developed and seo specialist Franco Danese

JPK 39: quando la crociera è “alla francese”

Qui trovi le cime usate sulle barche della Coppa più famosa del Mondo
7 settembre 2021
Mondiale Moth: Slingsby mostro, Bruni migliore italiano
8 settembre 2021

Sulle pagine del Giornale della Vela vi abbiamo parlato spesso del cantiere JPK e delle sue imbarcazioni, ma lo abbiamo fatto a proposito delle vittorie che questi progetti raccolgono nelle regate offshore internazionali. Ma il cantiere JPK da qualche tempo sta cercando anche di potenziare la sua gamma prettamente dedicata alla crociera, sia pura a quella sportiva.

Vi presentiamo quindi una delle ultime nate di questo segmente, il JPK 39, una barca da crociera “alla francese”, ovvero di carattere e con molte scelte di design interessanti. Il progetto è di Jacques Valer, che ha già firmato gli altri JPK, e per il 39 ha preso delle decisioni progettuali poco convenzionali. Le prime scelte interessanti che si notano riguardano il ponte e la tuga. La linea della coperta è marcatamente in discesa verso poppa, serve a fare defluire l’acqua velocemente se navighiamo con mare molto formato, e allo stesso tempo la tuga voluminosa protegge il pozzetto dagli spruzzi. La forma della tuga ovviamente è anche legata al comfort, dato che parliamo di una barca da crociera, e in particolare all’aumento dei volumi interni che genera nonché alla luminosità che la soluzione a tutta finestra garantisce.

Valer ha poi giocato sulle forme della carena, e anche qui non sono mancate le idee. Lo scafo sotto non è completamente piatto, ma ha dei volumi leggermente tondi per essere più tollerante di bolina con onda.

Lo spigolo di poppa è marcato, ma è molto alto sull’acqua e non va in immersione se la barca non sbanda, evitando così trascinamento inutile e dannoso con poco vento. Gli spigoli aiutano anche ad aumentare il volume nelle cabine posteriori. Si tratta quindi un mix di soluzioni che guardano alle capacità di navigare della barca ma creano anche quel “plus” di comodità che su una barca che vuole essere un cruise devono esserci.

Per il resto le appendici del JPK 39 prevedono una chiglia a T ad alto pescaggio, due timoni, la barca viene presentata con la doppia barra in luogo della ruota. Complessivamente, considerato anche la buona volumetria degli interni, parliamo certamente di un cruiser ma ovviamente è una barca che con poche ottimizzazioni si presta senza problemi a competere in regata anche se preferirà la dimensione offshore alle boe.

Lunghezza 11,72 m
Lungh. gall. 11,00 m
Larghezza 3,98 m
Dislocamento 5,500 kg
Volvo 30 cv
Zavorra 1,900 kg
Pescaggio chiglia lift 1,30 m – 2,70 m
Pescaggio chiglia corta 1,80 m

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi