developed and seo specialist Franco Danese

Sartie & sartiame, sicuri che sia tutto a posto?

Come alleggerire la propria barca e renderla “eco” con i pannelli in plastica riciclata
19 ottobre 2020
milano yachting week
Milano Yachting Week: numeri e visitatori del boat show digitale tutto italiano
19 ottobre 2020

sartie-sartiameRegolare al meglio l’albero della vostra barca è fondamentale per ottenere le migliori prestazioni. Facile a dirsi, difficile a farsi. Per riuscirci, sono davvero tante le forze e le manovre in gioco, a partire, ovviamente, dalle sartie. E allora ecco un breve vademecum per capire quanto ne sapete.

QUALI SONO LE MANOVRE FISSE?
Sono tutte quelle che servono a sostenere l’albero, quindi sartie, paterazzo, stralli e volanti. Si differenziano dalle manovre correnti che invece sono le manovre che scorrono attraverso bozzelli e servono per regolare le vele.

A COSA SERVONO LE SARTIE?
Sostengono lateralmente l’albero. Sono dei cavi che partono dalla testa dell’albero e corrono fino alla coperta dove si fissano alle lande, delle strutture di norma in acciaio che hanno il compito di scaricare gli sforzi dell’albero sull’ossatura della barca. Il secondo compito delle sartie è quello di modificare la forma dell’albero regolandone la loro tensione.

regolazione
COME SONO REALIZZATE LE SARTIE?
Si dividono in tre grandi famiglie: spiroidali, tondino e tessile. Le prime, di norma realizzate in acciaio inox Aisi 316, sono composte da una serie di fili d’acciaio avvolti insieme per formare un unico cavo. Sono utilizzate su la gran parte delle barche da crociera e hanno il vantaggio di resistere a lungo nel tempo, ma lo svantaggio di essere soggette a un elevato allungamento e di essere molto elastiche. Evoluzione dello spiroidale è il Dyform, un cavo costituito da fili di acciaio inox Aisi 316 di differenti diametri con una lavorazione che rende uniforme la superficie esterna. Le barche da regata utilizzano sartie in tondino, un cavo unico in Nitronic 50 dalla bassissima elasticità e totale assenza di allungamento strutturale. I maxi yacht e le barche da regata pura, fuori dal regolamenti di stazza come l’IMS, invece, utilizzano sartie in tessile. Un cavo realizzato in fibre unidirezionali che, oltre a essere più rigide dell’acciaio, pesano meno della metà. Il costo elevato e la loro resistenza ai raggi UV ne limitano la diffusione.

armo-sartie
A COSA SERVONO LE CROCETTE?

Il loro compito è duplice: trasferiscono alle sartie una parte degli sforzi dell’albero e servono per allontanarle dall’albero in modo da aumentare o diminuire l’angolo di incidenza dei cavi sull’albero. Il numero e la larghezza dipende molto dal piano velico. Per capire meglio come vengono pensati gli armi bisogna valutare sempre che, a parità di albero e barca, se ci sono poche crocette esse saranno più lunghe e probabilmente le lande saranno in falchetta; una situazione che di norma porta a un albero meno regolabile e un piano velico con una bassa sovrapposizione o con un genoa meno chiuso sul canale. Se invece ci sono più crocette, esse saranno corte con un angolo di sartie più piccolo. Le lande saranno in coperta, la sovrapposizione del genoa maggiore e soprattutto la vela sarà più chiusa.

attacchi-sartieQUINDI COSA COMPORTA AVERE PIU’ O MENO CROCETTE?
Il numero di crocette dipende dalla lunghezza dell’albero, dalla larghezza dello scafo e da una lunghezza massima delle stesse crocette. Una barca da regata tenderà ad avere più ordini di crocette corte, per privilegiare la regolazione del fiocco e la chiusura del canale. Una  puramente da crociera, invece, deve privilegiare un armo più semplice e versatile, quindi con meno crocette ma di lunghezza maggiore. In questo modo si potrà trovare l’attacco delle sartie in falchetta con un maggior vantaggio per l’utilizzo degli spazi a bordo.

COSA SONO LE DIAGONALI?
Le crocette servono per allontanare le sartie dall’albero e caricare in compressione lo stesso. Per limitare tale carico, dalla base delle crocette, in prossimità dell’albero, partono ulteriori cavi, detti appunto diagonali, che corrono fino all’attacco con la sartia. Il loro compito è quello di diminuire la compressione sull’albero scaricando le forze in coperta.

 


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

1 Comment

  1. […] Facile a dirsi, difficile a farsi. Per riuscirci, sono davvero tante le forze e le manovre in […] […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi