In un “soffio” sei nel paradiso delle Eolie (se ormeggi qui)

eolieQuando si raggiunge via terra o mare la costa nord della Sicilia ecco che le Eolie sono lì, “a portata di mano”, anzi di prua, distanti una trentina di miglia, a ovest e a est. Si, perché le isole del mitologico dio del vento sono sparse nel Tirreno a formare una grande Y.

la modernissima struttura del Capo D’Orlando Marina guarda verso l’arcipelago “dedicato” al dio
del vento.

E proprio “alla base” di questa Y c’è un porto turistico che può costituire il punto di partenza ideale per una crociera verso questi mitici atolli: è il Capo d’Orlando Marina (capodorlandomarina.it e tel. +39 0941 964512). Struttura dalla posizione davvero strategica, anche a terra, perché subito alle sue spalle incomincia il territorio incontaminato del Parco Naturale del Monti Nebrodi, Capo d’Orlando Marina propone servizi d’alto livello ai diportisti che vogliono scoprire le Eolie.

SETTE SORELLE VULCANICHE

Hanno una comune origine vulcanica anche se ognuna – Lipari, Vulcano, Salina, Panarea, Stromboli, Filicudi e Alicudi – ha poi un suo fascino particolare. Le Eolie infatti hanno una tradizione turistica antica: per la limpidezza dei fondali marini, per l’ambiente naturale, i due vulcani attivi a Stromboli e Vulcano, i deliziosi borghi e la cordialità degli abitanti. Visitarle tutte in un’unica vacanza non è semplice, richiede tanto tempo. Ma sicuramente vale la pena cominciare dall’isola più vicina a Capo D’Orlando: è la spettacolare Vulcano, isola che riserva a tutti il suo benvenuto “odoroso”. Avvicinandosi infatti un penetrante odore di zolfo colpisce le narici: è proprio qui, come a Stromboli, che l’attività vulcanica delle Eolie continua a manifestarsi.

Sono tre i crateri: il Monte Aria, Vulcanello e il Gran Cratere, ma solo quest’ultimo è attivo. Sono soprattutto benefici però quelli che l’isola e i turisti traggono dai vulcani: estetici, grazie al fatto che la natura rigogliosa e il mare turchese hanno origine dalle caratteristiche geologiche di Vulcano, e per
la salute. Alle spalle del Porto di Levante, infatti, c’è la Pozza dei Fanghi, una piscina termale naturale.

La spiaggia più esclusiva è quella di Cannitello, anche se forse ancora più bella e affascinante è la Spiaggia dell’Asino: custodita dal borgo di Gelso è di sabbia nera. Lasciata Vulcano e oltrepassata la più grande Lipari ecco Salina, isola che è il polmone verde dell’arcipelago. Qui la prima tappa è a Cala di Pollara, quella che è di certo la baia più affascinante.

Grandioso è lo spettacolo che appare a chi vi getta l’ancora: si scopre una stretta spiaggia di sabbia quasi nera che fuoriesce dalle alte rocce di tufo originate dall’esplosione di un cratere 13mila anni fa. E poi c’è Panarea: è la più piccola e modaiola, ma nonostante ciò è un vero gioiello che vale la pena esplorare. Da non perdere Spiaggia della Calcara, con le piccole fumarole sottomarine.   


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su