developed and seo specialist Franco Danese

Le prime foto della barca più grande del mondo (che è di Jeff Bezos)

L’ecoracer 769 è in acqua! Le immagini della barca da regata riciclabile!
13 dicembre 2021
Alinghi e Red Bull Racing vogliono vincere la Coppa America
14 dicembre 2021

jeff bezos barcaLa barca a vela più grande del mondo per il secondo uomo più ricco del mondo sta prendendo forma. Vi avevamo raccontato dello yacht di 127 metri che Oceanco stava costruendo per Jeff Bezos: adesso ci sono le immagini di costruzione della barca commissionata dal CEO e principale azionista di Amazon, “rubate” appena lo scafo è uscito dal cantiere olandese di Zwijndrecht.

I segreti della mega barca di Jeff Bezos

Lo yacht, per ora conosciuto con il suo nome tecnico di Y721, dovrebbe già essere consegnato nel 2022: una volta che toccherà l’acqua, sarà la barca a vela più lunga del mondo. Record che attualmente appartiene al Sea Cloud, lungo “solo” 109,5 m (fu Varato nel 1931 con il nome Hussar II). Un primato destinato a durare poco!

Il megayacht di Bezos è anche un record per l’olandese Oceanco, specializzata nella costruzione di “giganti del mare” (uno degli ultimi lo splendido Black Pearl, 106,7 m di lunghezza): non aveva mai realizzato una barca così grande. Che, dati alla mano, è anche il più grande yacht da diporto costruito in Olanda.

Linee classiche e “doppia prua”

Ma andiamo ad analizzare la barca, di un colore nero scintillante, in acciaio e carbonio. Colpiscono gli slanci pazzeschi di poppa e prua e le linee classiche, in un periodo in cui il design va sempre di più verso dritti di prua e poppa verticali.

Strana la soluzione con una specie di “doppia prua”. Attenzione, una doppia prua ben diversa da quella che si è già vista su alcune navi e persino su una barca a motore di 12 metri – il Canelli 39 Revolutio -, ovvero una doppia prua sfalsata e giacente sullo stesso asse che permette di ridurre l’attrito e la resistenza al moto quando l’unità viaggia a basse velocità e che fuoriesce dall’acqua in assetto planante. Nel caso della barca di Bezos, la scelta pare essere dettata dalla volontà di avere una grande “delfiniera” integrata nello scafo.

I tre alberi e il Dyna Rig

Sappiamo inoltre che la barca avrà tre alberi, con sistema Dyna Rig. Il Dyna Rig è stato inventato da Wilhelm Prölss negli anni ‘60. Il DynaRig che è stato montato con successo su Black Pearl, funziona con alberi rotanti indipendenti con attrezzatura velica autoportante (non c’è sartiame).

Il piano velico Dyna Rig

Ogni albero sostiene sei pennoni che, a differenza di un albero convenzionale, hanno una curvatura preimpostata del 12%. Le quindici vele quadrate sono posizionate tra i pennoni in modo tale che quando sono issate non ci sono spazi vuoti tra un albero e l’altro, così da agire come un’unica ala.

Le vele sono avvolgibili e vengono immagazzinate nell’albero, possono essere issate in sei minuti da potenti motori elettrici. La regolazione delle vele avviene ruotando gli alberi. Poiché non c’è sartiame, gli alberi e i pennoni possono essere ruotati sino a far navigare la barca anche di bolina stretta. La prima barca che ha installato il Dyna Rig System è stato nel 2006 Maltese Falcon costruito dal cantiere italiano Perini Navi.

Trenta nodi a vela per 3.000 tonnellate

La velocità massima a vela della barca sarà di oltre 30 nodi e a motore 18 soli nodi, peso di oltre 3.000 tonnellate. Saranno solo 6, al massimo 7, le cabine con una suite armatoriale posizionata a prua che equivale ad un appartamento di almeno 250 metri quadrati. Altrettanto mostruosa la superficie velica stimata in 3.500 metri quadrati.

Foto di Guy Fleury

Come facciamo a sapere che la barca è di Jeff Bezos?

Sorge una curiosità. Vista la privacy relativa a questi mega progetti, come facciamo a sapere che la barca sia proprio di Jeff Bezos? Nel libro “Amazon Unbound – Jeff Bezos and the Invention of a Global Empire” di Brad Stone, viene descritto il superyacht, come “una delle più belle barche esistenti”, con “diversi ponti” e “tre enormi alberi”. 

Secondo il libro, inoltre, sarebbe in costruzione anche un tender. Un tender che, vi avevamo anticipato, sarà lungo 30 metri e dove potrà atterrerare l’elicottero che non può atterrare sulla barca “madre”, perché gli alberi non lasciano spazio all’eliporto.

Jeff Bezos e la fidanzata Lauren Sanchez

Tutta “colpa” della fidanzata di Bezos

Si dice anche che la superbarca di Jeff Bezos (177 miliardi di dollari di patrimonio) sia frutto di un’idea della fidanzata del CEO di Amazion, la 51enne Lauren Sanchez (anchor televisiva e imprenditrice), dopo una vacanza in barca in Spagna a bordo della barca a vela con la stilista Diane Von Furstenberg.


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi