Arc Rally: è Nacira la prima barca a raggiungere Santa Lucia

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Arrivano buone notizie dalla ARC, il rally atlantico, per le barche italiane impegnate nella traversata. La prima barca della flotta a raggiungere Santa Lucia ai Caraibi ha infatti il tricolore a poppa, si tratta del Vismara 69 Nacira di Diego Paternò Castello e Federico Marchi, skipper Federico Dosso in un equipaggio dove figurava anche Ambrogio Beccaria. Nacira, dopo un lungo duello, si è imposta sui rivali di Guyader Saveol che hanno tagliato il traguardo poco più di un’ora dopo la barca italiana.

Gli alisei calmi all’inizio del rally, che è partito da Las Palmas domenica 21 novembre, non erano certo ideali per Nacica, che è monoscafo di 23 metri molto orientato alle andature portanti, ma quando il vento ha finalmente rinforzato, la barca ha cambiato passo facendo un buon tempo durante la seconda metà deel percorso di 3.188 miglia, toccando anche velocità di 28 nodi. Il portavoce dell’equipaggio, Matteo Grassi, ha detto: “La maggior parte dell’equipaggio ha già sperimentato la traversata, ma non ci aspettavamo di avere così tanto vento negli ultimi giorni e abbiamo fatto quasi 400 NM in un giorno, la barca è proprio un missile”.

ABBONATEVI SUBITO AL GIORNALE DELLA VELA, DUE REGALI PER VOI!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Torna su