developed and seo specialist Franco Danese

FOTO Tornano i maxi in regata a Portofino (e che spettacolo!)

ZEUS200
VIDEO Eco, silenzioso, “senza motore”. Tutti i segreti del generatore ZEUS200
6 maggio 2021
Tag Heuer VELA Cup Med Odyssesy
TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey, come viverla da protagonista assoluto
7 maggio 2021

Sembra di essere ritornati ai tempi del mitico trofeo Zegna negli anni ‘90, quando Portofino e il Tigullio erano le capitali della grande vela internazionale.

Quattordici mitiche barche della categoria maxi (da 18 metri in su) sono tornate a Portofino per la Splendido Mare Cup, con una prima giornata di regate condita da onde di due metri e vento tra i 15 e 20 nodi da est – sud/est. Un vero spettacolo che sfata il falso mito che le regate in Tigullio sono solo una passarella perché il vento non c’è.

LE FOTO DELLO STUDIO BORLENGHI

L’idea di far ritornare le barche più belle del Mediterraneo a Portofino da parte dello Yacht Club Italiano, il club più antico d’Italia, è una bellissima idea supportata da Belmond Hotel e da Rolex che è official timepiece.

Sono italiani i maxi più belli del mondo

E bellissime sono le quattordici barche in gara, cariche di storia. Come il Capricorno (foto sopra), una barca unica del 1995, vero “masterpiece” progettato da Reichel&Pugh, aggiornato nel tempo da Nauta Yachts, grazie alla passione dell’armatore Rinaldo del Bono.

Oppure l’altro mitico maxi Pendragon del LightBay Sailing Team, al comando di Carlo Alberini, un progetto del “genio” Laurie Davidson che partecipò alla prima vittoria storica di una barca neozelandese nella Coppa America.

E poi ci sono meravigliosi maxi dei migliori cantieri del mondo che, guarda caso, sono di proprietà italiana, a dispetto dei nomi anglosassoni. Come Wally che è di Ferretti, Nautor’s Swan che è di Ferragamo, Mylius che è di Gandini e Southern Wind di origine ligure, di Ice Yachts che ha sede in provincia di Cremona.

Basta scorrere la classifica, che trovate qui sotto, per rendervi conto di quanto siano prestigiose le barche in gara.

GUARDA IL VIDEO DEL PRIMO GIORNO DI REGATE

Come è andata la prima regata

Il  comitato di regata ha dato lo start della regata della prima giornata su un percorso di 19 miglia tra Portofino e Sestri Levante. La classifica finale, dopo il calcolo dei compensi, ha visto la prima vittoria di giornata per Capricorno di Rinaldo Del Bono, secondo posto per il Mylius 80 Twin Soul B di Luciano Gandini e terza piazza per lo Swan 98 Drifter Cube di Andrea Bianchedi. Vittoria in tempo reale per Pendragon di Carlo Alberini.

Si replica, a Portofino, lo spettacolo. Sino a domenica.

LA CLASSIFICA DELLA PRIMA GIORNATA


PARTECIPA DA PROTAGONISTA ALLA PIU’ GRANDE REGATA VIRTUALE DEL MEDITERRANEO!

Il 15 maggio inizia la grande avventura: 4.600 miglia in Mediterraneo in solitario, decine di migliaia di iscritti, su barche velocissime di 100 piedi… Ti colleghi quando vuoi, la barca la manovri con il tuo device e quando non ci sei va da sola. Chiunque può partecipare, gratis. Benvenuto alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey.

Se ti registri con questo form alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey, oltre a concorrere agli oltre 50 premi in palio:

  • il tuo nome sarà pubblicato sul numero di luglio del Giornale della Vela nel grande reportage sulla THVC Med Odyssey
  • puoi essere selezionato per partecipare alle dirette web con i nostri speaker dal 15 al 31 maggio

Accetto la Privacy Policy


Fatto? Ora iscriviti subito alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi