solamente le informazioni essenziali in quel determinato momento. Il passo successivo, poi, è far sì che il sistema, in automatico, decida quali dati mostrarti a seconda dell’utilizzo che stai facendo della barca. In poche parole, che ‘impari’ dal tuo modo di usare la barca nel tempo.

Allora sì che potremo parlare di barca intelligente. Non è fantascienza: sui nostri radar, ad esempio, esiste la funzione ‘bay’ (baia), che puoi attivare premendo un tasto e che riduce la potenza del segnale e riduce la scala. Presto lo farà in automatico, perché le funzioni cambieranno in base alla posizione della barca grazie all’interfaccia con il GPS”.

Il futuro degli strumenti di bordo

Quello che ci ha raccontato Sesenna non è una sua “visione”, ma la vera tendenza del mercato. Che come sempre, nel caso della nautica, prende ispirazione dall’automotive. “In sintesi, avremo sistemi sempre più integrati, schermi ancora più ‘user-friendly’, app che si concentrano a fare una o due cose bene (una app con troppe funzionalità, anche di monitoraggio, è fallimentare perché rischia di non funzionare bene rovinando la reputazione del cantiere) e la barca che “impara” dal comportamento dell’utente”.

Eugenio Ruocco


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi