developed and seo specialist Franco Danese

Race=Care, come la vela diventa uno strumento per fare del bene

Covid, dove e come navigare in Mediterraneo: le regole, paese per paese
19 luglio 2021
Speciale Porti 2021: Marina Punta Gabbiani, una destinazione a tutta natura per scoprire l’Alto Adriatico
19 luglio 2021

race=careRace=Care, la doppia sfida sportiva e solidale lancia la campagna “Nuovi talenti wanted”

Due navigatori, una barca di sei metri e mezzo pronta a solcare l’Atlantico a settembre ed una doppia sfida, sportiva e solidale, tutto questo e non solo è Race=Care.

Nasce dall’idea di Luca Del Zozzo, forlivese, ingegnere e ora navigatore a tempo pieno. È il fondatore ed ideatore di R=C e si prepara a partecipare a settembre alla Mini Transat, regata transatlantica in solitario a bordo delle più piccole imbarcazioni di classe, per la seconda volta.

Race=Care è un progetto innovativo in Italia che diventerà un format per promuovere sfide sportive e sostenere iniziative solidali, sfruttando il ritorno mediatico che si crea intorno a questi eventi internazionali. Dal punto di vista sportivo non ci limitiamo alle sole partecipazioni alla Mini Transat ma puntiamo sulla continuità sportiva con un team che cresce insieme,” racconta Del Zozzo, che ha da subito coinvolto Luca Rosetti.

Race=CareLuca Rosetti, bolognese, è un velista e marinaio esperto, istruttore FIV. Ha già partecipato alla Mini Transat del 2019 e prenderà il testimone di Del Zozzo, diventando skipper per la campagna Mini Transat del 2023.

Nel calendario sportivo del team per i prossimi quattro anni sono previste regate di avvicinamento e qualifica alla Transat del 2021 e del 2023, oltre alla partecipazione ad eventi velici internazionali.

Per sua natura Race=Care è aperto a nuove collaborazioni anche con circoli nautici, velici e federazioni sportive, con lo scopo di far crescere nei giovani competenze specifiche nella vela d’altura.

Del Zozzo punta anche alla continuità nel tempo creando una rete di velisti e armatori, una grande squadra che porti Race=Care e i suoi scopi solidali sia in altre campagne di Mini Transat sia su altri campi di regata internazionali.

Il confronto con velisti professionisti offre modalità nuove per fare esperienza e una via più semplice e veloce per lo sviluppo di progetti personali, usufruendo del know-how di skipper esperti.

A tal proposito è stata lanciata sulle pagine social del team una campagna di scouting “Nuovi talenti wanted” volta a trovare giovani marinai che vogliano entrare a far parte del progetto e navigare in Atlantico.

È possibile inviare una propria candidatura allegando il curriculum velico o un progetto sportivo su: info@racecare.it.

L’anagramma Race=Care

Il nome di questo progetto racchiude già in sé il concetto di un double challenge: Race, gara è l’anagramma di Care, prendersi cura.

Race=Care si propone di raccogliere fondi, mettendosi a disposizioni di organizzazioni umanitarie per contribuire in termini di immagine e di raccolta fondi. Infatti, una percentuale pari al 20% del budget di sponsorizzazione è dedicata a questi progetti.

Dal punto di vista della solidarietà, la prima collaborazione del team è con CUAMM – Medici con l’Africa. Il Collegio Universitario Aspiranti Medici Missionari opera dal 1950 in Africa con attività di formazione e con la creazione di strutture per tutelare il diritto alla salute di tutti.

In particolare, race=care sostiene le iniziative “Prima le mamme e i bambini, 1000 di questi giorni” per garantire interventi nutrizionali e assistenza sanitaria a donne e bambini dei villaggi dell’Africa sub-Sahariana e “Un vaccino per noi” per sostenere la campagna vaccinale in Africa.

Gli sponsor, aziende che credono nei valori di Race=Care

Un progetto simile non sarebbe possibile senza l’appoggio economico e la fiducia e condivisione degli stessi valori da parte degli sponsor.

Sono due le aziende che hanno sostenuto da sempre i progetti dei navigatori: Cel Components che opera nel campo della produzione di pannelli alleggeriti utilizzati anche nel settore della nautica e M-Pharma Italia, leader nel settore farmaceutico nell’area africana.

“Cel Components rifornisce anche i cantieri navali e assistere alla sfida di questi due navigatori solitari ci fa capire quali sono gli ingredienti per uno spirito vincente: preparazione, strategia, spirito di sacrificio, cura per i dettagli, valori che anche noi condividiamo e che ci contraddistinguono come azienda“, dichiara Andrea Vacchi Suzzi, Amministratore Delegato di Cel Components.

Per avere più informazioni sul team e sul progetto sportivo e solidale visita il sito www.racecare.it

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi