Dieci incoraggi da sogno dove fermarsi in Croazia

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

 

Baia di Sakarun, Isola di Dugi Otok. È una delle più belle baie dell’Adriatico. Durante il giorno ospita anche i bagnanti giunti dalla terraferma, mentre di notte solo i velisti ormeggiati a Sakarun possono sentire le sue vibrazioni naturali. E godere di un mare dalle mille tonalità di turchese, nel quale numerose sorgenti di acqua dolce rendono anche i bagni estivi molto rinfrescanti.

Baia Sveti Ivan, Isola di Cres (Quarnaro). È la spiaggia più bella dell’arcipelago di Cres e Losinj e si trova sotto la fiabesca località di Lubenice, la cui fortezza medievale costruita su ripide scogliere offre un panorama incredibile.

Baia di Krivica, Isola di Losinj (Quarnaro). Quella di Krivica è una delle insenature più protette di questa parte dell’Adriatico. A confermarlo sono i rami dei pini che scendono fino alla superficie di un mare verde smeraldo.

Baia di Lojena, Isola Levrnaka, (Isole Kornati). La baia sabbiosa di Lojena è la più bella del Parco Kornati, grazie al mare azzurro, la spiaggia ghiaiosa e la costa rocciosa tutto attorno coperta da una scarsa vegetazione e con un cielo infinito.

Baia di Stiniva, Isola di Vis (Dalmazia Centrale). L’entrata nella cala è una delle esperienze più belle di ogni diportista. Dietro allo stretto, quasi semicircolare ingresso delimitato da imponenti pendici ripide, la baia si allarga e finisce con una piccola spiaggia.

Baia Vinogradisce, Pakleni Otoci (Dalmazia Centrale). È la cala che si apre sulla costa meridionale di Sveti Klement, l’isola più grande delle Isolette Pakleni Otoci che si trovano davanti al golfo della città di Hvar. Molto tranquilla, ha una piccola spiaggia.

Baia di Sunj, Isole Elafiti (Dalmazia del sud). Si trova sulla più bella delle Elafiti, l’isola di Lopud, e ricorda molte destinazioni tropicali, grazie al mare turchese e alla lunga spiaggia sabbiosa delimitata da scogliere ripide e ricche di vegetazione.

Baia Luka Pola, Isola di Mljet (Dalmazia del sud). È il porto più sicuro di Mljet perché protetto da quattro isolotti di un “verde ipnotizzante”. Inoltre è il punto ideale dal quale sbarcare nell’entroterra per andare a esplorare i famosi Laghi di Mljet.

Saplun, Isolotti Lastovnjaci (Dalmazia del sud). È la laguna turchese che si apre tra l’isola di Saplun e i due più piccoli Arženjak che fan parte degli isolotti Lastovnjaci, subito a est della più grande Lastovo. Davvero selvaggia e solitaria.

Baia di Dol, Isola di Susac (Dalmazia del sud). Circondata da fondali profondi oltre cento metri, l’isola di Susac è la più “esterna” della Dalmazia del sud. La baia si trova sulla sua costa sud ed è perfetta per fare un tuffo nell’acqua cristallina.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su