developed and seo specialist Franco Danese

Perini Navi all’asta a partire da 62,5 milioni di euro. Cosa succede ora

leasing nautico
Cosa cambia nel leasing nautico. Come risparmiare (e un po’ di chiarezza)
24 giugno 2021
elettronica-barca
Matrimonio tra barche ed elettronica. Nasce un colosso made in USA
24 giugno 2021

perini naviIl prossimo 30 luglio capiremo il futuro di Perini Navi. Il curatore fallimentare Franco Della Santa ha fissato proprio al 30 luglio la data dell’asta unica dell’eccellenza nautica viareggina dichiarata fallita lo scorso 29 gennaio (qui vi abbiamo raccontato la storia del cantiere) con sentenza del Tribunale di Lucca (già ribadita in sede di appello). Base d’asta: 62,5 milioni di euro.

Ed ecco i dettagli dell’asta. 

Gli offerenti (finora sono tre i potenziali interessati, ma questo non significa che potrebbero essere gli unici offerenti: una Newco tra il gruppo Ferretti e Sanlorenzo; The Italian Sea Group e Palumbo Superyachts) devono presentarsi entro le ore 12 del 29 luglio e pagare 10 milioni di euro di deposito cauzionale fisso.

COSA E’ COMPRESO “LOTTO” PERINI NAVI

I beni messi in vendita sono i due stabilimenti Perini di Viareggio e La Spezia, in “forma unitaria e inscindibile”. Non sarà possibile quindi acquistare solo uno degli asset. Oltre ai cantieri, che comprendono beni mobili e immobili, l’asta interessa anche: un terreno nel comune di Pisa dal valore di 75 mila euro; uno yacht in costruzione (contratto numero 26309) del valore di 2,1 milioni di euro; marchi, brevetti, 100% del capitale sociale di Perini Navi USA Inc e vari rapporti giuridici in essere. Nello specifico: i rapporti di lavoro con il personale che saranno in vigore alla data del trasferimento (sono 75 le persone che lavorano in Perini tra Viareggio e Spezia, fra dirigenti, quadri, impiegati e operai), le concessioni statali in essere relative agli impianti dei due cantieri navali, autorizzazioni, licenze e permessi rilasciati a Perini.

Le offerte, che devono comprendere saranno aperte alle 15 del 30 luglio 2021 alla presenza di Franco Della Santa, il curatore fallimentare e Lamberto Giusti, il notaio incaricato ed eventualmente, se richiesto, il Giudice Fallimentare.

Il cantiere turco gestito da Perini Navi a Tuzla è stato precedentemente venduto a un gruppo imprenditoriale turco che non costruirà yacht nella struttura. Si ritiene che cinque o sei yacht, sia a vela che a motore, fossero in costruzione quando Perini Navi è stata dichiarata fallita il 29 gennaio 2021, ma solo un contratto è menzionato nell’avviso di fallimento del Tribunale di Lucca.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi