Pesca di frodo col “cannizzo”: ecco perché è un problema anche per le barche

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

La notizia è che ieri mattina un peschereccio maltese è stato fermato dalla Guardia Costiera nelle acque italiane, davanti a Pantelleria, mentre stava praticando illegalmente la pesca con i “cannizzi” alle lampughe. Per la cronaca, il comandante della barca si è preso 4.000 euro di multa e si è visto sequestrare l’attrezzatura e 600 chili di pesce.

Ma cosa sono i cannizzi, conosciuti anche con il nome tecnico di FAD (Fishing Aggregating Device)? Si tratta di dispositivi da pesca artigianali, costituiti da un galleggiante (bidoni di plastica e foglie di palma) e di un ancoraggio sul fondo (un lungo filo di polipropilene, legato attorno ad un peso di cemento o rocce, che agisce come zavorra).

Cosa dice la legge? La pesca professionale “a circuizione” con l’ausilio di questi sistemi può essere praticata esclusivamente dal 15 agosto al 31 dicembre, inoltre dovrà essere predisposto con cime e galleggianti biodegradabili al fine di minimizzare l’impatto sull’ambiente. E, soprattutto, i FAD devono essere segnalati.

Cosa che spesso, purtroppo, non succede. Solo nell’anno in corso, la Guardia Costiera con l’impiego di pattugliatori d’altura, elicotteri ed altri mezzi navali assegnati ai Comandi di zona ha recuperato e sequestrato circa 200 FAD illegali e non segnalati in acque italiane, soprattutto nel Tirreno meridionale.

Oltre ad essere un grosso danno economico per chi pesca operando nella legalità e a creare danni all’ecosistema a causa della plastica spesso dispersa a fine utilizzo, i cannizzi non segnalati sono un serio pericolo per chi va in barca, perché di notte e in condizioni di scarsa visibilità non avrete la possibilità di evitarli.

NEWS IN COLLABORAZIONE CON MEDPLASTIC

Si va a caccia! Mandateci le foto delle vostre catture di plastica, rifiuti e gli scatti dei vostri avvistamenti di pesci, cetacei, meduse, uccelli marini! Alla inbox di Instagram @giornaledellavela, oppure pubblicatele sul vostro profilo con l’hashtag #medplastic2020, o sul gruppo facebook Medplastic Team! Premieremo le più belle, avete tempo fino al 31 di ottobre!

IL NOSTRO PARTNER
Il contest No Plastic 2020 è realizzato in collaborazione con Navico, brand che raduna i marchi di elettronica per la barca B&GLowranceSimrad e quello dedicato alla cartografia C-Map. E che metterà in palio dei buoni premio spendibili su tutta la gamma dei propri prodotti.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Pesca di frodo col “cannizzo”: ecco perché è un problema anche per le barche”

  1. Buongiorno..
    Perché nessuno delle forze dell’ordine preposte al controllo del golfo di Catania non fa i controlli seriamente..
    Ci sono barche a strascico che stanno massacrando la costa .. dai fondali bassi fino entro le tre miglia ..
    Ci sono piccole imbarcazioni con piccole reti a strascico che ogni mattina raschiano il fondale dai 4 metri in poi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Attacchi delle orche alle barche. Cosa fare, anche in Mediterraneo

Le orche assassine di barche da diporto diventa un caso ufficiale e lambisce anche il Mediterraneo. Due importanti associazioni nautiche, il RYA (Royal Yachting Association) e la Cruising Association hanno ufficialmente diramato un comunicato in cui, con l’arrivo della bella

noleggiare la barca 2024

Dove e quando noleggiare la barca nel 2024

Dopo avervi svelato quanto costa noleggiare la barca nel 2024, a seconda della sua tipologia (monoscafo o catamarano), lunghezza, della location e del periodo dell’anno, è il momento di capire dove noleggiare la barca. Dove e quando andare con la

Registrati



Accedi