developed and seo specialist Franco Danese

Uragano devasta marina e barche e il porto chiede i danni agli armatori!

Ecco la scelta migliore per assicurare la barca prima dell’estate
20 giugno 2021
group y
GROUP Y, la rotta è tracciata grazie ad una chiara visione del futuro
21 giugno 2021

marina barcheOltre al danno, la beffa. Tra il luglio e l’agosto del 2020, l’uragano Isaias colpì i Caraibi e l’East Coast degli Stati Uniti, causando ingenti danni: come quelli alla Marina di Southport (in Carolina del Sud), trasformatasi in un cimitero di barche con più di 100 scafi ammassati (ci furono anche due morti). Adesso gli armatori delle imbarcazioni danneggiate (e in molti casi distrutte) si sono visti consegnare, dal Marina, avvisi di pagamento per milioni di dollari. Questo perché sono stati ritenuti, dal porto, responsabili dei danni ai moli e alle banchine. “E’ stato come mettere il sale su una ferita”, ha commentato uno degli armatori. (foto di Ken Blevins, StarNews)

Le fatture variano da circa 8.000 a più di 20.000 a seconda dei danni che ogni barca strappata dall’ormeggio dall’uragano, avrebbe causato. Ovviamente i proprietari non ci stanno e hanno intentato una causa federale contro la Marina di Southport, sostenendo che gli argomenti della Marina non reggono e che le banchine non sono state mantenute correttamente.

Il Marina di Southport prima e dopo l’uragano Isaias: si vede chiaramente come i pontili abbiano ceduto (fonte Facebook)

PERCHE’ LA RICHIESTA DEL MARINA E’ ASSURDA

John Geddie, che in passato ha avuto la sua barca ormeggiata al Marina, racconta che questa non è stata la prima tempesta che ha investito il Marina, e non si aspettava un tale disastro. “Tutte le barche erano ormeggiate con una doppia trappa, in alcuni casi tripla. Avrebbero dovuto resistere facilmente, anche perché Isaias è stato un uragano meno intenso del solito”.

Se siete arrivati fino a qui, vi sarete fatti un’idea su chi abbia ragione. Ma c’è una gabola nascosta nel contratto di affitto del posto barca al Marina di Southport: ogni persona che teneva la barca nel porto era tenuta a firmare un accordo che la riteneva responsabile per i danni alle banchine causati dalle sue barche.

Questo perché la Marina non ha assicurato le proprie banchine (eccetto quella del molo in cui c’è la stazione del carburante), facendo invece affidamento sull’assicurazione dei proprietari delle barche.

Nonostante i contratti di locazione, i querelanti sostengono di non essere responsabili per i danni ai moli a causa del fatto che i moli stessi non hanno retto.

“Come risultato diretto del cedimento dei pontili e delle banchine della Marina, la maggior parte dei pontili e delle banchine galleggianti, con le imbarcazioni ancora attaccate, si sono liberati e sono stati spinti sottovento l’uno sull’altro e sulle imbarcazioni attaccate alle banchine sottovento, ammassandosi contro il molo del porto. Altri pontili della Marina si sono liberati e, trascinando le imbarcazioni ancora ormeggiate, sono finiti in altre aree del bacino della Marina, o sono stati spinti nella palude nelle vicinanze di Cottage Creek”, si legge nella causa.

Secondo la causa, la maggior parte delle barche che erano in porto sono rimaste attaccate alle banchine danneggiate, e Geddie, avvocato marittimista in pensione, sostiene che ciò significa che gli armatori avevano preso tutte le misure per assicurare l’ormeggio sicuro delle loro barche.

CHI HA DANNEGGIATO CHI?

C’è anche un altro punto oscuro: non si capisce quali barche abbiano causato quale tipo di danni. Gli avvisi di pagamento inviati agli armatori sono state formulati sulla base della lunghezza della loro barca, da 8.500 dollari fino a 25.000: alla richiesta di specificare i danni causati da ogni singola imbarcazione, il Marina non ha fornito dettagli. Secondo gli avvocati, se il porto non ha modo di sapere chi ha danneggiato chi, non può nemmeno sapere chi sia il responsabile dei danni causati.

Gli avvocati sostengono che a causa di questo, la marina non ha modo di sapere quale imbarcazione ha causato quale danno – se erano in effetti responsabili dei danni.

LA DICHIARAZIONE DEL MARINA

Un rappresentante della marina, Robin Rose, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La nostra Marina è stata distrutta per un valore di oltre 5 milioni di dollari perché le barche erano nella Marina. La Marina sarebbe stata a posto se le barche non fossero state lì. Ora che siamo stati citati in giudizio, non vediamo l’ora che la Corte riveda e analizzi i fatti di questo caso e applichi la legge”.

Fateci sapere cosa ne pensate della vicenda con un commento.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi