VIDEO Siamo saliti a bordo della barca senza albero né boma tradizionale

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Vi ricordate di Stramba, la startup che aveva in progetto di costruire la prima barca con albero a U rovesciata e vela hi-tech che funziona come un’ala di un aereo? Se pensavate che si trattasse della solita “boutade” destinata a restare un’utopia irrealizzata, vi stavate sbagliando.

L’imponente struttura a U rovesciata che sostituisce l’albero tradizionale a bordo di Futura

Al Salone di Venezia, per la prima volta, siamo saliti a bordo del singolare 15 metri (largo 4,63 m, pescaggio 2,40 m con 1,60 m di pinna) in alluminio, Futura, che ha preso vita nello storico cantiere Zuanelli di Padenghe Sul Garda, dotato di struttura a U rovesciata alta circa 20 metri e mezzo.

Per riassumere: quando si vira o si abbatte, la vela corre lungo l’albero, passa in alto sulla testa dell’equipaggio e scende dalla parte opposta della “U”. L’issata e l’ammainata della randa, oltre che il suo ‘passaggio’ vengono gestiti facilmente con un winch elettrico che può essere ‘switchato’ in modalità manuale. La manovra richiede circa 8/10 secondi nella migliore delle ipotesi, un tempo superiore rispetto a un cambio di mura tradizionale, ma tale “perdita” è compensata da molti vantaggi.

Semplificando molto, a livello strutturale possiamo dire il progetto “spinge” dove gli altri tirano. Le sartie sono sostituite dalle ‘zampe’ dell’albero. Ovviamente all’interno dello scafo ci sono due costole di rinforzo che ospitano le porzioni finali incassate dell’albero.

La coperta è “libera”, con una serie di sedute e spazi prendisole a centro barca e un tavolo allungato

Il primo, evidente vantaggio è l’aumento spropositato di spazio vivibile in coperta (70 mq di spazio vivibile, assicurano!). Possono starci tranquillamente 12 persone: in controtendenza rispetto ai canoni progettuali la decisione di montare una sola ruota del timone, dato che lo spazio abbonda. Un grande tendalino, da montare tra la prima struttura orizzontale della struttura e i paterazzi, terrà parte della coperta all’ombra.

Sottocoperta la situazione è work in progress: ma guardate lo spazio in quadrato, sembra di essere in un appartamento

Come potete immaginare, gli spazi in coperta e sottocoperta, data l’assenza dell’albero tradizionale e passante, sono veramente importanti. Tenete presente che lo scafo, come ogni buon prototipo, deve essere ancora rifinito e gli interni sono in fase di ultimazione.

Il fiocco, la cui penna in alto scorre su un carrello – manovra che serve per allineare la vela di prua a seconda del cambio di mura della randa/ala) – funziona in maniera tradizionale. E’ prevista anche l’installazione di un Code 0 dopo ulteriori test: poiché la randa, grazie alla struttura scorrevole, prende vento soltanto da un lato, sono allo studio soluzioni per realizzarla con un profilo asimmetrico e variabile per massimizzarne la portanza. Per adesso la randa ha una particolare forma rettangolare con doppio square top. Tante, tantissime sarebbero le cose da dire.

Daniele Mingucci, riccionese classe 1971, laurea in Lettera ma mente vulcanica e primo ideatore del progetto, il compito di raccontare tutte le peculiarità della barca e del suo armo particolare e risponde a tutti i nostri dubbi e curiosità.

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL 15 METRI CON ALBERO A U

 


PARTECIPA DA PROTAGONISTA ALLA PIU’ GRANDE REGATA VIRTUALE DEL MEDITERRANEO!

Il 15 maggio inizia la grande avventura: 4.600 miglia in Mediterraneo in solitario, decine di migliaia di iscritti, su barche velocissime di 100 piedi… Ti colleghi quando vuoi, la barca la manovri con il tuo device e quando non ci sei va da sola. Chiunque può partecipare, gratis. Benvenuto alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey.

Se ti registri con questo form alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey, oltre a concorrere agli oltre 50 premi in palio:

  • il tuo nome sarà pubblicato sul numero di luglio del Giornale della Vela nel grande reportage sulla THVC Med Odyssey
  • puoi essere selezionato per partecipare alle dirette web con i nostri speaker dal 15 al 31 maggio

Accetto la Privacy Policy


Fatto? Ora iscriviti subito alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey!

[button title=”ISCRIVITI GRATIS” link=”https://www.virtualregatta.com/en/offshore-game/” target=”_blank” align=”center” icon=”” icon_position=”” color=”red” font_color=”” size=”4″ full_width=”” class=”” download=”” rel=”” onclick=””]

 

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “VIDEO Siamo saliti a bordo della barca senza albero né boma tradizionale”

  1. Sarei molto curioso di provarla!
    Giusto sentire come porta e cpme manovra quest’armo
    Ah,l’audio della video intervista è inintellegibile, almeno per me

  2. “Tante, tantissime sarebbero le cose da dire.”

    Beh….ditele….

    Avete fatto un copia incolla dell’articolo precedente.

  3. Sulle orme del grande Ernesto Tross scomparso recentemente.
    Personalmente approvo in pieno i cambiamenti in generale, ma soprattutto nella nautica.Certe imposizioni imposterà costruttori fanno pena,occorre svoltare .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su