Addio a Ernesto Gismondi, l’uomo che amava strappare gli spi

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

ernesto gismondiGli Edimetra, la sua grande passione, sono barche famose in tutto il Mediterraneo, belle ed efficienti come le sue lampade Artemide.

Se n’è andato a 89 anni Ernesto Gismondi, grande velista e yachtman purissimo oltreché imprenditore illuminato. Aveva fondato negli anni ‘60 una delle eccellenze del Made in Italy, Artemide, la multinazionale tascabile delle lampade che ha portato il design d’autore nell’illuminazione.

I suoi sette Edimetra hanno partecipato a centinaia di regate in Tirreno. Qualcuna importante l’ha anche vinta, come la Giraglia e la Tre Golfi. E ogni estate, in crociera con la stessa barca con cui regatava. Gismondi ha girato il Mediterraneo in lungo e in largo in vacanza con famiglia e amici.

Ernesto Gismondi, velista nell’anima non per esibizione

Gismondi a vela ci andava per passione, non per esibizione o fame di vittorie. Non si è mai fatto abbagliare dalla voglia di spendere montagne di soldi per diventare un armatore vincente. Non faceva parte di quegli armatori che a bordo non fanno nulla, trasportati da velisti professionisti.

Lui amava veramente la vela e l’andare per mare. Gli piaceva stare al timone, vestito come un marinaio qualunque. Unico vezzo da creativo qual’era, una bandana rossa per non scottarsi la “pelata”. Il suo ultimo Edimetra, il settimo, è un meraviglioso yacht di 65 piedi (20 metri) progettato da German Frers e costruito in Nuova Zelanda da Cookson, acquistato da Riccardo Bonadeo, armatore dei famosi Rrrose Selavy.

Ernesto Gismondi, nato a Sanremo nel 1931, si definiva il velista autodidatta per eccellenza. Raccontava dei suoi esordi in deriva: “Ricordo una regata a Genova: erano già tutti in acqua, sono arrivato in ritardo, ho tirato giù lo scafo dal carrello e sono partito. In direzione opposta rispetto alla flotta, perché non sapevo interpretare i segnali del comitato di regata”.

Il primo Edimetra era un lento Dufour 35, poi è passato ad un Grand Soleil e ha proseguito con un X Yachts.

E poi l’Edimetra VII blu, con quella bellissima “e.” bianca che spiccava enorme a poppa, un piccolo capolavoro di design, come lo erano le sue lampade. Un esempio: la mitica lampada da tavolo Tizio del 1972, sulle scrivanie di mezzo mondo.

Che gusto c’è se in regata non rompi nulla

L’ultimo ricordo di Gismondi, registrato in un’intervista a La Stampa, fa capire che pasta di velista fosse: “Ho ancora negli occhi le immagini dell’ultima Giraglia Rolex: abbiamo passato l’isola, si è alzato il vento da Est, l’abbiamo preso in poppa ed Edimetra ha cominciato a volare… 25-26 nodi…C’è chi sta attento a non rovinare le vele. Per me è il contrario. Se non forzi lo spinnaker, che senso ha metterlo su? È un godimento tornare in porto e dire che hai strappato lo spi, che hai rotto il tangone… A quella Giraglia siamo saliti sul podio. Il bello è arrivare a Genova, in banchina, e aspettare quelli che ti sono dietro per sbertucciarli. È questa la vera essenza della regata”.

E a proposito dell’andar per mare: “Il mare? È lui che comanda. Vorresti uscire, ma quel signore lì ti dice di stare a terra … Io ho imparato a rispettarlo”.

Addio Ernesto.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su