developed and seo specialist Franco Danese

Eco Foiler, la deriva riciclabile che si ispira alle barche della Coppa America

vendere la barca
Vendere la barca. Meglio farlo da soli o con un broker?
23 marzo 2021
Ci sono ancora criminali che pescano datteri di mare (e distruggono il Mediterraneo)
23 marzo 2021

Ve ne avevamo parlato durante una puntata de Il Giornale della Coppa (Guardala QUI) e adesso insieme a uno dei ragazzi del team di Northern Light Composites andiamo a scoprire qualcosa di più sull’Eco Foiler. La deriva da singolo, disegnata da Matteo Polli, sarà uno dei fiori all’occhiello della produzione “green” della startup innovativa. Si tratta di un singolo che si ispira al concetto degli AC 75, semplificandolo e riportandolo a una dimensione che può essere adatta a velisti comuni. Può essere una barca con cui imparare a navigare sui foil, o in generale iniziare ad abituarsi alle alte velocità. Ecco che cosa ci ha raccontato Sergio Caramel.

IL CONCETTO DI ECO FOILER

“L’obiettivo principale è quello di fare una cosa completamente nuova cercando di convogliare l’idea dell’utilizzo dei materiali riciclabili con il foiling” ci racconta Sergio Caramel di Northern Light Composites. “Oggi durante il concepimento del concept delle barche foil si predilige prima di tutto la massima prestazione, quindi diminuzione del peso mantenendo le massime proprietà meccaniche, il che si è sempre tradotto in una costruzione in full carbon e resina epossidica. Noi invece vogliamo usare lino e resina termoplastica per ottenere le stesse caratteristiche” ci spiega Sergio. “Lo stimolo è arrivato anche dalla Foiling Week che ha indetto un concorso per le università che si chiama Foiling SuMoth Challenge, aperto alle università di tutto il mondo, per il quale bisogna costruire un Moth utilizzando materiali eco sostenibili. Loro sono stati dei precursori in questo campo, e questa idea è stata fonte d’ispirazione per fare qualcosa di nostro” ci racconta.
“Noi utilizzeremo fibre di lino e resina Elium, con un core di politilene ad alta densità riciclabile, una resina termoplastica e non termo indurente. La termoplastica infatti a fine vita del prodotto si può sciogliere e riutilizzare. Il lino ha una produzione a basso impatto di CO2, unito alla resina termoplastica rende il composito perfettamente riciclabile a fine vita. In più a rivestire lo scafo ci sono delle fibre di carbonio riciclate, gli scarti corti in pratica, pochi centimetri o millimetri, con cui andiamo a proteggere tutto lo scafo con una pelle esterna di 0,2 millimetri circa” precisa Caramel a proposito della costruzione dell’Eco Foiler.

Il dettaglio della carena vista da sotto. Si nota una sorta di “chiglietta” sullo stile degli AC 75

UNA BARCA RICICLABILE?

Ma che ne sarà del materiale con cui è costruito l’Eco Foiler quando un domani la barca finirà la sua vita? Caramel ci spiega anche questo punto. “Abbiamo fatto delle prove di riciclo dei pezzi, noi ad oggi riusciamo a sciogliere il tutto e a riutilizzarlo per componenti non strutturali della barca, parti del pozzetto, o una barra di un timone. Nel giro di qualche anno pensiamo che da una barca vecchia se ne potrebbe costruire un’altra. L’utilizzo di questa resina Elium, prodotta da Arkema, sta cambiando molto le cose” racconta Sergio, che ci spiega anche che tipo di barca sarà l’Eco Foiler e perché non navigherà solo sui foil. “Vogliamo riuscire a fare una barca che possa essere divertente e utilizzabile senza problemi anche in modalità displacement, a differenza di altri piccoli foiler già presenti sul mercato. Questo serve ad aprire anche a velisti che abbiamo un fisico normale e non necessariamente da atleti. Anche in dislocamento la barca camminerà bene, ovviamente sarà meno divertente di quando vola, ma sarà comunque veloce e planante. L’obiettivo è quello di avere un solo foil centrale, ma di questo ne parleremo prossimamente quando il progetto sarà definitivo. Poterlo utilizzare anche in disclocamento significa poterla anche trainare facilmente, o lanciarla dalla spiaggia o dallo scivolo con un carrello”.
La barca verrà presentata alla Foiling Week di Malcesine, in programma dall’1 al 4 luglio 2021.

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche un regalo!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi