Chi sono i tre italiani che ci stanno facendo sognare alla Mini Transat

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

La partenza della Mini Transat

Tre italiani così in alto, contemporaneamente, in una tappa della Mini Transat. A memoria crediamo sia un evento mai accaduto prima. Alberto Riva, che punta addirittura a vincere questa seconda tappa della regata, si è ritrovato in ottima compagnia: Giovanni Mengucci e Giammarco Sardi lo seguono poche miglia dietro. Sognare un risultato storico, quando al traguardo di Saint François mancano ormai 1000 miglia, può essere lecito. Ma chi sono i tre “moschettieri” che ci stanno facendo sognare nel tempio della vela transalpina?

I MAGNIFICI TRE DELLA MINI TRANSAT ITALIANA

Giovanni Mengucci:  21 anni, da Santa Marinella, con una laurea in Ingegneria Navale a Southampton, è un esordiente assoluto della Mini Transat, dato che ha iniziato a frequentare la classe dal 2018 dopo essersene innamorato. Sta correndo la regata con un Pogo 3 del 2019, partiva l’obiettivo di fare esperienza e dire la sua in una flotta ultra competitiva, con la voglia di portare la regata fino in fondo e poi dare un occhio alla classifica. Ma la sua prestazione sta rivelando forse la nascita di un nuovo talento. Già nella prima tappa aveva dimostrato di essere in “fase” con la regata, questa seconda potrebbe essere la sua definitiva consacrazione.

Giammarco Sardi: ormai da un paio di anni ha dimostrato di sapere fare molto bene nel circuito Mediterraneo. Partiva con l’intento di dare e “fastidio” dentro la flotta dei Serie, ci sta riuscendo eccome. Il 34enne romano corre con un Maxi 650 del 2019, barca quindi che lo mette alla pari sotto il punto di vista delle performance con i pretendenti alla top 10. E’ un esordiente della regata ma non dell’Oceano, dato che lo ha attraversato con un cat sportivo in coppia con Tullio Picciolini nel 2019. Un velista da imprese dure.

Alberto Riva: già alla vigilia della regata veniva indicato lui come lo skipper più “pericoloso” del gruppo italiano, dato che ha dimostrato anche di essere competitivo rispetto alla flotta francese nelle ultime prove di stagione corse in Oceano. Regata con un Vector, sul quale è salito anche l’amico Ambrogio Beccaria con il quale ha mosso i primi passi in Mini.  Il 29enne Riva, Ingegnere con un master in nanotecnologie, sembra avere la stoffa per diventare uno dei migliori velisti oceanici italiani nel prossimo futuro.

LA SITUAZIONE IN CLASSIFICA

Alberto Riva, adesso secondo dietro Blin, continua ad alternare prima e seconda posizione a ogni rilevamento. Edilizia Acrobatica oggi sta facendo nuovamente rotta sud, per cercare una traiettoria migliore di avvicinamento verso Saint François e la Guadalupa. Riva, se vuole provare a puntare alla classifica generale, deve vincere la tappa e dare un distacco di oltre 12 ore al francese Hugo Dhallene, attualmente non lontano dall’italiano. Un’impresa difficile, ma il successo di tappa sembra alla portata. Giammarco Sardi, terzo, e Giovanni Mengucci, settimo, sono stabili in top 10, staccati di 27 e 16 miglia dal leader. Luca Del Zozzo è 13mo, Francesco Renella 27mo. Matteo Sericano tra i Prototipi è in 20ma posizione.

TRACKING

Mauro Giuffrè


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità , aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

Il team di America’s Cup INEOS Britannia sta attraversando un periodo burrascoso, e non solo sul mare. Dopo un po’ di delusione nelle regate preliminari di America’s Cup, con un ultimo e penultimo posto alle tappe di Vilanova e Jeddah,

Torna su

Registrati



Accedi