developed and seo specialist Franco Danese

Dufour Atoll 50, la barca giusta al momento sbagliato

Un 11 metri grande come un 13. Salite a bordo dell’Hanse 388
31 ottobre 2020
Per noi il Natale è già iniziato… Se ti abboni ora, due fantastici regali per te!
31 ottobre 2020

atoll 50
Quando abbiamo pubblicato il racconto del noto giornalista sportivo Mino Taveri a bordo del particolarissimo Jeanneau Sun Loft 47, come ci aspettavamo, il web si è acceso e i commenti, tra detrattori e sostenitori della barca, non si sono fatti attendere. (fonte immagine: sailboatdata.com).

Il bello delle discussioni è che spesso portano alla luce fatti dimenticati. Pochi infatti si ricordano che il primo vero antenato del Jeanneau Sun Loft 47, già a suo tempo definito “monomarano”, fu l’Atoll 50 di Dufour, la cui produzione iniziò vent’anni or sono, nel 2000, per terminare già nel 2001, con un totale di 30 scafi varati.

Atoll 50, barca da charter senza compromessi

Le due barche hanno molto in comune, a cominciare dal progettista, Philippe Briand. Proprio come il Sun Loft 47 oggi, anche all’epoca l’Atoll 50 fece molto discutere per le sue scelte progettuali, destinate senza compromessi al mondo del charter: fu una barca per certi versi geniale.

L’Atoll 50 (preceduto di un anno dal 43’, una barca leggermente meno ‘estrema’) era caratterizzato dalla presenza dell’hard top rigido con tettuccio apribile, che rendeva il pozzetto un “saloon” vista mare (con cucina e area living in stile cat e doppio divano a L con tavolini dedicati) e, soprattutto, permetteva una navigazione comoda anche con brutto tempo. A rivederlo oggi, forse risulta un po’ “pesante” dal punto di vista estetico.

Tutte le manovre erano rinviate in pozzetto, secondo il nascente concetto di easy sailing, mentre a prua, altra soluzione particolare (non presente sul 43’) lo spazio prendisole era recessato in coperta, a vantaggio della comodità per chi si sdraiava (e a scapito dell’altezza delle due cabine prodiere interne.

Interni in stile hotel

Ma era negli interni quasi in stile “hotel” il vero punto di forza della barca, lunga fuoritutto 15,25 m per 5,05 di baglio massimo (14 t di dislocamento per 117 mq di superficie velica). La configurazione prevedeva ben 6 cabine doppie, per un totale di 12 posti letto e quattro bagni con doccia. D’altronde, con un deck saloon ampio la necessità di un grande quadrato sottocoperta veniva meno e alle due cabine di poppa (e ai due wc separati) si accedeva con le scalette direttamente dal deck, proprio come sui cat. Dal piccolo vano a prua si accedeva agli altri due bagni e alle due cabine prodiere.

Atoll 50, una barca giusta, al momento sbagliato

Una barca pensata esclusivamente per il charter, quando forse il charter doveva ancora vivere il suo vero momento di gloria (oggi le barche per il charter sono un core business importante per i cantieri di serie). Fu per questo, probabilmente, che Dufour non diede seguito alla serie Atoll. Una barca giusta, al momento sbagliato.

Anche se qualche Atoll 50 in giro per il mondo si trova: Qui a Cartagena (Colombia) ce ne sono abbastanza, fanno la spola fra qui e San Blas trasportando “mochilleros” (letteralmente, i “viaggiatori con zaino”) e molto spesso rientrando da San Blas si prendono delle belle botte sul naso, 25/30 nodi con onda di 2,5/3 metri, però nonostante gli anni fanno ancora il loro servizio”, ci ha segnalato un utente su Facebook.

Sul mercato dell’usato, gli Atoll 50 (conosciuti anche come Atoll 6) si trovano sui 120.000 euro (per una barca in perfette condizioni, ma abbiamo trovato anche modelli in vendita a meno di 50.000 euro!).

E.R.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo anche due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

1 Comment

  1. Giuseppe Caire ha detto:

    INGUARDABILE !!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi