Dio non salva la Regina, Luna Rossa batte Ineos 7-1 ed è lo sfidante della 36ma America’s Cup

Luna Rossa

E’ Coppa America, 21 anni dopo. Nello stesso posto, dove tutto era iniziato. Luna Rossa è lo sfidante ufficiale della 36ma America’s up. La terza volta di un equipaggio italiano dopo il Moro di Venezia nel 1992 e la stessa Luna Rossa nel 2000.

L’ultima giornata di regate ad Auckland non ha storia, nel vento leggero la barca italiana domina Ineos senza appello. “I am sorry guys” dice Ben Ainslie ai suoi ragazzi sul traguardo. Ed è la fotografia di una sconfitta fragorosa per un team che arrivava a questa finale da favorito e ne esce a pezzi.

Oggi la differenza l’ha fatta la barca, ma il mezzo lo progettano e lo costruiscono gli uomini. “Noi siamo italiani, ecchecavolo”, esclama Checco Bruni sulla linea d’arrivo liberando giorni di tensione contenuta. E allora c’è il tempo di fermarsi a festeggiare, non molto però, perché oggi sul campo di regata si aggirava una presenza ingombrante. Emirates Team New Zealand che dal 6 marzo attende Luna Rossa.

LUNA ROSSA VS INEOS, REGATE 7 E 8

RACE 7

9 nodi sul campo di regata A. Partenza meno combattuta rispetto alla giornata di ieri, Luna Rossa opta per la destra e lo start si chiude in parità con Ineos subito sottovento a Luna Rossa. La barca italiana resiste fino al boundary e dopo la virata attacca da sottovento e passa. Gli inglesi sono costretti a virare con il pozzetto italiano che va subito in copertura.

La poppa inizia con Luna Rossa in controllo apparentemente senza affanni. La seconda bolina prosegue ancora con il pozzetto italiano attento in marcatura e Ineos che esce male dal cancello toccando l’acqua e perdendo 100 metri in pochi secondi. Il match scivola via dalle mani di Ben Ainslie con Luna Rossa che allunga in modo implacabile con il vento che si assesta a 9-10 nodi.

Nessuna via d’uscita neanche in poppa per Ineos, che non riesce a rientrare dopo una seconda bolina da KO. L’AC 75 italiano scava solchi incolmabili di bolina, mostrandosi nettamente superiore in queste condizioni di vento e andando a firmare il 6-1 della serie.

BOA 1 16 secondi LR

BOA 2 21 secondi

BOA 3 1 minuto e 07

BOA 4 1 minuto e 02

BOA 5 1 minuto e 45

ARRIVO 1 minuto e 45

RACE 8

Battaglia in partenza con Ben Ainslie che cerca di stare vicinissimo a Luna Rossa, ne viene fuori uno start combattuto, con due richieste di penalità da parte di Luna Rossa che per rispondere agli attacchi di Ineos parte in anticipo e prende penalità mente è luce verde per gli inglesi.

Al primo incrocio avanti Britannia, che non va in marcatura, Luna Rossa pesca un buon destro all’incrocio successivo e passa girando in testa il primo gate e iniziando la poppa in controllo soft concedendo qualche separazione ai britannici.

Il vantaggio resta invariato e a inizio della seconda bolina Luna Rossa si mette in marcatura stretta e come accaduto in race 7 di bolina il distacco si espande. Seconda poppa in scioltezza per la barca italiana che non mostra particolari affanni. Interessante notare come già dalla metà della poppa l’equipaggio italiano inizi a ragionare sulle mosse della bolina, facendosi trovare sempre puntualmente in marcatura quando Ineos gira il gate di poppa, senza lasciare scampo all’avversario.

La regata scivola via senza sussulti, Luna Rossa è lo sfidante ufficiale della 36ma America’s Cup.   

BOA 1 12 secondi Luna Rossa

BOA 2  12 secondi

BOA 3  33 secondi

BOA 4  35 secondi

BOA 5  53 secondi

ARRIVO 56 secondi

Il Giornale della Coppa torna in diretta da domenica 21 febbraio alle ore 13, i nostri Bacci Del Buono e Mauro Giuffrè avranno come ospiti Gabriele Bruni, Dede De Luca, David Ingiosi e Federico Albano per commentare cosa è successo nella quarta giornata della finale di Prada Cup tra Luna Rossa e Ineos, in diretta sulla nostra pagina Facebook, su Youtube e nell’area eventi della Milano Yachting Week.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

10 commenti su “Dio non salva la Regina, Luna Rossa batte Ineos 7-1 ed è lo sfidante della 36ma America’s Cup”

  1. lo stavo vedendo anch’io alle 14 circa , l’ho messo in pausa sul pc senza spegnerlo, e ora che vado a farlo ripartire mi dice invece che è un video privato.
    Cosa è successo ??? grazie

      1. Perfetto qui si vede bene. Complimenti per tutte le puntate che avete fatto , le ho viste tutte !!! e Forza Luna Rossa ! Forzaaa Carolina!!!!

  2. mi è sembrato di aver letto
    (ma l’avviso è rimasto a video pochi secondi – potrei sbagliarmi)
    che il video non sia autorizzato oppure non disponibile per l’Italia ………….

  3. Andrea Fioravanti

    Ho cercato il video celebrativo della vittoria e relative interviste ad eminenti velisti italiani per condividerlo ma non si trova potete provvedere? I media hanno dato poco rilievo mentre mi sembra importante che gli Italiani sappiano chi sono, Sarebbe interessante anche divulgare il fatto che tante industrie italiane contribuiscono alla creazione delle barche GRAZIE!

  4. Domenica ore 13 non potevo vedere così pensavo di provare in differita registrata su Youtube ma non è così…..Video privato?!? Ma cosa significa? Anche quello di sabato sempre alle 13 non c’è… Che peccato!! Sigh!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su