TECNICA – Come individuare le perdite nell’impianto idraulico a bordo?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

perdite-acqua
Le perdite d’acqua nell’impianto idraulico di bordo avvengono di solito nei tanti punti di collegamento delle tubazioni, quindi esse vanno esaminate attentamente con l’impianto sotto pressione. Non è facile identificare piccoli gocciolii, ma si può avvolgere un pezzo di Scottex intorno al raccordo e vedere se si bagna, se così non fosse è il caso di esaminare i serbatoi.

serbatoi
PERDITE DEL SERBATOIO

Eventuali perdite possono anche essere dovute alle casse dell’acqua. Se non riuscite a individuare la perdita, è necessario fare una prova di pressione: svuotate il serbatoio, sigillate le uscite, compreso il tubo di sfogo dell’aria, poi inserite aria con una pompa a una pressione di circa 0,3 bar (per esempio quella del tender). Se non si riesce a mantenere la pressione per almeno dieci minuti significa che il serbatoio perde. Per individuare il punto esatto della perdita si può usare acqua e sapone – l’aria che esce farà formare delle bolle – anche se non è possibile accedere a tutti i lati del serbatoio finché non è stato tolto dalla barca. Individuato il problema, si può riparare il serbatoio con una saldatura.

SE IL PROBLEMA SONO I RACCORDI?
I raccordi che perdono vanno smontati, puliti e rimontati. L’ideale sarebbe sostituire tutte le fascette stringitubo dell’impianto. Se la perdita rimane, vanno sostituiti i raccordi a compressione usati per tubi rigidi e semirigidi. Anche i tubi flessibili che non hanno un rinforzo adeguato possono dare problemi, specialmente in aspirazione: se il tubo si piega può bloccare il flusso. Alcuni impianti hanno un filtro prima della pompa, che andrebbe cambiato quando specificato dal produttore. Bisognerebbe controllare anche gli eventuali blocchi dell’impianto.

Tratto da “Lavori a Bordo”, edito da Nutrimenti. Lo trovate QUI


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi