Compatta, automatica, telescopica. Questa è la passerella 2.0

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

passerellaTra le aziende che meglio rappresentano il made in Italy nella nautica, ce n’è una che non fa barche. Che siano a vela o a motore sono tantissime le imbarcazioni che montano a bordo accessori di Besenzoni. Tra le passerelle poi, l’azienda dà il meglio e continua ad investire in innovazione e sviluppo. Lo dimostra la Super Compatta PI 691, l’ultima arrivata. L’obiettivo di questa passerella, come suggerisce il nome, è la riduzione degli ingombri.

Passerella Besenzoni Super Compatta PI 691

La nuova passerella Besenzoni Super Compatta va a completare il range di produzione di serie già ampio. Dalla Passerella Manuale basica ed essenziale, all’alta gamma delle Passerelle Rientranti a tre stadi telescopici con movimentazione Idraulica passando per le Passerelle Idrauliche Esterne e le Esterne Girevoli.

La nuova piccola nata è la passerella Besenzoni Super Compatta PI 691, passerella idraulica rientrante in acciaio inox lucido o verniciato a polvere, con candelieri manuali in acciaio inox e corda, pedana in teak pieno e inserti antiscivolo con la particolarità di avere un box di contenimento in alluminio dall’ingombro veramente minimo (H 150 cm e lunghezza 1,2 mt).

Anche la lunghezza – di 1.5 metri – è di tutto rispetto, ideale per imbarcazioni con poco spazio per installare il box di contenimento. Si presta anche ad essere posizionata su una plancetta dato che si inclina verso l’alto (17°) facilitando l’accesso a bordo dalla banchina.

Telecomando e pannello di controllo per il comando dal pozzetto sono forniti di serie ma la movimentazione è gestibile anche tramite la App Besenzoni Control Device che può essere collegata a 8 device.

TUTTE LE INFO SUL PRODOTTO QUI


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

Quanto mi costa il tagliando del motore entrobordo? Conti alla mano, ecco le voci fatturate da una officina autorizzata per la  manutenzione periodica del motore di una barca a vela da crociera di 9-12 metri. Quanto costa il tagliando del

Cinque emergenze a bordo e come risolverle

Ci sono situazioni in cui nessuno vorrebbe mai capitare, dalle più semplici e banali a quelle più pericolose. Ecco perché bisogna essere sempre pronti a risolvere le diverse emergenze a bordo. Prepararsi accuratamente prima di salpare è già un ottimo

Torna su