developed and seo specialist Franco Danese

Le tre derive più ecologiche e innovative del mondo sono queste

Speciale Porti 2021: Marina di Varazze, la base più sicura per crociere uniche tra Liguria e Costa Azzurra
7 luglio 2021
monossido
Monossido in barca: tre consigli che possono salvarti la vita
7 luglio 2021

Progettate da un grande designer, innovative in tutto e per tutto, facili da usare e velocissime. Ma, soprattutto le uniche vere barche ecologiche al mondo. Le trovate in esclusiva nel nostro salone nautico digitale, alla Milano Yachting Week – The digital Boat Show.

Come rendere la vetroresina ecologica

Prima di raccontarvele, vi spieghiamo come il team di Northern Light Composites è riuscito a fare, l’impossibile: rendere ecologica la vetroresina. Grazie alla tecnologia di nlcomp le loro barche sono costruite, infatti, al 100 per cento in fibra di lino e con un’anima riciclabile a fine vita. Per sapere tutto su questa rivoluzionaria tecnologia, cliccate QUI

C’è la mano del progettista dei Grand Soleil

E adesso vi anticipiamo chi è il grande designer che c’è dietro a queste barche. Si chiama Matteo Polli ed è uno dei progettisti italiani di punta dell’ultima generazione. Solo per esempio, c’è lui dietro alla progettazione degli ultimi Grand Soleil, cantiere top del made in Italy. Vi conviene sentire dalla viva voce di Polli in una videointervista con uno dei fondatori del cantiere, come ha progettato le barche di di Northern Light Composites, QUI

E adesso passiamo alle tre derive di Northern Light Composites, partendo dalla più piccola.


ECOPRIMUS: COME REINVENTO L’OPTIMIST
Ecoprimus, lungo 2,42 m, è stato definito Optimist 2.0, perché reinterpreta in modo moderno il concetto di deriva più diffuso dei bambini: è leggermente più lungo, con una prua arrotondata e forme moderne, oltre a essere autosvuotante.

Scopri subito Ecoprimus, QUI.

 


ECORACER769: ECOSOSTENIBILE E VELOCISSIMO
Ecoracer769 (m. 7,69) è il primo prototipo da regata costruito al 100 per cento in fibra di lino e con un’anima riciclabile a fine vita, così come tutta l’imbarcazione, grazie all’utilizzo di una resina di nuova concezione. L’albero e le strutture di pinna e timone sono in alluminio e acciaio, mentre il motore è elettrico: scelte anche qui all’insegna della sostenibilità. Come tutte le barche progettate da Polli va fortissimo, Ecoracer 769 pesa solo 1.100 kg per una barca lunga 7,69 m, larga 2,80 m con 42 mq di superficie velica di bolina. Un rapporto peso/potenza da superbarca da regata.

Scopri subito Ecoracer 769, QUI.

ECOFOILER: VOLARE SULL’ACQUA NON E’ MAI STATO COSì FACILE

E poi c’è la novità più succosa dal punto di vista tecnologico, Ecofoiler (m. 3,80): la deriva volante. La tecnologia dei foiler, applicata sugli avveniristici AC75 della America’s Cup – protagonisti della spettacolare sfida fra Luna Rossa e New Zeland ad Auckland –, arriva su una piccola deriva volante di 3,80 metri di lunghezza. Ecofoiler ha un dream team di progettazione è disegnata ancora una volta da Matteo Polli, che ha già firmato le linee d’acqua di Ecoracer769, con la collaborazione di Matteo Ledri, CFD engineer, con esperienze in tre campagne di Coppa America (Artemis Racing, BAR e Luna Rossa Challenge).

L’obiettivo del progetto Ecofoiler va oltre l’innovativo aspetto costruttivo e si pone come imbarcazione “entry-level” per rendere il foiling aperto a tutti velisti, garantendo semplicità nella conduzione in mare e nella gestione logistica in generale, grazie a nuove soluzioni progettuali.

Scopri subito Ecofoiler, QUI. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi