developed and seo specialist Franco Danese

La storia della barca che fu la palestra dei neozelandesi

Otto manovre per zittire i “ficcanaso da banchina”
25 aprile 2021
SailGp: luci ed ombre di un weekend ad alta tensione
26 aprile 2021

Chi ha seguito la Coppa America avrà notato che tra le barche del pubblico veniva spesso inquadrata una bellissima barca rossa a due alberi. Non a caso.

steinlager 2

Peter Blake, icona della vela neozelandese, ucciso dai pirati che il 5 dicembre del 2001 assaltarono il suo Seamaster sul Rio delle Amazzoni

Si tratta di Steinlager 2, la mitica barca con cui il neozelandese Peter Blake vinse il Giro del mondo in equipaggio (Whitbread) del 1989/90 vincendo tutte le tappe e battendo Fisher&Paykel al comando di Grant Dalton.

Per chi non lo sapesse dopo il Giro del Mondo Blake fece nascere Team New Zealand di cui faceva parte anche l’amico/nemico Grant Dalton. Così nacque l’epopea dei neozelandesi in Coppa America che prosegue ancor ora.

Steinlager 2 è stato appena restaurato dal New Zealand Sailing Trust (nzsailingtrust.com) che lo utilizza per diffondere lo spirito della vela come scuola di vita, effettuando training e scuola vela e finaziandosi con di contributi popolari.

steinlager 2

Steinlager 2 in una foto di qualche anno fa. E’ lunga 25.49 m, ha un baglio max di 5.76 m, pesca 3.99 m e ha un dislocamento di 35,18 tonnellate

LA STORIA DI STEINLAGER 2

La storia di questa barca mitica è avventurosa. Ecco l’incredibile epopea di questa meravigliosa barca d’epoca, rinata a nuova vita. Steinlager 2 fu progettata da Bruce Farr con il contributo di Blake, che poté attingere alla sua esperienza avendo partecipato a tutte e quattro le precedenti edizioni della Whitbread. Blake, nel 1987, chiese a Farr di studiare il potenziale di velocità di un ketch (due alberi) rispetto ad uno sloop (un albero). La ricerca di Farr rivelò che un ketch aveva il potenziale per navigare più rapidamente in un giro del mondo.

Scelta azzeccata, il 22 maggio 1990, Steinlager 2 – con Peter Blake e 14 neozelandesi – tagliò il traguardo di Southampton vincendo la quinta Whitbread, con quasi un giorno e mezzo di vantaggio rispetto alla barca successiva.

DOPO BLAKE CI FU ANCHE FALCK

Steinlager 2 fu acquistato da Giorgio Falck, lo skipper italiano, che fu pure un protagonista del giro del mondo. Dipinta di blu e rinominata Safilo, continuò ad essere vincente fino a che Falck non la rivendette al belga Serge Vassard che la chiamò Barracuda. Poi nel 2003 passò nelle mani di uno svizzero, Stefan Detjen. Non smise mai di girare il mondo sino al ritorno in Nuova Zelanda.

Per donare un contributo al mantenimento di Steinlager2: nzsailingtrust.com


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi