developed and seo specialist Franco Danese

Decreto Natale, quando si può andare in barca e quando no

Vendée Globe: la flotta verso Point Nemo, Bestaven prova la fuga
21 dicembre 2020
Max Sirena e Francesco Bruni in diretta per Il Giornale della Coppa
22 dicembre 2020

decreto nataleCon l’ultimo DPCM che trasforma l’intero territorio italiano in zona rossa e zona arancione, possiamo uscire in barca? In quali giorni? Cerchiamo di capire, seguendo le disposizioni e il buon senso, cosa si potrà e non si potrà fare durante le feste.

Decreto Natale, facciamo chiarezza

Durante le festività da Natale all’Epifania, tutta italia andrà ad assumere le disposizioni di protezione pandemica colorandosi in un’unica zona a seconda dei periodi:

  • Zona Gialla Prenatalizia: dal 21 al 23 Dicembre
  • Zona Rossa a Natale: dal 24 al 27 dicembre;
  • Zona Arancione di 3 giorni: dal 28 al 30 dicembre
  • Zona Rossa di Capodanno: dal 31 al 3 gennaio 2021
  • Zona Arancione di un giorno: il 4 gennaio 2021
  • Zona Rossa Epifania: dal 5 al 6 gennaio 2021

Le limitazioni agli spostamenti avranno un impatto diretto anche sulle possibilità di uscire in barca, vediamo di capire come.

ZONA GIALLA. Si può andare in barca ma…

Durante i giorni prenatalizi, vige il divieto nazionale di spostamento tra regioni, per questo motivo, non sarà possibile, a logica, raggiungere la propria barca in un’altra regione. Brutte notizie, ad esempio, per i tanti lombardi o piemontesi che tengono la propria barca in Liguria, Toscana, Emilia. Nessun problema invece per chi tiene la barca nella regione di residenza. Ovviamente la navigazione dovrà essere giornaliera. Considerate le sempre vigenti regole del coprifuoco dalle 22 alle 05 del giorno successivo, non è giustificabile la navigazione del diporto in notturna o l’accesso alle marine.

ZONA ROSSA. Vietato uscire in barca

Nel periodo zona rossa di natalizio, di capodanno e dell’epifania, tutta italia sarà zona rossa, per cui La libera circolazione non è consentita se non per motivi di lavoro, di urgenza o di assoluta necessità. Sono autorizzati solo gli spostamenti all’interno del proprio comune dalle 5 alle 22 per la sola vista ad amici o parenti in numero massimo di 2 persone, oppure l’attività motoria nei pressi propria abitazione e l’attività sportiva all’aperto, ma solo in forma individuale.

Dunque, in zona rossa, non si può uscire in barca perché, per quanto ci piaccia il mare, una uscita a vela o motore anche individuale non è contemplabile tra i motivi di necessità inseribili nella autocertificazione. Stando al testo, come nel periodo di lockdown, non sarebbe nemmeno giustificabile una “visita” alla propria barca in banchina, a meno che non sussista l’assoluta necessità (ad esempio se vi chiamano dalla marina dicendovi che la vostra barca sta affondando o se ci sono altre emergenze).

ZONA ARANCIONE. Si può, ma… meglio di no. Ecco perché

Durante la fase arancione, sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune, pertanto, se si ha la fortuna di avere la barca già ormeggiata all’interno del proprio comune, possiamo sicuramente recarci in banchina, ovviamente, solo dalle 05 alle 22.

Possiamo uscire in barca durante la fase arancione? Il testo è di dubbia interpretazione, alcuni sostengono sia possibile uscire in barca (In solitaria? Massimo in 2 come in auto? Con le limitazioni relative al distanziamento? Con l’obbligo di mascherina?), purché non si superarino i confini del comune durante l’uscita.

Tuttavia, questa interpretazione viola chiaramente la “raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio comune” presente nella grafica originale che definiva le zone arancioni.

Inoltre, il vero nodo da azzeccagarbugli è relativo all’estensione dei confini comunali in mare. Anche in precedenti occasioni, e in molti blog sull’argomento, viene spesso citato parere il ministero dei Trasporti n. 8800 del 2 settembre 2014 dove è scritto “Il Comune ha competenza anche sul mare territoriale, dove si esercitano i poteri dello Stato contestualmente a quelli degli enti territoriali e delle Regioni“. Secondo tale nota, il limite comunale si estenderebbe sul mare prospiciente il comune fino alle 12 miglia. Tale parere non era però stato espresso nel contesto pandemico attuale o sulle normative della navigazione, e rispondeva piuttosto a questioni amministrative e tributarie, ad esempio, sulla competenza normativa della dispersione delle ceneri dei defunti in mare.

L’attuale DPCM non inserisce alcuna autorizzazione esplicita alla navigazione da diporto, e nemmeno autorizza esplicitamente spostamenti nelle zone marittime o circondari marittimi che normalmente suddividono il litorale italiano. Non sarebbe dunque possibile mollare gli ormeggi per la navigazione da diporto, nemmeno all’interno del proprio comune.
Diventa infine di difficile interpretazione poi, la possibilità di spostamento oltre i confini comunali per quei piccoli comuni nel raggio di 30km, nel contesto di una navigazione!

Per questi motivi, onde evitare spiacevoli sorprese o sanzioni, il buon senso di navigatori ci dovrebbe suggerire che sia meglio non uscire in barca nemmeno nei giorni di zona arancione, oltre che per le disposizioni, anche per una ragione più marina che burocratica: in caso di avaria o maltempo, possiamo garantire con certezza di poter rientrare in sicurezza al porto di partenza del nostro comune?

L.G.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

3 Comments

  1. Giulio ha detto:

    Siete gli unici che nella tabella per la zona arancione mettete “centri sportivi” chiusi. Trovo solo tabelle e articoli che specificano palestre e piscine chiuse, centri sportivi aperti. Lo chiedo per capire se la scuola vela può lavorare i giorni arancioni o no

  2. Uberto ha detto:

    Non ho capito se l’imbarcazione cabinata può essere considerata come seconda casa e quindi seguire le prescrizioni relative. Inoltre, qualora non fosse assimilata alla seconda casa, nei giorni in fascia arancione si può raggiungere la propria imbarcazione alla Marina d’ormeggio, fuori dal proprio comune ma nella stessa regione?
    E’ chiaro dall’articolo che non conviene uscire in mare ma si porterebbe utilizzare il tempo delle feste natalizie per fare manutenzione in modo sicuro dal punto di vista del rischio COVID.
    Grazie

  3. Vincenzo ha detto:

    Domanda ; posso andare ha trovare un amico in barca presso una darsena, dove il mio amico ha in barca la propria residenza, nei giorni rossi delle festivita’ natalizie? Chiaramente nel proprio comune di residenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi