Con il sintetico ti scordi la manutenzione. Ed è bello come il teak

Come avere una coperta bella come quella in teak, ma senza manutenzione e più rispettosa dell’ambiente. Con Refit Style il problema è risolto.

Nello stand alla Milano Yachting Week – The digital boat show di Refit Style scoprirete come sono riusciti a realizzare un prodotto per il rivestimento delle coperte e degli accessori che è bello da vedere e pratico come il teak. Un prodotto sintetico che è anche ecologico.

Tutto questo è ben spiegato nell’intervista a Mirco Gazzato che trovate nello stand di Refit Style.

Gazzato spiega come, a confronto del teak tradizionale, la soluzione Refit Style offra indubbi vantaggi. A partire dal fatto che oggi trovare del teak di alta qualità è difficilissimo e molto costoso oltre ad essere una scelta molto poco green.

Per continuare con le caratteristiche meccaniche del “teak sintetico” Permateek che sono nettamente migliori.

Per non parlare della manutenzione che è praticamente nulla, eliminando non solo il tempo che si perde mantenere in buone condizioni il teak, ma anche per l’uso di prodotti altamente inquinanti che si devono usare per far si che non diventi un “brutto legnaccio” in coperta.

E poi l’estetica. Basta guardare nello stand le immagini del rivestimento sintetico Refit Style in posa, per rendersi conto della bellezza del prodotto, paragonabile a quella del teak. Ma il vantaggio è anche la scelta di poter scegliere tra infinite possibilità di tonalità di colore.

Teak contro sintetico, i 10 vantaggi

Ecco come nello stand di Refit Style sintetizzano i vantaggi del sintetico rispetto al tradizionale teak:

1-Manutenzione pari a zero: non necessita di trattamenti particolari.

2-Estetica eccellente, paragonabile a quella del legno tradizionale.

3-Ampia scelta di colori: 15 con 3 diversi colori di fuga per ognuns.

4-Temperatura in esposizione al sole equiparata al legno vero.

5-Colore stabile nel tempo: non varia nel corso degli anni.

6-Ottima tenuta antiscivolo e gradevole sensazione tattile.

7-Prodotto autoestinguente e cattivo conduttore del calore.

8-Assenza di infiltrazione di muffe e acqua.

9-Maggior resistenza agli urti ed usura.

10-Assistenza e possibilità di riparazione di parti danneggiate.

I servizi personalizzati di Refit Style

Refit Style ha il suo punto di forza nei servizi e nelle metodologie di applicazione. Per approfondire cliccate qui:

Per saperne di più

Per scoprire come funziona Refit Style e contattare direttamente con una mail o con whatapp un responsabile per saperne di più vai subito QUI.

ENTRA SUBITO NELLO STAND DI REFIT STYLE ALLA MILANO YACHTING WEEK


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su