developed and seo specialist Franco Danese

ItalVela: che inizio per Mattia Camboni e Marta Maggetti

antivegetativa slips dolphin
Hanno inventato un’antivegetativa che dura 5 anni e non inquina
24 luglio 2021
Dalla pesca alle regate, ecco la strumentazione che accontenta tutti
26 luglio 2021

Mattia Camboni

Se c’era un buon modo per iniziare l’Olimpiade Mattia Camboni e Marta Maggetti lo hanno trovato: i due atleti italiani dell’RS:X sono entrambi in terza posizione, anche se per Camboni in realtà si tratta di un quarto dato che si trova a pari merito con l’olandese Kirian Badloe che ha ottenuto un miglior parziale nell’ultima regata di giornata. In acqua c’è stato anche l’esordio per gli azzurri di Silvia Zennaro nel Laser femminile, l’atleta delle Fiamme Gialle si trova attualmente in quindicesima posizione dopo tre regate.

La giornata è stata metereologicamente molto complessa sul campo di regata di Enoshima (riascolta la nostra diretta con Riccardo Ravagnan di Meteomed che racconta le caratteristiche del campo di regata), con vento leggero inferiore ai 10 nodi, e un campo di regata di difficile interpretazione.

Le tavole maschili hanno regatato con vento di 8 nodi nella prima prova, sceso a 7 nella seconda e tornato oltre i 10 nodi nella terza e ultima prova. Il civitavecchiese Mattia Camboni è stato costantemente nelle prime posizioni, e ha centrato tre piazzamenti positivi 4-2-4 . In testa lo svizzero Mateo Sanz Lanz (1-1-9), secondo lo spagnolo Angel Granda-Roque (2-4-13), terzo ex-aequo con Camboni il campione del mondo e d’Europa l’olandese Kiran Badloe (5-7-1).

Marta Maggetti

RS:X Femminile – Le tavole femminili hanno corso le prime due prove con vento sui 10 nodi, e l’ultima con vento in calo a 7 nodi. La cagliaritana Marta Maggetti è stata protagonista di tre regate di vertice su un campo difficile dove tutte le favorite hanno sbagliato almeno una prova. Con i tre piazzamenti del giorno 6-3-3 Marta è terza nella classifica generale, alle spalle della francese Charline Picon, oro di Rio 2016 (1-6-2), e della polacca Zofia Noceti-Klapacka (4-1-14). Per la terza prova c’è una protesta proprio tra la francese e la polacca che potrebbe cambiare la classifica.

Laser Radial – Prima prova con vento di 8-9 nodi, Silvia Zennaro chiude al 13° posto. Poi una attesa di circa 1 ora per il ritorno del vento che sale a 10 nodi. In questa seconda prova Zennaro si trova molto indietro e fa una notevole rimonta chiudendo al 20°. In classifica generale è 15ma, a 7 punti dalla top-10. Prima la tedesca Svenja Weger (5-1), seconda la danese Anne-Marie Rindom, bronzo di Rio 2016 (6-5), terza la croata Elena Vorobeva (11-2).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi