Il raccogliranda a forcella artigianale che manda in pensione il lazy jack

Marco Mastantuono, velista anconetano e nostro lettore, si è inventato un sistema che vi farà discutere. Un raccogliranda a forcella in acciaio (fissato al boma con un supporto), che sostituisce il lazy jack e che, a suo dire, elimina qualsiasi rischio di “impiccio” sia in issata e ammainata che nel cambio della vela.

Perché il raccogliranda a forcella

“Negli anni passati quando uscivo con la mia barca da solo”, ci ha scritto, “usavo come tutti il lazy jack che consentiva al ritorno di far rientrare la randa nella cappotta. Col passare del tempo mi rendevo conto che spesso nell’issare la vela la stessa si impigliava nelle cimette del lazy jack e dovevo far scendere parzialmente la vela”.

raccogliranda a forcella disegno

Da lì, l’idea del raccogliranda a forcella. “Ho costruito con le mie mani (non sono un artigiano) un accessorio che consentiva di liberarmi delle cimette consentendo altresì di far appoggiare la randa per poi successivamente coprirla. Questo attrezzo lo ho tenuto per 5 anni e non mi ha mai dato problemi.

E’ piaciuto anche al nuovo armatore

Ho venduto la mia barca e l’acquirente nel frattempo ha cambiato l’albero (più alto di 1 metro),le sartie il boma e le vele (quelle da corsa), impianto elettrico ecc… Sono passati 10 anni e una cosa non ha cambiato, le forcelle raccogliranda! Mi ha scritto che erano troppo comode e cambiando il boma aveva adattato le forcelle alla nuova sagoma del boma”.

supporto forcella raccogliranda a forcella

Il particolare del supporto della forcella: l’acciaio è in uso da 15 anni, si notano i primi segni della ruggine

I vantaggi del raccogliranda a forcella

Prosegue Mastantuono: “Per me i vantaggi sono:
Un aspetto più pulito senza la ragnatela del lazy jack.
Comodità nell’issata e nell’ammainata della vela al rientro, anche in bolina larga;
Meno resistenza all’avanzamento per cimette e cappotta che se pur di poco frenano la velocità della barca;
– Infine nella sostituzione della randa nessun impiccio derivante dalle cimette”.

“Questo non lo ho fatto”, conclude Mastantuono, “affinché altri debbano per forza adottare questo metodo, ma solo per illustrare che con l’esperienza personale si possono trovare soluzioni adatte alle proprie esigenze”.

raccogli randa a forcella a riposo
A riposo, il sistema quasi non si vede

Cosa ne pensate dell’idea?

Se volete saperne di più sul sistema raccogliranda a forcella, potete scrivere una mail a Marco Mastantuono all’indirizzo corallo_mm@libero.it

Forcella raccogliranda, i dettagli in foto


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Il raccogliranda a forcella artigianale che manda in pensione il lazy jack”

  1. Buon giorno. Idea interessante, complimenti.
    Ma in fase di ammainata il Lazy Jack aiuta la randa a non spostarsi sui lati, incanalandosi nella sacca. Con questo metodo non c’è il rischio di trovarsi la randa fuori dalle forcelle se non si è perfettamente contro vento.?
    Comunque bellissima pensata, non escludo di intavolare un progetto per la mia (Sun Odyssey 37).
    Grazie

  2. Il problema dell’incattivamento della randa nel lazy Jack durante l’issata può essere facilmente eliminato con dei lazy Jack che possono essere allungati e quindi incocciati a pruavia del’albero durante l’issata, liberando così tutta l’area della randa. Uso questo sistema da 15 anni senza problemi, non ho il lazybag ma un copriranda e quindi i lazy Jack, da me costruiti, partono dalla canaletta del boma. Inoltre se i lazy jack scorrono su bozzelli o anelli sotto le crocette, possono essere tolti, magari lasciando un sottile testimone, es. filo da pesca in dyneema, nel caso in cui si volesse ridurre la resistenza all’aria durante la stagione delle regate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO – Manovrare in spazi ristretti

Manovrare in spazi ristretti è il tema del nono  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo quali siano i trucchi per districarsi nei canali dei porti affollati, in cui apparentemente, non c’è abbastanza spazio per girare la propria barca

Torna su