Tassa barca in Croazia. La paghi solo online: come fare e quanto costa

tassa barca in croaziaDa oggi la tassa di soggiorno per la barca in Croazia la paghi solo online. Sul portale multilingue (anche in italiano) https://www.nautika.evisitor.hr/?lang=it lanciato dall’ Ente Nazionale Croato per il Turismo ha lanciato, che consente ai diportisti di effettuare il pagamento on line della tassa nautica di soggiorno. Massima comodità, quindi, per chi sta progettando o ha progettato una crociera in Croazia: addio ai pagamenti “burocratici” nelle Capitanerie di Porto e nelle filiali portuali.

COME SI PAGA LA TASSA BARCA IN CROAZIA E QUANTO COSTA

Come si paga la tassa? Il primo modo, quello più semplice, è basato sulla lunghezza dell’imbarcazione. I prezzi? Si va un minimo di 90 kune croate (circa 12 euro) per una barca da 7 a 9 metri per un periodo di tre giorni fino alle 6.000 kune (793 euro) per la quota annuale di una barca oltre i 20 metri.

Per fare un esempio, una barca da crociera con lunghezza compresa tra i 12 e i 15 metri spenderà 490 kune (65 euro) fino a 8 giorni di permanenza, 840 kune (111 euro) per 15 giorni, 1.400 kune (185 euro) per un mese. Il pagamento si può effettuare con tutti i migliori circuiti di carte in circolazione e, una volta eseguito, si riceverà una conferma all’indirizzo e-mail fornito, che si dovrà conservare a bordo per tutto il periodo di soggiorno.

Soluzione due, indicata per chi ha previsto una breve sosta in Croazia. In conformità con la legge sulla tassa di soggiorno, i diportisti la possono pagare anche in base al numero di persone o al numero di pernottamenti: a questo link la scheda da compilare.

Oltre alla lingua croata, il portale è disponibile anche in inglese, tedesco e italiano e guida l’utente attraverso il processo di registrazione e pagamento della tassa di soggiorno in modo semplice e chiaro. Per informazioni turistiche consultare il sito https://croatia.hr/it-IT/esperienze/nautica-da-diporto


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Tassa barca in Croazia. La paghi solo online: come fare e quanto costa”

  1. Questo vale solo per la tassa di soggiorno per chi ha la barca già in Croazia. Ma chi arriva via mare in Croazia deve comunque fermarsi in capitaneria e pagare la vignetta e tassa di soggiorno? Vero?

  2. Buongiorno . Finalmente è stato rislto il problema del pagamento della tassa di soggiorno .
    Ma la “VGNETTA” (tassa sulla barca in base alla lunghezza e ai cavalli del motore) non si paga più ? Bisogna andare ancora in capitaneria per il pagamento o esiste la possibilità del pagamento elettronico ?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

Se teoricamente sarebbe possibile andare Slovenia senza superare il limite delle 12 miglia dalla costa, limite massimo a cui possono spingersi i natanti italiani (con patente nautica), la normativa slovena richiede che tutte le imbarcazioni oltre i 3 metri siano

Torna su