IDEA Fatti il tender rigido in carbonio (così non ci pensi più)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

tenderQuesto tender non è un tender. Ma un concentrato di tecnologia Made in Germany che ti dura una vita: AST è un’azienda basata a Potsdam specializzata nella lavorazione dei compositi (andate a scoprire qui le sue derive, anche volanti) che ha sviluppato due gamme di battellini rigidi in carbonio e ultraleggeri che piacciono molto ai velisti: al Salone di Cannes, prima di noi due coppie di armatori hanno chiesto informazioni incuriositi per le loro barche. Una aveva il garage di poppa, l’altra l’argano per sollevare il tender a poppa.

Le gamme di AST Tender

Le gamme si chiamano Beach (la versione “open deck”) e Coast (con console centrale integrata) e i loro punti forti sono, ovviamente, la leggerezza e la velocità grazie a una chiglia a V di ultima generazione, oltre che essere maintenance free a differenza dei tender tradizionali.

Due gamme, quattro modelli:

I vantaggi di un tender in carbonio

Leggerezza totale, dicevamo. Il Beach 280 (2,80 x 1,50 m, fino a 4 persone) pesa solo 30 chili, il 340 (3,40 x 1,62 m, fino a 5 persone) 39 kg, il 341 (misure uguali al 340, con una panchetta centrale amovibile) 47 kg. Per quanto riguarda la gamma Coast, il 340 (3,40 x 1,62) pesa 67 kg.

Non solo leggerezza

La struttura rigida dei tender AST (carbonio con infusione di epossidica e foam sandwich) ne garantisce la durata: basta portarvi dietro gonfiatori, basta tubolari che si rovinano al sole. La forma della carena, inoltre, ottimizza le prestazioni e ben si presta anche alla propulsione elettrica.

La stabilità, poi, è pazzesca: basta “ballare” e rischiare di cadere in acqua ogni volta che salite a bordo. Basta guardare questo video per capire di cosa stiamo parlando:

Parlando di motorizzazione, per il 280 l’ideale è un 6 cavalli, per il 340 si arriva fino a 15. Last, but not least, il doppio fondo e il sandwich in schiuma poliuretanica li rendono inaffondabili. Questo significa che, non servendo i tubolari per il galleggiamento, lo spazio a bordo è di gran lunga superiore rispetto a un tender tradizionale.

Prezzi. Non bassi, ma…

Quanto costano questi gioiellini? Non poco, ma se state pensando di utilizzare la barca per lunghi periodi, se siete dei “liveaboard”, potrebbero essere la scelta giusta in termini di comfort, performance e sicurezza. Si parte da 6.800 euro (+ IVA) per il Beach 280 (che diventano circa 7.500 per il 340 e 10.500 per il 341) e si arriva fino agli 11.500 del Coast 340.

Qui tutte le info sui modelli AST


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Accessori da barca furbi 2023

Sei accessori furbi del 2023 che ti cambiano la vita in barca

Gli accessori furbi da avere in barca nel 2023 Nel vastissimo panorama degli accessori nautici oggi disponibili sul mercato, sempre più ricco e interessante, si distinguono alcuni accessori più “furbi” di altri. Sono ad esempio piccole chicche o soluzioni in

mano di terzaroli

VIDEO – Ridurre le vele con vento forte

Ridurre le vele con vento forte, in particolare  prendere o dare le mani di terzaroli,  il tema del decimo  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. Ridurre le vele con

Torna su