Due geniali soluzioni per un rivestimento bello come il teak, ma ecologico

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

C’è una via diversa, ecologica al rivestimento in teak che mantenga la bellezza e praticità di questo materiale che nobilita una barca ma che non faccia “del male” al pianeta?

Alla Milano Yachting Week  – The digital boat show, c’è. Anzi, sono due le soluzioni dove si concilia il bello con l’ecologia.

Ve le presentano nel loro stand Synteak e Marine Cork.

Mettiamo a confronto i due loro prodotti ecologici.

L’idea eco di Synteak: un po’ teak e un po’ PVC riciclato

Synteak ha realizzato il prodigioso Teak Composito che è un nuovissimo materiale composto dal 60% di vero teak e al 40% in PVC. Il risultato pratico è che ha la bellezza del teak naturale e tutti i vantaggi di praticità, riduzione di manutenzione e durata nel tempo del teak 100% sintetico. Teak Composito di Sinteak abbina i pregi del prodotto naturale, il teak, con quello del PVC (ma riciclato e quindi ecologico). A differenza del teak naturale, al sole riduce il calore accumulato (non scotta a piedi nudi!) ed è possibile scegliere ogni tono di colore, senza dimenticare il grip che lo rende perfettamente antiscivolo.

Scopri di più, clicca qui gli esperti di Sinteak sono a tua disposizione, li puoi contattare direttamente con una mail o con whatapp.

La soluzione eco di Marine Cork: quando il sughero eco diventa come il teak

L’altra strada verso un rivestimento bello come il teak ma ecologico la offre Marine Cork con un prodotto sorprendente. Marine Cork tramuta il sughero in un prodotto high tech che alla vista risulta compatto e liscio come un listello di teak. E camminarci sopra da una sensazione di “morbido”.

È ecologico perché il sughero è la corteccia dell’albero che si riforma e non occorre abbattere foreste per ricavare listelli di legno, come accade con il teak “vero”.

In più ha caratteristiche eccezionali, come il semplice fatto di pesare meno di un terzo del teak tradizionale o di quello sintetico. Per farvi un esempio, una superficie di 40 metri quadri con Marine Cork pesa 100 kg, mentre con un rivestimento in teak 300/350!

Potete vedere con i vostri occhi in un efficace video come, con Marine Cork, le macchie di caffe o vino se ne vanno con un po’ d’acqua senza essere assorbite, come invece accade con il rivestimento in teak.

Per scoprire come funziona Marine Cork e contattare direttamente con una mail o con whatapp un responsabile per saperne di più vai, clicca subito qui!

News by Milano Yachting Week

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Speciale Porti 2024

Porti italiani. Questa è la top 20 del 2024

Con un totale di oltre 112mila posti barca l’Italia si conferma una destinazione top per il turismo nautico europeo e mondiale. Ma se dalla quantità si passa alla qualità dell’offerta di “accoglienza” sul mare, si scopre che sono solo 88

HP Watermaker SCA 100

Sette domande al dissalatore. Ecco cosa sapere su questo accessorio

  Il dissalatore è diventato un accessorio imprescindibile per molti armatori, sempre più desiderosi di averlo a bordo delle loro barche. Questa crescente richiesta può essere attribuita a diversi fattori. Innanzitutto, l’uso delle imbarcazioni si sta evolvendo: non sono più

Registrati



Accedi