developed and seo specialist Franco Danese

Grandi manovre finanziare al Cantiere del Pardo. I retroscena e la storia

Monopattini elettrici da barca, 14 modelli a confronto
25 novembre 2020
Vendée Globe stregato: Thomas Ruyant rompe un foil, Dalin va in fuga
25 novembre 2020

Grandi manovre finanziarie al Cantiere del Pardo, conosciuto per i marchi Grand Soleil per la vela e Pardo Yachts per le barche a motore. Il fondo di private equity Wise Equity SGR acquisirà il 60% delle azioni del marchio.

Si parlava da diversi mesi del cambio dell’azionista di maggioranza del cantiere forlivese, ma ora siamo davvero alla fine della trattativa.

Luigi Servidati (a sinistra) e Fabio Planamente

PLANAMENTE E SERVIDATI RESTANO

Fabio Planamente e Luigi “Gigi” Servidati, i due manager storici dell’azienda, appassionati velisti, erano diventati nel 2018 i soci di maggioranza con un’operazione di management buyout e un aumento del capitale sociale di 5 milioni di euro.

Ora rimarranno nell’azionariato del cantiere con il 40% delle quote conservando le loro posizioni (Servidati ricoprirà il ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione, Planamente quello di Amministratore Delegato), ma di fatto Wise Equity si è assicurata il controllo del gruppo e dei suoi marchi.

Le grandi manovre del cantiere, assicurano dai vertici, sono per rafforzare il capitale e dare ordine all’impetuoso sviluppo del cantiere che negli ultimi anni è passato da meno di 4 milioni a 50 milioni di euro di fatturato.

Il mitico Grand Soleil 34 è una vera leggenda: progettato da Finot negli anni 70, è rimasto in produzione fino agli anni 80 con oltre 300 scafi realizzati

LA STORIA DEL CANTIERE DEL PARDO

Il Cantiere del Pardo è uno dei brand più famosi, in Italia e a livello internazionale, nel segmento delle barche da crociera dai 30 ai 60 piedi, e nella sua storia ricorrono le alleanze con i fondi.

Giuseppe Giuliani Ricci (ora in Solaris) lo fondò nel 1973 portandolo al successo con modelli mitici: prima il GS34 di Finot con quella poppa gigantesca (c’era anche l’oblò!) per allora, grandi volumi mai visti. Poi i modelli di Alain Jezequel (celebri il 343 e il 39) e quelli di Frers che fecero concorrenza agli Swan (al punto che i Grand Soleil erano conosciuti come “Spaghetti Swan”).

Il Cantiere del Pardo fece anche una prima incursione nelle barche a motore con il marchio Hudson&Ricci, Giuliani poi acquisì anche la maggioranza del cantiere francese Dufour, creando il secondo gruppo nautico al mondo: infine vendette tutto nel 2008 al fondo statunitense Rhone Capital. Rhone aveva acquistato una quota del 70% da Giuliani, dai manager e da altri investitori, tutti rimasti nel capitale con quote minori. Il fondo internazionale aveva poi ceduto il cantiere ai tedeschi di Bavaria.

L’azienda aveva conosciuto la crisi fino a che, nel 2014 Servidati e Planamente erano approdati come manager del cantiere, dopo avervi lavorato per diversi anni, il primo dal 2000 e il secondo dal 2009, ricoprendo diverse cariche.

Tra i soci, allora, c’era la famiglia Trevisani (uscita di scena nel 2018) e Andrea Amadori.

Grand Soleil 42 LC

Il Grand Soleil 42 LC (Long Cruise)

Nel 2015 l’unico marchio dell’azienda era Grand Soleil: Planamente e Servidati hanno dato la loro impronta operando scelte “di svolta”, come la nascita del nuovo brand a motore Pardo Yachts e, per quanto riguarda le imbarcazioni a vela, della gamma Long Cruise nel 2015 e nel 2018 della nuova Custom Line.

I risultati sono arrivati: oggi, sui 50 milioni di giro d’affari del Cantiere del Pardo, l’80% è generato dalle barche a motore e il 20% da quelle a vela. L’ebitda (ovvero gli utili prima degli interessi, delle imposte, del deprezzamento e degli ammortamenti) generato è di 7 milioni.

Di recente, Cantiere del Pardo ha acquisito il marchio statunitense di barche a motore Van Dutch: un’operazione che potrebbe incrementare il fatturato di 20/30 milioni di euro e attivare sinergie importanti per il mercato USA.

Ghego Saggini

VISITA SUBITO TUTTA LA GAMMA GRAND SOLEIL ALLA MILANO YACHTING WEEK


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

1 Comment

  1. Salvatore ha detto:

    Piccola nota storica all’articolo: quello che Voi indicate come Grand Soleil 34 in realtà è il GAP (Gruppi di Azione Partigiana) uno one-off da regata del 1973 che condivideva con il GS 34 solo lo scafo mentre la coperta era flush-deck, gli interni erano stati ridotti al minimo indispensabile per regatare e, infine, il piano velico era super-maggiorato. Non so quanti ne siano stati realizzati…Io ne ricordo un’altro che si chiamava Nerone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi