Come ti trasformo gli scarti di produzione delle barche in occhiali da sole

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>


Sempre più prodotti di uso comune sono pensati con un occhio alla sostenibilità ambientale e il riciclo. La nautica e il suo indotto, raramente ma non troppo, fanno da driver per creare iniziative innovative.

Gli occhiali da sole “eco”

Avete mai pensato di produrre occhiali da sole dagli scarti del compensato marino di un’imbarcazione in legno? Che sia un sì o un no non importa perché ci ha già pensato il brand Zen, da sempre legato ai costruttori di barche in legno autocostruite o di piccoli cantieri e agli artigiani maestri d’ascia.

Vi abbiamo incuriosito? Trovate gli occhiali (in una gamma di sei modelli) QUI.

Fatti a mano, galleggianti, ultraprotettivi

Una gamma di diversi modelli di occhiali, disegnati per tutti i gusti. La loro peculiarità è quella di essere fatti a mano e quindi unici, le lenti sono polarizzate e rivestite in modo tale da aumentare la visibilità durante l’esposizione a raggi di luce molto intensi ed è anche progettata per ridurre i riflessi del sole sulle superfici, come i picchi di luce tra le onde del mare.

Altro enorme “benefit” per noi velisti è il galleggiamento, grazie alla struttura in legno, quanti occhiali da sole persi in meno nei porti e nelle virate! E che bel risparmio su una vita di vacanze passate in barca.

Guarda l’unboxing:

 

CLICCA QUI E SCOPRI SUBITO LA GAMMA DI OCCHIALI ZEN

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su