developed and seo specialist Franco Danese

BARCHE USATE Vendono cinque modelli “fuori dal coro” da 3 a 15 metri

milano yachting week
Record! 477 barche, accessori, servizi, eventi al digital boat show. Basta un click
7 gennaio 2021
Luna Rossa: spunta la nuova carenatura in coperta per la Prada Cup
8 gennaio 2021

barche usateContinuiamo ad andare alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate sul nostro mercatino degli annunci. Qui potete vendere e comprare barche usate, accessori, posti barca, trovare l’idea giusta per le vostre vacanze e persino cercare e offrire lavoro! Oggi abbiamo scovato per voi cinque barche usate “fuori dal coro”, dai 3 ai 15 metri! Perfette per divertirvi, regatare, andare in crociera! Ve le presentiamo in ordine crescente di lunghezza. Un usato sicuro: garantisce il Giornale della Vela!

CINQUE BARCHE USATE DA 3 A 15 METRI

INTRAMONTABILE!

La prima delle barche usate che vi proponiamo è un mitico Dinghy 12 piedi (3,6 x 1,4 m): una delle barche dal successo più longevo. Pensate che nasce nel 1913 dal progetto dell’inglese George Cockshott. Cockshott era un avvocato appassionato di progettazione, passione che lo portò a partecipare e vincere il concorso indetto dalla Boat Racing Association, che aveva come obiettivo la creazione di una deriva di piccole dimensioni che potesse diffondere la pratica della vela come sport perché economicamente più accessibile rispetto alle grandi barche da regata diffuse ai tempi.

Da allora la storia del Dinghy è una storia di successi e di passione, inaugurata dalla partecipazione alle Olimpiadi già nel 1920 in Belgio e poi nel 1928 in Olanda, a seguito della quale venne creato il primo cantiere di Dinghy 12′ in Italia.

Questa deriva, che si è evoluta negli anni passando dalla classica costruzione in legno anche a materiali più elaborati, permette una pratica velica dall’impatto ambientale nullo, che, abbinata all’economicità e alla facilità di manutenzione, può rispondere alla ricerca di purezza e di contatto diretto con il mare, diventando così simbolo di uno stile di vita pulito ed essenziale. Ancora oggi conta migliaia di appassionati in tutto il mondo, e in Italia le regate e i raduni sono super affollati!

Il modello che vi proponiamo è in vetroresina con panche in mogano, realizzato nel 1995 dal famoso cantiere Lillia di Calozzo (Como), ed è visibile a Ravenna. In buone condizioni, è compreso di carrello per alaggio e telo di copertura. Che occasione per avere sempre una barca pronta all’uso per poter uscire in un battibaleno!

SCOPRI LE FOTO, IL PREZZO E L’ANNUNCIO COMPLETO

UN MONOTIPO PRONTO A FARVI DIVERTIRE

La seconda delle barche usate in rassegna è nata per la regata pura, ma può essere una barca divertentissima anche per le uscite tra amici. Stiamo parlando di un Melges 20: lungo 6,09 metri per 2,13 di baglio, questo monotipo, progetto di Reichel Pugh del 2007 realizzato dagli americani di Melges Performance Sailboats è protagonista da anni dei campi di regata internazionali.

Il modello in questione è del 2008: si tratta del Melges in vendita “Raffica” ITA 136, super accessioriato, 3 giochi di vele quantum, allineamento bulbo, timone. Albero nuovo, sartie nuove e sempre tenuto al coperto. L’imbarcazione è visibile a Napoli. Il prezzo è buono e questa barca rappresenta la scelta ideale per chi vuole avvicinarsi al mondo della vela sportiva!

SCOPRI LE FOTO, IL PREZZO E L’ANNUNCIO COMPLETO

PER CHI AMA NAVIGARE TANTO E “ALLA FRANCESE”

Proseguiamo con la terza delle barche usate “fuori dal coro” sotto la lente: una barca per chi ama navigare, e tanto. Un Pogo 10.50 (10,50 x 3,90 m): successore del Pogo 40, nel 2008 costituì ma l’ampliamento di una gamma di successo che ha visto il suo esordio con un Class 40 di serie, fruibile anche in crociera. Così la Structures ha affidato allo studio Finot-Conq il disegno di questo dieci metri e mezzo capace di ottime performance.

La poppa aperta e larga, le linee d’ingresso sottili, con la prua che scende verticale sull’acqua denotano il carattere sportivo di questo dieci metri che riprende i concetti della più grande sorella di 40 piedi. Il design di coperta di Patrick Roseo è quello di una barca governabile anche con equipaggio ridotto.

La versione che vi proponiamo è con chiglia sollevabile, è del 2021 ed è visibile a Cecina. Pronto a navigare, è attrezzato con vele performanti ed elettronica NKE. Questo Pogo 10.50 è il perfetto compagno di chi voglia togliersi un po’ di soddisfazioni in altura!

SCOPRI LE FOTO E L’ANNUNCIO COMPLETO 

LA BARCA CHE VOLLE IL RE DI SPAGNA

Saliamo di metratura con la quarta delle barche usate in rassegna. Ci sono sempre state barche speciali, ma il Cheyenne, un Rodman 42 (11,98 x 3,50 m, pescaggio 2,50 m), è più speciale delle altre. Ed è in vendita, dopo essere stato completamente refittato negli ultimi due anni. Una barca dalla doppia anima, sportiva in grado di vincere le regate e contemporaneamente perfetta per piacevoli crociere.

Perché è più speciale di tante barche? Sentite la storia e vi renderete conto che non raccontiamo fandonie. Nel 2002 l’allora Re di Spagna, Juan Carlos di Borbone, radunò il suo team e sentenziò: “Voglio una barca per vincere nelle regate IMS divertendomi con i miei amici. Deve essere costruita in Spagna”. La parola di un Re è un ordine, così Pedro Campos, famoso velista con innumerevoli partecipazioni alla Coppa America, braccio destro del sovrano, si mise all’opera. Soddisfare Juan Carlos non era semplice, il Re è un grande velista, famosi sono i suoi Bribon che hanno sempre regatato in Mediterraneo, personalmente ha partecipato alle Olimpiadi sui Dragoni nel 1972 e nel 2017, a 79 anni, ha vinto il campionato mondiale 6 metri SI.

Pedro Campos non lo deluse. Scelse i progettisti più forti del momento, i tedeschi Judel&Vrolijk e ordinò al cantiere più importante di Spagna, Rodman, di costruire sette barche, tutte uguali, come voleva il Re. Rodman, che non aveva mai costruito una barca vela, si impegnò al massimo. Grazie all’esperienza di Campos e dei tedeschi nacque una barca all’avanguardia. Uno dei segreti della leggerezza e rigidità dello scafo è una gabbia di di acciaio che unisce tutti i punti di maggior sforzo (attacco lande, attacco bulbo), così da permettere di ridurre lo spessore e il peso dello scafo in vetroresina (cotto in forno) con rinforzi in carbonio, lo stesso materiale dell’albero. Il risultato è una barca molto rigida e resistente, ma più leggera (dislocamento solo 6.500 kg).

Non stiamo ad elencarvi tutte le vittorie ottenute da queste barche, vi diciamo solo degli ultimi risultati: nel 2017 due Rodman 42 hanno stravinto la Coppa del Re a Palma di Maiorca. Ma anche Cheyenne, la barca in vendita adesso, non è da meno. E’ arrivato secondo assoluto, sempre nel 2017, alla Palermo Montecarlo e nel 2018 è giunto secondo di classe alla 151 Miglia.

Cheyenne è del 2003 ed è visibile a Chiavari. Refittata dal 2017 ad oggi e sempre mantenuta e migliorata nel tempo…

SCOPRI LE FOTO, IL PREZZO E L’ANNUNCIO COMPLETO

PER NAVIGARE INTORNO AL MONDO

Dopo tante barche usate da regata, chiudiamo la rassegna con un modello all’insegna del comfort e della sicurezza, una barca da veri intenditori. Stiamo parlando di un Hallberg-Rassy 49 Ketch (14,96 m x 4,42 m).

Scafo classico, lungo e stretto, disegnato questa volta per la casa svedese da Olle Enderlein (in collaborazione con Christoph Rassy) che ha optato per un bordo libero alto (dislocamento pesante, 18 tonnellate), ponte quasi raso con deckpilot raccolta a piramide tronca. Notevole la capienza dei serbatoi d’acqua (1400 litri) e di nafta (765 litri) per un’autonomia di navigazione di lungo respiro, sotto la spinta di un piano velico che inizia a essere impegnativo (112 mq). La poppa è tronca e numerosi oblò in fiancata e osteriggi in coperta garantiscono ottima illuminazione e aerazione degli ambienti.

La barca iniziò a essere prodotta con armo a ketch nel 1987, seguita dal modello a sloop: uscì di produzione nel 1992 dopo 89 esemplari varati. Il modello in vendita risale ai primordi (è infatti del 1987) ed è visibile in Croazia. Il nuovo motore, un Volvo Penta  140 cavalli, è stato installato nel 2017: la barca ha tre cabine, due bagni, angolo barra, radar, camminamenti laterali e pozzetto in teak, elica di prua, riscaldamento webasto, sartiame spiroidale…

SCOPRI L’ANNUNCIO COMPLETO, IL PREZZO E LE FOTO


usatoCOME FUNZIONA IL MERCATINO DELL’USATO DEL GIORNALE DELLA VELA
Oggi hai un modo più efficace per vendere la tua barca o comprarne una, trovare l’attrezzatura usata che fa per te, il posto barca e persino cercare e offrire lavoro a bordo. E’ il nuovo mercatino degli annunci del Giornale della Vela. Gli annunci standard sono gratuiti e rimangono in evidenza 15 giorni, ma abbiamo un mare di soluzioni per rendere il tuo annuncio ancora più efficace! SCOPRI DI PIU’


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi