Plastica in mare: anche l’Italia vieta la produzione di prodotti monouso

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Anche l’Italia recepisce la direttiva europea SUP – Single Use Plastics emanata nel 2019 che vieta la produzione di particolari prodotti di plastica monouso.

Anche l’Italia scende in campo contro la plastica che infesta i nostri mari. Lo scorso 31 maggio 2019 la Commissione Europea aveva emanato una nuova direttiva SUP – Single Use Plastics che vieta la produzione di particolari prodotti di plastica monouso e il nostro Paese ha finalmente recepito nel nostro diritto nazionale tale legge. Lo stop per il momento si limita a prodotti specifici per i quali esistono già alternative, economicamente accessibili, sul mercato: bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande, aste per palloncini, ma anche tazze, contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso e tutti i prodotti in plastica degradabile. Tutti questi prodotti di fatto non potranno più essere immessi sul mercato dell’UE.

Per altri prodotti di plastica monouso, come per esempio gli attrezzi da pesca e le salviette umidificate, la nuova direttiva europea impone obblighi di etichettatura, regimi di responsabilità estesa del produttore, campagne di sensibilizzazione e specifiche di progettazione, volte a limitarne l’uso, ridurne il consumo ed evitarne la dispersione nell’ambiente.

Plastica monouso

DIVIETI MA ANCHE ETICHETTE E MARCATURE SUI PRODOTTI

L’Italia e gli altri stati europei dovranno anche garantire che determinati prodotti di plastica monouso immessi sul mercato rechino sul prodotto o sul suo imballaggio una marcatura volta a informare i consumatori della presenza di plastica nel prodotto e del metodo appropriato di smaltimento dei rifiuti, evitando di disperderli nell’ambiente. Quest’obbligo si applica a prodotti come assorbenti e tamponi igienici e applicatori per tamponi; salviette umidificate per l’igiene personale e per uso domestico; prodotti del tabacco con filtri e filtri commercializzati in combinazione con i prodotti del tabacco; tazze per bevande.

L’obiettivo della nuova direttiva europea SUP – Single Use Plastics è forte e chiaro, ossia prevenire e ridurre l’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente, in particolare quello marino, e sulla salute umana, nonché di promuovere la transizione verso un’economia circolare con modelli imprenditoriali, prodotti e materiali sostenibili.

Oltre l’80 per cento dei rifiuti marini infatti è costituito da plastica, che si accumula nei mari, negli oceani e sulle spiagge dell’Europa e di tutto il mondo. Residui pericolosi sia per la vita marina che per la biodiversità, visto che vengono trovati in specie come tartarughe marine, foche, balene, uccelli, ma anche nei pesci e nei molluschi che fanno parte della catena alimentare umana.

I nuovi divieti, nella visione della Commissione Europea, favoriranno la produzione e l’utilizzo di alternative sostenibili alla plastica monouso, oltre a sensibilizzare la popolazione circa i rischi dell’inquinamento da plastica dei nostri mari e le sue ripercussioni negative sulla nostra economia, il turismo, la pesca e il trasporto marittimo.

RACCOGLI LA PLASTICA, FATTI UN SELFIE E PUBBLICALO…

Il Giornale della Vela insieme alla rivista Barche a Motore e a Medplastic, l’associazione creata nel 2018 per la salvaguardia del Mediterraneo, per questa estate 2021 lancia la campagna “Trash Hunters” e vi invita tutti a trasformarvi in cacciatori di plastica.

Come? Facilissimo, quando siete in mare navigando lungo costa e tra gli arcipelaghi oppure mentre state ancorati alla fonda in una baia oppure ormeggiati in un porto o ancora quando semplicemente vi state godendo una giornata in spiaggia, ogni volta che vedete uno o più rifiuti di plastica galleggianti raccoglieteli, fatevi un selfie con la “cattura” e postatelo su Instagram in Direct Message a @giornaledellavela e @barcheamotore oppure postate il tutto sul vostro profilo taggando @giornaledellavela e @barcheamotore oppure usando l’hashtag #medplastic2021. Oltre alla descrizione generica della vostra “preda”, nelle vostre segnalazioni è molto importante aggiungere anche l’esatta indicazione geografica del ritrovamento e il vostro nome e cognome.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Le mascherine disperse in mare? Diffusori di microplastiche

Le mascherine sanitarie disperse in mare rappresentano un duro colpo per gli oceani di tutto il mondo, già abbondantemente inquinati dalla plastica. Dal problema non è esente l’Italia dove uno studio dell’Università Milano-Bicocca ha quantificato le microfibre che possono essere

Registrati



Accedi