developed and seo specialist Franco Danese

Battaglia legale per la vela gonfiabile. In ballo c’è la navigazione del futuro

I ragazzi sono in giro: Beccaria e Fantini alla Les Sables-Horta
28 giugno 2021
Speciale Noleggio: Dea dei Mari, non solo charter ma molto di più
28 giugno 2021

vela gonfiabileLa storia della vela gonfiabile di cui vi abbiamo parlato QUI sta diventando un intrigo internazionale. Di mezzo c’è un business colossale del futuro. In ballo infatti non c’è solo un’idea brillante per facilitare l’andare a vela.

C’è di mezzo anche il futuro della navigazione delle navi, alla ricerca di una riduzione di costi di carburante, che causerebbe una decisa riduzione dell’inquinamento.

Oggi il traffico marittimo è responsabile del 13% delle emissioni totali di inquinanti nell’atmosfera ma è in costante aumento, infatti si stima che entro il 2050 arriverà a circa il 20%.

Una situazione insostenibile, a cui può porre rimedio con l’utilizzo delle vele da parte delle navi. In pratica si tratta di sostituire in parte la propulsione a motore con la spinta del vento. Facile da dire, quasi impossibile da realizzare. Se non applicando l’idea nata per la nautica da diporto trasportandola nel mondo del traffico marittimo.

I soggetti in gioco in questo intrigo sono due svizzeri, un’azienda italiana leader mondiale nel campo dell’uso dell’aria per creare strutture gonfiabili e la Michelin, una delle aziende leader nella produzione di pneumatici che guarda caso sono, anche loro, “oggetti gonfiabili”.

L’idea nasce da un drone gonfiabile

Ci siamo fatti raccontare questa storia di passione che si tramuta in un thriller finanziario da Mauro Oggero, CEO di Fly-In.

Siamo nel 2015. L’italiano Mauro Oggero che sta realizzando una struttura gonfiabile per l’aereo Solar Impulse, conosce quasi per caso gli svizzeri Edouard Kessi e Laurent Kalbermatten che sono velisti e stanno studiando applicazioni gonfiabili per le vele.

Si piacciono e nasce una collaborazione per la progettazione e costruzione di un’ala gonfiabile – drone, che derivava da un progetto di Kalbermatten  (2008) per un deltaplano gonfiabile.

Nasce un consorzio Consorzio italiano, “Next Fly Consortium”, che usufruisce del Know How di Fly che riprogetta ed ingegnerizza l’ala di Kalbermatten e la trasforma in un’ala drone gonfiabile a pilotaggio remoto, 2KO.

 La prima vela gonfiabile per un Laser

Nel 2016 il lavoro del tandem italo/svizzero sfocia nella costruzione del primo prototipo di vela gonfiabile da montare su un Lasercome mostrano le foto qui sotto:

La vela gonfiabile funziona e subito viene realizzata una grande vela: 13 metri di altezza installata su una barca di grandi dimensioni. I risultati sono eccellenti (foto sotto)

Edouard Kessi e Laurent Kalbermatten dicono a Oggero di voler fare ulteriori test. “Invece” – racconta lo stesso Oggero – “oltre ad eclissarsi con i materiali e prototipi di Next Fly, si rifiutano di saldare i conti della produzione dei prototipi, progettati e costruiti dalla mia azienda”.

Gli svizzeri ricompaiono con una nuova società

Secondo la ricostruzione di Oggero invece “aprono una nuova società (http://inflatedwingsails.com/en/, ndr) e spacciano come propri progetti, prototipi e test, di cui si sono appropriati, ma che non sono di loro proprietà.. Fino ad arrivare oggi alla collaborazione con Michelin”.

La battaglia legale non finisce mai

Da anni è in atto una battaglia legale intrapresa da Fly. In che coinvolge i tribunali italiani e svizzeri che è ancora in alto mare. Contenzioso legale per riconoscere la paternità del progetto della vela gonfiabile che assume un valore economico rilevante ora che di mezzo c’è anche Michelin che ha visto nell’applicazione non solo per la vela da diporto, ma anche per il trasporto marittimo una nuova concreta fonte di business. La battaglia è appena iniziata.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi