developed and seo specialist Franco Danese

“Che cosa cerchiamo”. Il racconto di Natale di un grande scrittore velista

Quando l’equipaggio in regata vince perché sta in silenzio
24 dicembre 2020
Babbo Natale? E’ arrivato in barca a vela. Queste foto lo provano!
25 dicembre 2020

Quest’anno, per Natale, abbiamo deciso di farvi un regalo, per ricambiare l’affetto che ci avete dimostrato in questo strano 2020 dove il Giornale della Vela ha totalizzato 6 milioni (sic!)  di visualizzazioni. Il racconto, in esclusiva per voi, di un grande scrittore e velista

Lui si chiama Pietro Grossi, il suo libro “Il Passaggio”, edito da Feltrinelli, è un piccolo capolavoro ricco di mare, di vela, di rapporti umani, di navigazioni, di avventura. In calce trovate la sua breve “autobiografia”. L’illustrazione di copertina è di un altro grande talento: Luca Tagliafico, illustratore con il pallino della vela.

Abbiamo scritto anche troppo: è ora di godersi il racconto di Pietro, intitolato Che Cosa Cerchiamo”, ambientato subito dopo una brutta tempesta. Un consiglio: leggetelo con calma. Solo così potrete cogliere i dettagli sottintesi e godervi appieno questa bellissima storia di mare.

CHE COSA CERCHIAMO

un racconto di Pietro Grossi

Sedevo rannicchiato sul ponte e sentivo il teak rigarmi la pelle. Mi teneva caldo una felpa, scartavetravo e davo la coppale sulla tuga del Rizla.

Marco e il tedesco cercavano di aprire le ganasce piegate dell’albero. Di quello che rimaneva dell’albero. Un mezzo tronco scomposto a metà barca, come l’osso spezzato di gabbiano. Forzavano i bulloni e si fermavano e osservavano e bestemmiavano.

L’odore dolce della coppale si mescolava al sale e a quello lontano del pesce. La sollevai con il pennello e la feci ricolare nel barattolo, era morbida e sicura. Staccai un pezzo di ferro rimasto incastrato nella falchetta, accanto a un candeliere spezzato.

Il vecchio mise un piede sulla passerella, aspettò un secondo e salì. Era una cosa che non faceva mai. Aspettare, dico, salire con prudenza. Di solito lo faceva di corsa, senza fermarsi. Aveva i capelli spettinati e sembrava più anziano con quei pantaloncini e quelle tre rughe a traverso della fronte. Teneva al petto, con la mano, un sacchetto di carta marrone. Erano mani forti e gentili, le sue. Mani di cui ti potevi fidare. Poggiò un piede in pozzetto e sparì sotto coperta.

Marco diede un calcio alla base dell’albero e mise le mani sui fianchi, il viso contratto. Alzò gli occhi chiusi al cielo. Era un buon timoniere, Marco. Aveva in testa un bandana, indosso un paio di jeans tagliati e una maglietta bucata. Il tedesco armeggiava ancora con un bullone.

Il vecchio tornò fuori con un vasetto di plastica in mano e un cucchiaino. Si mise a sedere sulla tuga, poco lontano da me, con i piedi sul ponte.

– Occhio che lì è fresco.

Lui guardò in basso e tornò a fissare il vasetto.

– Che mangi? – chiesi.

– Uno yogurt.

– Da quando mangi yogurt?

– Da stamani.

– È buono?

– Spero. Sa di sano.

Silenzio.

– Ti piace l’Ovni? – domandò con lo yogurt in bocca.

Guardai accanto.

– Sono brutte, ma solide – dissi.

– Hanno la chiglia abbattibile.

– Sì, lo so, sono furbe.

Silenzio.

– Il legno è più bello.

– Mah.

Sembrava stupida, d’un tratto, quella parola: bello. Il vecchio girò la testa verso Marco e il tedesco che lottavano con il mozzicone dell’albero. Prese una cucchiaiata di yogurt.

– Come vanno i lavori? – chiese.

– Non c’è male. Con calma.

– Bisogno di una mano?

– Io no. E loro mi sa che è meglio lasciarli soli.

– Mi sa anche a me. Gli altri dove sono?

– A terra, da qualche parte. Hanno detto che volevano fare un giro.

– Come stanno?

– Così – dissi.

Il vecchio alzò lo sguardo sulle drizze dell’Ovni che scampanellavano.

– Lo sai che il tedesco ha lasciato la moglie per venire con noi? – disse.

– Quando torna a Monaco la ritrova.

– Bisogna vedere se lei ritrova lui.

Mi fermai un momento e staccai coi denti un pezzetto di unghia.

– Gran bel pezzo di figliola – disse lui.

– Già, occhi azzurri e culo tondo.

Sorridemmo. Il vecchio prese una cucchiaiata di yogurt.

– Ce n’è parecchio in quel vasetto – dissi.

– Me lo faccio durare.

Raschiò un po’ il bordo e prese un’altra cucchiaiata. Io intanto cercavo di levarmi della coppale appiccicata a un dito.

– Secondo te dovevamo uscire?

Diosanto, pensai.

– Avevamo fretta.

– Lo so, – disse lui – ma forse non dovevamo uscire.

Presi lo straccio e me lo passai sulle mani.

– Era un bravo ragazzo – disse.

– Sì, era un bravo ragazzo. È stata una brutta tempesta.

– Non lo so, forse non dovevamo uscire.

Continuava a raschiare i bordi del vasetto.

– Credo siano cose che non si decidono – dissi.

Silenzio.

– Forse.

Il vecchio raschiò ancora e prese l’ultima cucchiaiata. Osservò il vasetto vuoto, si alzò e andò verso la scaletta. Poco prima di scendere si fermò, fece come per dire qualcosa, poi ci ripensò e sparì sottocoperta.

Io mi imbambolai sullo spazio dove si era fermato, poi immersi il pennello nel barattolo. Lo strusciai contro i bordi per levare l’eccesso e ripresi a stendere la coppale. Non mancava molto ormai, per finire.


pietro grossiPIETRO GROSSI, LA VELA NEL SANGUE

Ecco come si racconta Pietro:Da che ho memoria, i miei più antichi amori sono stati scrivere e andare per mare. Il mare, d’altronde, è sempre stato un amore meno burrascoso, più sincero. Questa è forse una misura della mia idiozia, o dell’idiozia del genere umano: ho finito per passare più tempo a scrivere.

Mentre abbozzavo i miei primi accrocchi letterari, da piccolo, imparavo ad andare a vela, sui Laser e poi sui 470. Ho poi traversato l’Atlantico, pubblicato racconti e romanzi, passato mesi nel mar dei Caraibi, vinto premi letterari, navigato buona parte del Mediterraneo occidentale. La foto che mi ritrae è stata scattata nell’unico momento in cui sono riuscito a combinare entrambe le mie amanti: durante una tappa del Passaggio a nordovest, nei cui luoghi ho ambientato un mio romanzo”.

Il romanzo a cui si riferisce Pietro è “Il Passaggio”, edito da Feltrinelli. Compratelo e leggetelo se siete un minimo appassionati di mare, di vela, di rapporti umani, di navigazioni, di avventura.

Ve lo consigliamo perché é un racconto emozionante con al centro della scena una barca a vela di 12 metri in acciaio che deve attraversare il passaggio a nord ovest, dalla Groenlandia al Canada. Un viaggio ai confini del mondo tra balene, tempeste, incidenti, iceberg, dove la bussola impazzisce e ci si affida solo al GPS, se funziona.

A bordo padre e figlio, un tempo legati dalla passione per la vela, che si ritrovano insieme dopo anni di lontananza e di litigi.

6 Comments

  1. Salvatore ha detto:

    Spesso anche gli errori possono essere inseriti così sapientemente e con senso artistico nella sinfonia che le parole riescono, a volte, a scriver sul foglio (sia esso di carta o anche soltanto virtuale…) ma quando qualcuno non sa distinguere e conseguentemente mettere insieme le parole, quando si cerca di leggerle (per capirne il significato) si prova soltanto fastidio e disgusto. Sono sempre stato molto fortunato nelle mie letture, sin da quando ero adolescente e ora (che, ahimè, sono diventato anziano) se non posso chieder ad alcuno di saper, per forza, scrivere con un minimo di eleganza e musicalità, penso si debba da lui pretender che sappia almeno che il termine “copale” è maschile per cui si “dà il copale” così come, analogamente, si “dà lo smalto”.

    • Louisa ha detto:

      Dal vocabolario Treccani: copale (pop. coppale) s. f. o m. (sostantivo femminile o maschile) [dallo spagn. copal, e questo dall’azteco copalli]. – 1. Resina prodotta da varie leguminose cesalpiniacee, che si rinviene allo stato fossile (più pregiata) o si ricava da piante attuali; si presenta in masse fragili con la superficie raggrinzita, di colore tra il giallo chiaro e il bruno rossiccio, e costituisce il principale ingrediente di vernici e smalti di qualità pregiata. Olio di c., liquido viscoso, di colore più o meno rosso, ottenuto per distillazione secca della copale, usato come solvente di resine. C. di Manila, altro nome della resina nota come manilla o dammara bianca. 2. Nell’uso corrente, scarpe di c., scarpe di vernice, di pelle laccata.

  2. Salvatore ha detto:

    Altrettanto gravemente errata è l’espressione “aveva in testa un bandana” perché il termine in questione è femminile e quindi dovremo, obbligatoriamente, sempre scrivere (e dire): “la bandana” e/o “una bandana” e mai “il bandana” (come è stato scritto nel libro) o “un bandana”.

  3. Louisa ha detto:

    Dal vocabolario Treccani: bandana s. f. o m. (sostantivo femminile o maschile) [dall’ingl. bandana, variante meno com. di bandanna, che è dal hindī bāndhnū, nome di un sistema di tintura usato nella produzione originaria] (pl. le bandane o i bandana). – Fazzoletto di cotone leggero, a vivace fantasia bicolore, tipico dell’abbigliamento dei giovani, che lo portano legato attorno alla fronte, o al collo, o ai polsi.

  4. Salvatore ha detto:

    Cara signora Louisa (con un nome così chissà se sarà italiana…) Dopo aver letto le sue spiegazioni dubito fortemente della sua capacità di consultare i vocabolari e d’altronde, se questa dimestichezza l’avesse, saprebbe che il termine “bandana” è sempre stato usato al femminile: famose erano le bandane (sempre e tutte usate al femminile) dei filibustieri che animano l’epopea e la letteratura riguardante i pirati (dei Caraibi e non) come ancor più famosa (perlomeno in Italia) e sempre declinata al femminile fu “la bandana” usata da un famosissimo politico multimiliardario che la uso dopo il trapianto di capelli…
    Analogo discorso va fatto con il copale che è fabbricato con l’uso di resine (come tutte le vernici o le pitture) come lo “smalto” (anch’esso fabbricato mediante resine) ma da ciò non consegue automaticamente che il copale e lo smalto vengano declinati al femminile! D’altro canto è risaputo che la lingua italiana è insidiosa, piena di “tranelli” ed eccezioni ma sta, anche in questo, tutto il suo fascino!

  5. Salvatore ha detto:

    Usare malamente una lingua e violentarla non è, in ogni caso, reato quindi ciascuno può usarla come vuole, come sa o come può…É un discorso culturale che va ben oltre questo caso e queste righe e anche in libreria si comprano i libri nei quali, in qualche modo, ci riconosciamo (anche nel linguaggio più o meno corretto) e sanno regalarci una qualche emozione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi