developed and seo specialist Franco Danese

Barca veloce = barca sicura (ecco cinque idee per guadagnare nodi)

superyacht
VIDEO e FOTO Goditi lo spettacolo dei superyacht a Palma
1 luglio 2021
Mondiale 420: in arrivo velisti da 20 nazioni a Marina degli Aregai
1 luglio 2021

barca veloceDopo la prima puntata in cui vi abbiamo dato un po’ di idee (tra carena, cime, vele e vang) per aggiornare la vostra barca e renderla più veloce, proseguiamo la nostra “rubrica” girando tra gli stand della Milano Yachting Week – The Digital Boat Show, il nostro salone digitale della nautica permanente.

BARCA VELOCE = BARCA SICURA

Sia che facciate regate che amiate la crociera (o entrambi), vi abbiamo spiegato che una barca veloce e leggera vi servirà per togliervi soddisfazioni tra le boe che per godervi il piacere di navigare e dimenticarvi del motore. Senza dimenticare l’insegnamento del grande navigatore Bernard Moitessier, che nel suo celebre “La lunga rotta”, cita più di una volta l’importanza di una buona preparazione della barca e di non caricarsi di pesi inutili, soprattutto se si devono affrontare lunghe navigazioni e incontrare condizioni impegnative. Una barca più veloce è una barca più sicura.

VIA IL TEAK IN COPERTA!

Partiamo dalla coperta. Forse è giunto il momento, per avere una barca veloce, di sostituire il vecchio teak, bisognoso di manutenzione costante con un ben più leggero (e comodo) rivestimento sintetico. Tenete presente che, in media, il teak pesa all’incirca 10 kg per metro quadro, mentre un sintetico ha una grammatura per minore. Come ad esempio Permateek, PVC di assoluta qualità e riciclabile al 100% (pesa circa 6 kg a mq) che vi invitiamo a conoscere nello stand di Refit Style, azienda che ha fatto della professionalità uno dei suoi punti di forza. Tra i suoi servizi c’è la fornitura del materiale lavorato e pronto per essere incollato o un lavoro completo.

Un’altra soluzione vista alla Milano Yachting Week la trovate nello stand di Synteak, importatore italiano del rivestimento sintetico PlasDeck: si chiama PlasDeck Performance 3.5 ed è un teak sintetico in PVC ultraleggero. Questa particolare variante del classico PlasDeck è studiata per alleggerire il più possibile il peso in coperta ottimizzando le performance dell’imbarcazione. Pensate che il suo peso è di soli 3,5 kg/mq!

Preferite un prodotto al 100% naturale e ultraleggero? Lo trovate alla Milano Yachting Week ed è… il sughero. Scoprite la potenzialità di MarineCork. La sua leggerezza è estrema. È il rivestimento più leggero (2,7 kg/mq), ideale per non appesantire le imbarcazioni.

L’ELETTRONICA PER “CORRERE”

In un mondo dove l’elettronica ha un peso sempre più importante, in barca, avere la strumentazione giusta e “sensibile” vi consentirà di massimizzare le prestazioni in navigazione. Ad esempio, nello stand di B&G, marchio di Navico dedicato alla vela, vi aspettano i sistemi di strumenti e autopilota H5000: con questi capirete sempre da dove arriva il vento e potrete regolare le vele al meglio per andare più forte.

La misurazione del vento è condizionata dal vento indotto in cima all’albero dal beccheggio e dal rollio dell’imbarcazione. La soluzione di H5000 è rappresentata dalla correzione movimento 3D. H5000 acquisisce i dati di vari sensori, tra cui giroscopi ad alte specifiche, per correggere il vento indotto, fornendo dati reali. Scusate se è poco!

Da un colosso all’altro, ci spostiamo nello stand di Garmin Marine. Per avere dati precisi e quindi poter sfruttare meglio il vento e avere una barca veloce vi consigliamo la stazione del vento GWind collegata con il GND 10, la Black box che consente una perfetta integrazione tra gli strumenti e i sensori Nexus e i prodotti Garmin, inclusi i trasduttori gWind, gWind Wireless e gWind Regata.

La sua installazione plug-and-play, con connettività USB, elimina la necessità di impostazioni e configurazioni del sistema. GND 10 consente l’uso di software da regata, ad esempio NexusRace, Expedition, Adrena o SeaTrack, per la comunicazione delle funzioni specifiche per la navigazione a vela tra le reti Nexus e NMEA 2000…


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi