developed and seo specialist Franco Danese

Pippo Dalla Vecchia, il gommista re della vela, se n’è andato

Cime d’ormeggio: quali scegliere e perché te lo svela Punto Nautico XL
2 maggio 2021
Ran 630: tutti i vincitori della “lunghissima” del Tirreno
3 maggio 2021

pippo dalla vecchia“Io sono un gommista”. Così si definiva Pippo Dalla Vecchia che ci ha lasciato a novant’anni. Ma Pippo (Giuseppe all’anagrafe), senza nulla togliere al suo mestiere di “gommista”, era il re della vela napoletana e italiana.

Governava come un sovrano illuminato dal suo circolo, il Reale Yacht Club Canottieri Savoia, che ha prima resuscitato e poi diretto per 22 anni, rimettendo l’appellativo “reale” che si era perso nel dopoguerra, di cui era Presidente Benemerito.

Per noi, la famiglia Oriani e per tutto Il Giornale della Vela, è stato un amico e un maestro. Io, in particolare ho assistito alle sue lezioni di vita (e di vela) in redazione a Milano quando Pippo veniva da noi in qualità di direttore del mensile Sport Vela della FIV, di cui era vicepresidente.

Erano gli anni ’90 e Pippo era veramente il “re” della vela italiana, raccogliendo il testimone da Beppe Croce, fedele alleato dell’allora presidente Carlo Rolandi.

Il Giornale della Vela lo appoggiò quando, non certo per potere ma per amore per la vela, si candidò presidente della Federazione. Perse per soli quattro voti, ma lui la tramutò in una vittoria. Facendo rinascere il Savoia e la vela napoletana.

Pippo Dalla Vecchia (a sinistra) con Gigi Rolandi al Campionato Italiano Tempest del 1970

Pippo Dalla Vecchia non è stato solo un dirigente illuminato, è stato anche un grande velista. Nel 1960 e nel 1972 era in lizza per partecipare alle Olimpiadi, solo per fare una citazione del suo curriculum sportivo che venne onorato con la consegna del Collare d’oro al merito sportivo del Coni.

L’ingresso del Reale Yacht Club Canottieri Savoia, fondato nel 1893

Al governo del Reale Yacht Club Canottieri Savoia ha lanciato il Trofeo Campobasso che ospita ogni anno le speranze della vela mondiale, ha lanciato nel 2003 la sfida di Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato in Coppa America.

Soprattutto dalla banchina di Santa Lucia ha dispensato i suoi impareggiabili racconti di grandi velisti, di contrabbandieri, di politici. Mai una volta Pippo ha mostrato rancore verso qualcuno o qualcosa. Faceva il gommista ma era un gran signore. Della vela, della vita.

Luca Oriani e tutta la redazione del Giornale della Vela sono vicini alla sua famiglia, ai suoi figli, al Savoia e alla Napoli della vela.

Luca Oriani


 

PARTECIPA DA PROTAGONISTA ALLA PIU’ GRANDE
REGATA VIRTUALE DEL MEDITERRANEO!

Il 15 maggio inizia la grande avventura: 4.600 miglia in Mediterraneo in solitario, decine di migliaia di iscritti, su barche velocissime di 100 piedi… Ti colleghi quando vuoi, la barca la manovri con il tuo device e quando non ci sei va da sola. Chiunque può partecipare, gratis. Benvenuto alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey.

Se ti registri con questo form alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey, oltre a concorrere agli oltre 50 premi in palio:

  • il tuo nome sarà pubblicato sul numero di luglio del Giornale della Vela nel grande reportage sulla THVC Med Odyssey
  • puoi essere selezionato per partecipare alle dirette web con i nostri speaker dal 15 al 31 maggio

Accetto la Privacy Policy


Fatto? Ora iscriviti subito alla TAG Heuer VELA Cup Med Odyssey!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi