Questi winch elettrici sono la soluzione definitiva antifatica e salvaspazio

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

winch elettriciSi fa un gran parlare di easy sailing, ma avete mai provato a cazzare la scotta di un genoa su una barca da crociera con 20 nodi? O a issare la randa senza l’aiuto di nessuno, quando navigate in equipaggio ridotto o inesperto? Credeteci, vi farete un discreto “mazzo”. Se siete giovani e aitanti non c’è problema, ma quando gli anni cominciano a pesare, o se navigate con un equipaggio inesperto e famigliare, di tutte queste fatiche fareste volentieri a meno.

WINCH ELETTRICI E COMPATTI

La soluzione esiste, sono gli winch elettrici. Con due winch primari elettrificati in pozzetto e almeno uno in tuga, vi scorderete della fatica.  E se, in tuga, non volete sacrificare spazio sottocoperta per alloggiare il motore di un verricello elettrificato, c’è la soluzione per voi. L’ha studiata Andersen e si chiama Compact Motor: nella versione “above deck” il motore è interamente ospitato nella base rialzata del winch, in quella “below deck” il motore compatto è incassato in coperta ma occupa meno spazio dei motori tradizionali. Il winch è a velocità variabile (aumenta o diminuisce a seconda della forza con cui si preme il pulsante) e ne esistono di varie dimensioni, .

andersen-compact-winch
A sinistra, la versione “above deck” del winch Compact Motor di Andersen, per il montaggio in coperta. A destra, la soluzione “below deck” con motore compatto da installare sottocoperta

MEGLIO SOPRA O SOTTO?

Meglio “above” o “below”? Ognuna delle due soluzioni ha vantaggi e svantaggi. Il winch con motore incassato nel tamburo non sacrifica spazio sottocoperta ed è facilissimo da installare, è vero, ma necessita di una manutenzione più attenta (con lubrificazione della guarnizione dell’albero motore su base stagionale) perché il motore è più esposto agli elementi. Inoltre, non è raccomandabile installarlo su superfici molto inclinate o verticali perché risulterebbe ancora più esposto a problemi di umidità e infiltrazioni d’acqua sottocoperta.

Con la soluzione “below”, a fronte di un po’ di spazio sacrificato e un’installazione più invasiva avrete un prodotto meglio protetto dagli elementi e dovrete occuparvi meno della manutenzione. A voi la scelta!

AMPIA GAMMA

Andersen ha “in cascina” anche altri modelli di winch elettrici, partendo dagli E1, disponibili a 12 e 24 V (esiste anche il kit di conversione manuale/elettrico per chi ha già un verricello Andersen) a velocità singola, o i Two Speed e Three Speed, a due e tre velocità.

SCOPRI DI PIU’ SUI WINCH ANDERSEN

In Italia trovate gli winch Andersen su www.specialrig.com


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

zattera-barca

VIDEO – La zattera di salvataggio, cosa c’è dentro

La zattera di salvataggio, è la protagonista dell’undicesimo   video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. La zattera di salvataggio, entro quali limiti deve essere a bordo Come abbiamo visto

mano di terzaroli

VIDEO – Ridurre le vele con vento forte

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ridurre

Torna su