Come prendere una mano di terzaroli in solitaria

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Navigando da soli o in equipaggio ridotto si dovrà ridurre la velatura con un certo anticipo per non farsi sorprendere da improvvisi cambiamenti del vento. Ecco come fare per prendere una mano di terzaroli in totale sicurezza.

CONSIGLIO 1

PRENDERE LA TERZA MANO DI TERZAROLI
Passiamo subito alla terza mano di terzaroli, essendo il principio lo stesso per tutte e tre le mani. In genere la borosa della terza mano non è installata permanentemente perché non c’è puleggia disponibile all’estremità del boma (due altri motivi per non pre-installare una borosa: le prestazioni e l’estetica della vela).

IMMAGINE IN ALTO Il sistema a borosa unica è facile da installare. Per terzarolare è sufficiente lascare la drizza fino a un segno predeterminato e cazzare con forza la borosa unica. IMMAGINE A META’ Questo sistema è rinviato su entrambi i bordi. Si devono posizionare i bozzelli in modo tale che il tiro sia verso l’esterno e il basso per appiattire la vela e prevenire i carichi laterali che forzano sull’inferitura. IMMAGINE IN BASSO L’utilizzo del lazy jack consente di controllare la randa durante l’ammainata e mentre si prendono i terzaroli. E’ molto utile con le rande completamente steccate, ma lavora bene anche con le rande tradizionali

Ma la mancanza di una borosa pre-installata renderà la manovra più lunga (non dimenticate: c’è vento e mare! Ricordate che la cintura di sicurezza dev’essere incocciata durante la manovra e ci si sposterà sul ponte sopravento).

LE VARIE FASI DELLA MANOVRA

1. Ammainare completamente la randa
Risalite il vento per ammainare la randa. Quando la vela è ammainata a metà, bloccate bene il boma nell’asse per potervici appoggiare sopra. Siccome per le fasi successive non sarà più necessario risalire il vento, si può poggiare leggermente per cercare un’andatura più confortevole, tenuto conto del vento, dell’onda e del pilota; in genere sarà un’andatura al lasco. Quando c’è vento, la vela ammainata ha la tendenza a risalire da sola. Occorre quindi serrarla vicino all’inferitura con una cima o un matafione, intorno ai tre metri di lunghezza (una cima di tre metri può sempre tornare utile a bordo). Dopo aver serrato la vela, mollate lo strozzascotte della borosa della prima e seconda mano di terzaroli per lascarle l’insieme.

CONSIGLIO 2

2. Fissare la borosa
Bisogna ora trasferire la borosa della prima mano di terzaroli alla terza mano. Prima liberate la borosa della prima mano dal ponticello sul boma disfando la gassa d’amante (se il ponticello è sotto vento bisognerà lavorare alla cieca o mettersi sotto il boma ma non bisogna mettersi sotto vento). Poi fate uscire la borosa dall’occhiello del punto di scotta della prima mano di terzaroli, fatela passare nel ponticello della terza mano di terzaroli e fate una gassa d’amante. Quindi rimboccate la vela sulla prima mano di terzaroli, dove c’era la borosa, senza tenderla – si tratta di tenere al suo posto questa parte di vela.

3. Fissare il punto di mura dei terzaroli
Nel caso in cui ci siano una cima con moschettone e un anello sul boma (è la soluzione migliore), si aggancia il moschettone sull’anello al vento; non ci saranno problemi perché c’è posto sull’anello per più di una mano di terzaroli. La cima dev’essere abbastanza lunga per poterla tenere bene in mano; soprattutto d’inverno, quando dev’essere possibile terzarolare senza togliersi i guanti. Nel caso in cui la cima termini con un occhiello e ci sia un gancio sul boma, non essendoci spazio per più di un occhiello sullo stesso gancio, bisognerà liberare il gancio al vento dall’occhiello che lo occupa al momento, che si tratti dell’occhiello della prima o della seconda mano di terzaroli, e mettere al suo posto l’occhiello della terza mano.

CONSIGLIO 3

4. Issare la vela e tesare la borosa
Ora, prima di tesare la borosa della terza mano di terzaroli, si isserà la vela. Togliete la cima che bloccava l’inferitura della randa poi tornate in pozzetto e lascate la scotta. A quel punto potete rimontare il vento leggermente e issare la vela (issatela velocemente affinché la vela fileggi per il minor tempo possibile, perché una vela che fileggia forte rischia di strapparsi). Poi si riprende il lasco della borosa con un winch o a mano e non resta che cazzare la scotta e riprendere la rotta.

Da ricordare:
Bisogna aspettare di aver issato la randa completamente e tesato la drizza prima di tesare la borosa dei terzaroli. Perché? Se si tesa la borosa prima che la drizza della randa sia ben tesa, tutto il fondo della vela avrà la tendenza ad arretrare e tirerà sulle prime guide, che sono ancora vicine al punto di mura perché la ralinga non è ancora tesa; si rischia così di strappare una delle guide. Un caricabasso rigido (vang rigido), con una molla o un martinetto a gas rende più facile tesare la borosa dei terzaroli perché spinge il boma verso l’alto, non appena si libera il paranco; assume cioè lo stesso ruolo di un amantiglio. Altrimenti, sarà la trazione sulla borosa nel momento in cui si tesano i terzaroli a sollevare il boma (il boma è sceso quando si è ammainata la vela) e di conseguenza la borosa sarà sottoposta a uno sforzo notevole. E’ bene avere la drizza di randa e le due borose dei terzaroli dallo stesso lato nel cockpit, così si potrà effettuare tutta la manovra dalla stessa parte.

TUTTI I TRUCCHI PER NAVIGARE IN EQUIPAGGIO RIDOTTO
Questi preziosi consigli sono tratti dal nostro manuale “Navigare in equipaggio ridotto”. Quante volte avete rinunciato a uscire con la vostra barca perché non trovavate abbastanza persone d’equipaggio? D’ora in avanti il problema non esisterà più. Capitolo dopo capitolo, vi sveleremo i trucchi per portare la vostra barca praticamente da soli. Dall’ingresso in porto all’ancoraggio in rada, dalla regolazione delle vele fino alla preparazione delle traversate più impegnative, ogni argomento è illustrato con foto e disegni. Preparatevi a mollare gli ormeggi!

LO TROVATE QUI A SOLI 9,99 EURO!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'equipaggio di Ineos Team Britannia sarà vestito da Henri Lloyd per l'America's Cup 2024

Ecco cosa indosseranno i campioni della Coppa America 2024

Manca sempre di meno all’appuntamento con l’America’s Cup 2024 che si terrà nelle acque antistanti Barcellona. Come si vestiranno i componenti dei team e degli equipaggi della Coppa? Nonostante molti marchi e team non abbiano ancora svelato i dettagli, siamo

Registrati



Accedi