developed and seo specialist Franco Danese

Giustizia è fatta. In carcere il magnate croato che uccise due velisti italiani investendoli con il motoscafo

b34
Brenta B34, un “superyacht” lungo meno di 10 metri
16 luglio 2021
Speciale Porti 2021: Capo d’Orlando Marina, un porto green, comodo e sicuro per scoprire le Eolie e non solo
16 luglio 2021

tomislav horvatincicNon vi diciamo che questa è una vicenda a lieto fine, perché delle vite sono state distrutte. Ma almeno è stata fatta giustizia. Da mercoledì 14 luglio è in carcere, a Zagabria, il tycoon croato Tomislav Horvatincic.

Il Santa Pazienza distrutto dopo l’impatto costato la vita ai coniugi Salpietro

L’imprenditore era stato condannato nel dicembre del 2019 dalla giustizia croata a scontare quattro anni e dieci mesi di reclusione per il suo ruolo nell’incidente nautico avvenuto il 16 agosto 2011 al largo dell’isolotto Barilac (vicino a Primošten/Capocesto).

Francesco Salpietro e Marinella Patella

Un incidente costato la vita ai coniugi italiani Francesco Salpietro (60) e Marinella Patella (60), investiti dal motoscafo di Horvatincic – un Itama 40 Open – mentre erano a bordo della loro barca a vela,il Grand Soleil 39 Santa Pazienza.

Si può sindacare sul fatto che quattro anni e dieci mesi di carcere (senza il beneficio della condizionale) siano pochi, ma la giustizia, finalmente, ha fatto il suo corso. Anche se ci ha messo tanto.

Tomislav Horvatincic

La prima sentenza di colpevolezza, emessa nel 2015, era stata annullata per vizi procedurali, mentre la seconda volta, nel novembre del 2017, l’imprenditore era stato assolto: il tribunale aveva stabilito che Horvatinčić non aveva potuto far nulla per impedire la collisione tra il suo motoscafo (un Itama 40 Open) e la barca perché colpito da sincope a pochi secondi dall’impatto. Tesi debolissima e sentenza che in Croazia aveva fatto scalpore.

A seguito dell’assoluzione, anche il figlio della coppia, Federico Salpietro, ci aveva inviato una lunga lettera in cui ripercorreva la tragedia e che vi consigliamo di leggere per capire la dinamica dell’incidente e dei successivi step giudiziari.

QUI LA LETTERA DI FEDERICO SALPIETRO

QUI VI AVEVAMO PARLATO DELLA SCANDALOSA ASSOLUZIONE

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

2 Comments

  1. Renato Serafini ha detto:

    Mi chiedo come mai una condanna (che appare di appello) del dicembre 2019 ha comportato la carcerazione quasi 1 anno e mezzo dopo. Inoltre non è chiaro come si sarebbe svolto questo ulteriore processo conclusosi nel dicembre 2019, di cui non sembra si abbiano notizie di alcun tipo. Comunque … un pò di giustizia è stata fatta!!

  2. Enzo Monteleone ha detto:

    Mi piace pensare che il conducente del motoscafo Tomislav Horvatincic sia stato colto veramente da malore e che non abbia potuto fare nulla per evitare l’incidente.
    Mi piace pensare che per mare non ci siano persone pericolose che potrei incontrare anche io o anche voi ma solo fatalità.
    Mi piace pensare che i due velisti , siano morti sul colpo senza soffrire.
    Una preghiera per Francesco Salpietro (60) e Marinella Patella (60).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi