In un “soffio” sei nel paradiso delle Eolie (se ormeggi qui)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

eolieQuando si raggiunge via terra o mare la costa nord della Sicilia ecco che le Eolie sono lì, “a portata di mano”, anzi di prua, distanti una trentina di miglia, a ovest e a est. Si, perché le isole del mitologico dio del vento sono sparse nel Tirreno a formare una grande Y.

la modernissima struttura del Capo D’Orlando Marina guarda verso l’arcipelago “dedicato” al dio
del vento.

E proprio “alla base” di questa Y c’è un porto turistico che può costituire il punto di partenza ideale per una crociera verso questi mitici atolli: è il Capo d’Orlando Marina (capodorlandomarina.it e tel. +39 0941 964512). Struttura dalla posizione davvero strategica, anche a terra, perché subito alle sue spalle incomincia il territorio incontaminato del Parco Naturale del Monti Nebrodi, Capo d’Orlando Marina propone servizi d’alto livello ai diportisti che vogliono scoprire le Eolie.

SETTE SORELLE VULCANICHE

Hanno una comune origine vulcanica anche se ognuna – Lipari, Vulcano, Salina, Panarea, Stromboli, Filicudi e Alicudi – ha poi un suo fascino particolare. Le Eolie infatti hanno una tradizione turistica antica: per la limpidezza dei fondali marini, per l’ambiente naturale, i due vulcani attivi a Stromboli e Vulcano, i deliziosi borghi e la cordialità degli abitanti. Visitarle tutte in un’unica vacanza non è semplice, richiede tanto tempo. Ma sicuramente vale la pena cominciare dall’isola più vicina a Capo D’Orlando: è la spettacolare Vulcano, isola che riserva a tutti il suo benvenuto “odoroso”. Avvicinandosi infatti un penetrante odore di zolfo colpisce le narici: è proprio qui, come a Stromboli, che l’attività vulcanica delle Eolie continua a manifestarsi.

Sono tre i crateri: il Monte Aria, Vulcanello e il Gran Cratere, ma solo quest’ultimo è attivo. Sono soprattutto benefici però quelli che l’isola e i turisti traggono dai vulcani: estetici, grazie al fatto che la natura rigogliosa e il mare turchese hanno origine dalle caratteristiche geologiche di Vulcano, e per
la salute. Alle spalle del Porto di Levante, infatti, c’è la Pozza dei Fanghi, una piscina termale naturale.

La spiaggia più esclusiva è quella di Cannitello, anche se forse ancora più bella e affascinante è la Spiaggia dell’Asino: custodita dal borgo di Gelso è di sabbia nera. Lasciata Vulcano e oltrepassata la più grande Lipari ecco Salina, isola che è il polmone verde dell’arcipelago. Qui la prima tappa è a Cala di Pollara, quella che è di certo la baia più affascinante.

Grandioso è lo spettacolo che appare a chi vi getta l’ancora: si scopre una stretta spiaggia di sabbia quasi nera che fuoriesce dalle alte rocce di tufo originate dall’esplosione di un cratere 13mila anni fa. E poi c’è Panarea: è la più piccola e modaiola, ma nonostante ciò è un vero gioiello che vale la pena esplorare. Da non perdere Spiaggia della Calcara, con le piccole fumarole sottomarine.   

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'equipaggio di Ineos Team Britannia sarà vestito da Henri Lloyd per l'America's Cup 2024

Ecco cosa indosseranno i campioni della Coppa America 2024

Manca sempre di meno all’appuntamento con l’America’s Cup 2024 che si terrà nelle acque antistanti Barcellona. Come si vestiranno i componenti dei team e degli equipaggi della Coppa? Nonostante molti marchi e team non abbiano ancora svelato i dettagli, siamo

Registrati



Accedi