PROVATA. Questo non è il “solito” Ice Yachts

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
ICE 70

Questo non è il solito Ice, aspettati qualcosa di molto diverso” ci racconta Marco Malgara, proprietario di Ice Yachts, mentre navighiamo in gommone dal porto di Rapallo verso la barca che è già uscita in mare. All’orizzone il nuovo Ice 70, progetto di Umberto Felci, sta navigando sotto Code Zero, e in effetti non appena arriviamo sotto bordo ci rendiamo conto che questa è certamente una barca diversa rispetto a quelle a cui ci ha abituato il cantiere di Salvirola fino a oggi.

Non è infatti un mistero che Ice adesso, di fianco alle barche che hanno reso famoso il marchio, ovvero le fuoriserie sportive, stia affiancando progetti e modelli più spiccatamente dedicati alla crociera, pur senza dimenticarsi di quanto siano importanti le prestazioni.

E questa è la strada che vuole percorrere l’Ice 70, il cui primo modello è stato commissionato da un armatore che aveva delle richieste precise: una barca molto comoda, dotata di ogni comfort, che potesse garantire volumi interni adatti a trascorrere lungo tempo a bordo, un blue water da lunghe navigazioni in grado di navigare bene a vela nonostante la grande quantità di accessori e di legno per il prezioso mobilio al suo interno. 

Una delle chiavi del progetto è il nuovo disegno della tuga, in stile raised saloon con una finestratura continua senza interruzioni.

Questa scelta va di pari passo con quella della dinette, che è stata leggermente rialzata rispetto al resto degli interni proprio per potere sfruttare al meglio l’effetto di luminosità e visione verso l’esterno che un disegno della tuga simile offre.

LA PROVA, I NUMERI E LE FOTO SUL NUMERO DEL GIORNALE DELLA VELA DI SETTEMBRE IN EDIZIONE CARTACEA


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su