Il segreto per una navigazione fresca e “serena” in 5 punti

 

frigomarQuando si salpa l’ancora e si parte a navigare verso le tanto desiderate vacanze, l’ultima cosa a cui si vuole andare incontro è un malfunzionamento di uno qualsiasi degli apparati che permettono all’imbarcazione di navigare e alla vita a bordo di essere confortevole e rilassante. In quest’ottica gli impianti di aria condizionata e refrigerazione sono di primaria importanza e non devono mai far venire meno il loro importante lavoro.

Ma come si fa a garantire che tutto funzioni sempre a dovere, e soprattutto nel caso qualcosa vada storto cosa bisogna fare?

Frigomar nel corso dei suoi quasi 50 anni di storia ha da sempre lavorato perché i propri prodotti e servizi si caratterizzino per un livello di efficienza superiore. Ecco come Frigomar ha ottimizzato un utilizzo continuo e efficace dei propri sistemi di climatizzazione e refrigerazione.

I 5 PUNTI FONDAMENTALI PER IL COMFORT A BORDO PER FRIGOMAR

  1. Qualità costruttiva.

Va da sé che alla base di tutto ci devono essere macchinari studiati e costruiti per poter lavorare in ogni condizione il più a lungo possibile. La qualità della progettazione e della costruzione made in Italy consentono di produrre sistemi efficienti e resistenti. Inoltre da sempre Frigomar si è contraddistinta nell’innovazione, proponendo per prima nel settore nautico soluzioni avanzate come la tecnologia Inverter (vedi assenza di sollecitazione meccaniche presenti nella tecnologia a frequenza variabile) e utilizzando materiali innovativi che efficientano prestazioni e durata delle parti più delicate.

  1. Progettazione e installazione

Una corretta progettazione e una conseguente installazione a regola d’arte è fondamentale perché gli impianti funzionino in maniera idonea e a lungo senza andare incontro a guasti o fermi. Dimensionare nel modo corretto, posizionare e adattare le macchine all’interno dell’arredamento dell’imbarcazione è di primaria importanza per avere la certezza che tutto funzioni a dovere. In tal senso Frigomar da sempre lavora gomito a gomito con gli Uffici Tecnici del Cantiere adottando per ogni situazione tutti gli accorgimenti necessari a soddisfare le richieste del cliente e a garantire un funzionamento corretto.

  1. Manutenzione programmata

Sembra sempre sia una parte superflua, quasi una scocciatura, ma effettuare una regolare e corretta manutenzione degli impianti è garanzia di lunga vita di tutte le componenti. Che poi la manutenzione degli impianti Frigomar non è né complicata né dispendiosa e permetterà di salpare l’ancora con la serenità di chi ha fatto tutto il necessario per un corretto funzionamento.

  1. Minima operatività

È normale però che in alcuni casi si vada incontro a malfunzionamenti o avarie. Qui Frigomar cerca di giocare di anticipo, andando a progettare i propri macchinari in modo che poco venga lasciato al cosa. Dove possibile si studiano soluzioni che garantiscano una minima operatività, che vuol dire semplicemente garantire il controllo delle funzioni base dei macchinari. Ad esempio nel caso dei pannelli di controllo dei sistemi di aria condizionata e possibile bypassare il touch-screen e il PLC elettronico che ne governa tutte le funzionalità agendo su semplici interruttori. Così se il touch-screen smette di funzionare correttamente per qualsiasi motivo (dallo sbalzo di corrente esterna all’urto accidentale …), basta rimuovere 4 viti all’interno del pannello di controllo e si può regolare il funzionamento in modo semplice, e immediato e sicuro.

  1. Una service network capillare

Infine bisogna sapere che Frigomar è sempre vicina ai suoi clienti. Nel corso dei suoi lunghi anni di attività ha sviluppato una estesa rete di service in tutto il mondo nei luoghi ”nevralgici” della nautica. Che sia necessario riparare qualcosa o eseguire la normale manutenzione, anche quando sei in navigazione è facile trovare un centro assistenza Frigomar sulla tua rotta. Ad oggi i service Frigomar sono più di 110 in oltre 40 paesi del mondo.

Dunque per navigare freschi e sereni affidatevi a Frigomar.

 

*news sponsorizzata

ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

VIDEO – Manovrare in spazi ristretti

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Manovrare

Torna su