developed and seo specialist Franco Danese

Le dieci isole sperdute dell’estate affollata da visitare in barca

Refit in vista? Cambiate anche l’avvolgifiocco!
12 agosto 2021
Gennaker: perché si e perché no, ecco cosa sapere su questa vela
13 agosto 2021

Nella seconda estate all’insegna del turismo di prossimità, le coste e le isole del Mediterraneo più accessibili saranno, ancora una volta, più a che mai. E allora perché non approfittarne per navigare lontani dalla folla, verso paradisi poco conosciuti dove il turismo di massa ancora non è arrivato? Ecco la nostra classifica delle isole sperdute (alcuni sono tratti dall’Atlante delle Isole del Mediterraneo di Simone Perotti) da visitare in barca quest’estate: sia che abbiate già noleggiato la barca o che siate in procinto di farlo!

  1. Kyra Panagia (Grecia) – 39°19’26”N • 24°04’20”E

Conosciuta anche come Pelagos, è la più grande delle isole deserte nell’arcipelago delle Sporadi. Ci sarebbe anche un monastero, ma è abitato da una sola persona: il pastore Giorgos Tzortis, che ogni mattina alza la bandiera greca. Ridossatissima e splendida a nord la baia di Planitis.

isole sperdute

  1. Lampedusa (Italia) – 35°30’49” • 12°35’12”E

Fenicia, greca, romana, colonizzata dai francesi nel Settecento, poi dai maltesi, da agricoltori inglesi e infine dai panteschi su ordine di Ferdinando di Borbone. Più a sud di Tunisi, ma italiana. Un luogo circondato dall’azzurro dove sentirsi a casa.

  1. Jazirat Jalitah (Tunisia) – 37°31’31”N • 08°55’47”E

Conosciuta in francese come La Galite (in Italiano Isola della Caletta), è l’isola principale dell’omonimo arcipelago, 40 miglia dalla Tunisia e 150 dalla Sardegna. Uno scoglio alto nel mare con una storia travagliata. Abitato saltuariamente nell’antichità da romani e cartaginesi, venne popolato nell’800 da una comunità di ponzesi e tabarchini che vi praticavano la pesca delle aragoste. Tra il 1956 e il 1962, con l’indipendenza della Tunisia, l’isola venne abbandonata.

  1.  Malu Entu (Italia) – 39°59’26”N • 08°18’19”E

Una vera perla di biodiversità nel Mare Nostrum. Le acque cristallo circostanti la piccola isola ad ovest della Sardegna sono popolate da tartarughe marine della specie Caretta caretta e da cetacei.

  1. Palagruža (Croazia) – 42°23’34”N • 16°15’31”E

Piccolo paradiso tra Croazia e Italia (30 miglia al largo di Peschici), Palagruža (in italiano Pelagosa) è popolata da sedici tipi di orchidee. Le sue acque sono ricchissime di pesci. Suggestivo il faro su un eremo da raggiungere dopo una bella scarpinata.

  1. Agios Efstratios (Grecia) – 39°31’08”N • 25°00’31”E

Una chicca per chi è alla ricerca di pace, Agiostrati. Nel bel mezzo dell’Egro settentrionale, è assai poco frequentata. In passato molti dissidenti sia durante la guerra civile greca che durante la Dittatura dei Colonnelli furono mandati in questo angolo sperduto in confino.

  1. Gavdos (Grecia) – 34°50’50”N • 24°05’16”E

Situata nel Mar Libico, il suo lembo sudorientale, Akra Tripiti, è il punto più meridionale d’Europa. Ci sono 17 chiese, ma un solo parroco. Una scuola, un insegnante, tre alunni. Rocciosa ma verde, folta di pini, cedri e ginepri. Le spiagge sono splendide, il tramonto visto dal faro di Gavdos è un’esperienza mistica.

  1. Pantelleria (Italia) – 36°47’27”N • 11°59’38”E

Situata 55 miglia a sud-ovest della Sicilia e 30 miglia a nord della Tunisia, l’isola vulcanica di Pantelleria offre un paesaggio unico: colate laviche a blocchi, cale e faraglioni a cui si aggiungono le antiche costruzioni dell’uomo. Muri a secco, giardini panteschi (costruzioni quasi sempre cilindriche in muratura di pietra lavica a secco per proteggere gli agrumi dal vento) e dammusi, antichi fabbricati rurali a cubo, con spessi muri a secco, tetti bianchi a cupola.

  1. Nuova Tabarca (Spagna) – 38°09′52″N • 0°28′20″O

Case basse e bianche che digradano verso il mare azzurro, palme, oleandri e antica parlata ligure vi attendono in questa splendida isola (che è un’area marina protetta facente parte della Comunità Autonoma Valenzana) a sud di Capo di Santa Pola, nel Mar delle Baleari meridionale. Il suo nome è dovuto all’insediamento, durante il regno di Carlo III di Spagna, di famiglie di origine genovese provenienti dalla piccola isola di Tabarka, in Tunisia.

  1. Gheru (Egitto) – 31°21’30”N • 30°06’23”E

In quest’isola disabitata del Mar di Levante, l’egittologo Paolo Gallo ha scoperto un grande insediamento macedone di case con bagni, una fortezza, un faro, un tempio dorico e una cisterna monumentale. Gallo, nel 2000, ha rinvenuto anche alcune tombe che risalirebbero alla Battaglia del Nilo (1798) tra britannici e napoleonici. E’ poco più di uno scoglio questo isolotto al largo di Alessandria, ma l’atmosfera che si respira è quasi irreale.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi