developed and seo specialist Franco Danese

Gianni Agnelli, il padre nobile della Coppa America, nel ricordo di Lapo Elkann

Coppa America: Team New Zealand mette una mano sulla finale, 5-3
15 marzo 2021
velista dell'anno
Velista dell’Anno TAG Heuer 2021 – Epic 30 th Edition thriller! Più di 50.000 voti, dodici nomi per dieci posti!
15 marzo 2021

Va bene Ricci, facciamo la Coppa America” disse Gianni Agnelli dopo aver ascoltato dal giovane Cino Ricci il progetto Azzurra. Così iniziò quarant’anni fa l’avventura dell’Italia in Coppa America, quella che adesso, con Luna Rossa, sta appassionando tutti gli italiani. Agnelli concluse, prima di liquidare Ricci: “Ma vediamo di non far fare all’Italia la figura dei cioccolatai”.

I cento anni di Gianni Agnelli

In questi giorni si celebrano i 100 anni dalla nascita di Giovanni Agnelli, (deceduto nel 2003) detto l’Avvocato, negli anni ’80 sicuramente l’italiano più influente e famoso nel mondo. Un grande amante della vela. Il nipote Lapo Elkann ha ricordato sul Venerdì di Repubblica il nonno, intervistato nella ricorrenza dei 100 anni dalla sua nascita. Non ha parlato della figura dell’Avvocato come capitano d’industria, proprietario dell’allora più grande azienda d’Italia, la Fiat, ma come grande appassionato di vela e di mare.

Mi piace il vento perché non si può comprare

Racconta Lapo: “Amava il mare, come luogo della libertà e della civiltà occidentale, del rischio, del mareggio come metafora della vita”.

Perché a Gianni Agnelli piaceva così tanto la vela? Il ricordo va ad un suo famoso aforisma: “Mi piace perché il vento è l’unica cosa che non si può comprare”.

Tra i ricordi più belli che il nipote Lapo ha del nonno c’è la regata del Fastnet nel 2001 a bordo della meraviglioso maxiyacht Stealth che Agnelli si era fatto progettare da German Frers.

Con quella barca, allora avveniristica, Lapo Elkann conserva uno dei ricordi che non dimenticherà mai: Uno dei momenti più belli fu quando nel 2001 partecipammo e vincemmo la regata di Cowes. Chi ama il mare dovrebbe, fosse solo per una volta, almeno assistere se non partecipare alla Fastnet Race che dal porto sull’isola di Wight – in Inghilterra – raggiunge il faro del Fastnet, aggira quel leggendario sperone roccioso a sud dell’Irlanda e si dirige verso Plymouth. La forza del vento e delle onde sono tali che è come andare sulle tracce del diluvio”.

Cino Ricci

Cino Ricci

Quando tirò su il telefono e trovò i soldi per Azzurra

Dicevamo che è lui, Gianni Agnelli, il padre nobile delle sfide italiane in Coppa America. Ecco il ricordo del preciso momento in cui si avverò, nel febbraio 1981, il sogno di una barca italiana in Coppa America nel ricordo di Cino Ricci: “Ripenso alle parole dell’Avvocato. Ricci, mi ha convinto…(…) Ci credo, ma mi sembra ancora impossibile. Rivedo la scena.

In principio l’Avvocato è un po’ scettico, ma poi comincia a crederci. Sì, Ricci, le credo, è un buon progetto… La facciamo… Ma dobbiamo trovare gli sponsor… Chi ci mettiamo? Alza il telefono, che rimane a mezz’aria, mi guarda e quasi indovinando il mio pensiero… No, no, la Fiat no… E si fa passare Barilla, Cinzano… Dice a tutti che si fa la Coppa America. (…) Io sono sorpreso. Non dice vedremo, mi lasci pensare… No, dice proprio: si fa… Con una raccomandazione soltanto, però… Ricci, non andiamo a fare la figura dei cioccolatai…

Gianni Agnelli

Gianni Agnelli (al centro) parla con Riccardo Bonadeo (a destra), dietro il team di Azzurra nel 1983.

Alla Coppa America ci pensava dagli anni ‘60

Agnelli non lo svelò a Cino Ricci, ma era dal 1960, quando con Beppe Croce (allora presidente della Federazione Italiana Vela) usci a Newport in barca con John Kennedy, che pensava ad una sfida italiana nella Coppa America.

Lo testimoniò lo stesso Beppe Croce che era anche presidente del più antico yacht club, lo Yacht Club Italiano, di cui faceva parte Agnelli. Croce confessò al Giornale della Vela nel 1979:Gianni voleva assolutamente che una barca italiana partecipasse alla Coppa America. Ma aveva due dubbi: non voleva metterci tutti i soldi e pensava che non avessimo il know how sufficiente per partecipare senza fare una figuraccia”.

Poi, come abbiamo visto, Agnelli si ricredette. In primo luogo perché mise solo un 18esimo del budget di Azzurra composto proprio da altri 17 sponsor. E poi perché si convinse che con Ricci non avremmo fatto “la figura dei cioccolatai”.

Le barche più belle del mondo erano sue

Le barche a vela di Gianni Agnelli sono state tra le più belle e invidiate al mondo. Ma quella che tutti ricordano è proprio quella su cui vinse il Fastnet il nipote Lapo Elkann. Il Giornale della Vela l’ha inserita nel 2015 tra le 100 barche mitiche della storia.

Ecco cosa scrivemmo a proposito di Stealth: “Il genio di Germán Frers a disposizione dell’avvocato Agnelli ha dato vita allo Stealth nel 1996: 26 metri di barca con un albero di 36, interamente costruita in carbonio, eccezion fatta per l’elegante coperta di teak. Nerissima. Nel 1998 la barca matura il record di traversata del Mediterraneo, nel 2001 vince il Fastnet tra i monoscafi e la Regata del Giubileo (intorno all’isola di Wight per celebrare i 150 anni della Coppa America) in tempo reale”.

 


SEGUI LIVE LE REGATE DI LUNA ROSSA!

QUI TROVI TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SULLA COPPA AMERICA E SU LUNA ROSSA

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi