“Sfida” a due scafi: Elba 45 o Lagoon 46? Scopriteli qui, poi decidete voi

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Elba 45 o Lagoon 46Oggi alla Milano Yachting Week – The digital Boat Show vi portiamo alla scoperta di due catamarani perfetti per la vostra crociera ultracomoda.

Stiamo parlando di due modelli tra i 13 e i 14 metri di due grandi cantieri di multiscafi che, a bordo, hanno spazi che fino a qualche anno fa erano impensabili, anche sui catamarni: l’Elba 45 di Fountaine Pajot e il Lagoon 46. Quale è meglio per voi? La decisione è vostra!

ELBA 45 O LAGOON 46?

elba 45Elba 45 (13,45 x 7,55 m)

Partiamo dall’Elba 45, che vi consigliamo di conoscere nel dettaglio nello stand di Race Nautica: lungo 13,45 m per un baglio massimo di 7,55, è un vero e proprio catamarano di lusso. Elba 45 è disponibile in due versioni, Maestro, con una cabina armatoriale con bagno privato, due cabine doppie e due bagni adiacenti e Quatuor, con 4 cabine doppie e 4 bagni adiacenti.

Scoprirete come nell’Elba 45 i classici spazi nautici siano in realtà di grandi dimensioni, con una delle più grandi aree lounge della sua categoria, la suite armatoriale e le camere per gli ospiti di dimensioni mozzafiato. Le aree relax di 8,5 metri quadrati nella parte anteriore della barca sono l’ideale per godersi la bellezza del mare nel modo più rilassato possibile.

SCOPRILO NEL DETTAGLIO QUI

lagoon 46Lagoon 46 (13,99 x 7,96 m)

Appena pochi centimetri sopra rispetto all’Elba 45 troviamo il Lagoon 46 (13,99 x 7,96 m), che potete visitare nello stand di Spartivento Yachts. Il Lagoon 46 si propone con: un piano velico ottimizzato per migliorare il rapporto superficie velica/dislocamento, un albero arretrato, frutto dell’esperienza maturata dallo Studio VPLP nel mondo delle regate, che conferisce maggiore slancio, un boma più corto e un fiocco autovirante, oltre a un FlatWinder elettrico per il carrello della randa e un grande triangolo di prua, per ampliare la scelta delle vele di prua e le performance.

Firmati Nauta Design, gli interni del Lagoon 46 si caratterizzano per uno stile raffinato, elegante e funzionale. Gli spazi privati riservati all’armatore sono generosi, con un letto island che offre il massimo comfort. Ma anche le altre cabine sono decisamente spaziose, in particolare quella di prua in cui il letto non ha nulla da invidiare rispetto alle soluzioni di poppa.

SCOPRILO NEL DETTAGLIO QUI

Elba 45 o Lagoon 46? Un scelta difficile, vero?

CLICCA QUI ED ESPLORA SUBITO LA MILANO YACHTING WEEK

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Speciale Porti 2024

Porti italiani. Questa è la top 20 del 2024

Con un totale di oltre 112mila posti barca l’Italia si conferma una destinazione top per il turismo nautico europeo e mondiale. Ma se dalla quantità si passa alla qualità dell’offerta di “accoglienza” sul mare, si scopre che sono solo 88

HP Watermaker SCA 100

Sette domande al dissalatore. Ecco cosa sapere su questo accessorio

  Il dissalatore è diventato un accessorio imprescindibile per molti armatori, sempre più desiderosi di averlo a bordo delle loro barche. Questa crescente richiesta può essere attribuita a diversi fattori. Innanzitutto, l’uso delle imbarcazioni si sta evolvendo: non sono più

Registrati



Accedi