developed and seo specialist Franco Danese

American Magic vara The Patriot e rinnega il design di barca 1

Dove sono andati in barca i charteristi quest’estate?
15 ottobre 2020
180 barche in partenza per la TAG Heuer VELA Cup/Veleziana
16 ottobre 2020

American Magic’s AC75 PATRIOT in Auckland.

In principio fu la “mutanda” sotto il boma. Notata la soluzione di una randa sigillata alla coperta, senza boma, sviluppata da Luna Rossa, gli uomini di American Magic provarono a simulare lo stesso effetto sulla loro Defiant, la barca 1 del New Yor Yacht Club. Fu questo l’inizio di un inesorabile processo di ripensamento del design che oggi vediamo in tuta la sua chiarezza dalle prime immagini diffuse del “battesimo” di The Patriot, la barca 2 di American Magic.

Questo scafo ha poco a che vedere con la prima barca a stelle e strisce. Come prevedibile, gli americani hanno presentato una barca 2 decisamente differente nelle forme e nelle soluzioni rispetto al loro primo scafo, e sarà con questa che gli uomini di Therry Hitchinson andranno a giocarsi la Coppa America a partire dalle America’s Cup World Series di Dicembre 2020.

LE DIFFERENZE

Il primo elemento eclatante è la presenza della famosa “chiglietta”, già introdotta da Luna Rossa e Team New Zealand in maniera più velata, in carena.

Vista da sotto si nota chiaramente la V in carena, una sorta di piccola chiglia lunga che ricorda molto quella sviluppata da Luna Rossa

La prua da aereo della prima American Magic, Defiant, e lo scafo piatto. Foto Ross

Il design team americano si “rimangia” quindi la chiglia completamente piatta prodotta per barca 1, dimostratasi poco efficiente nelle fasi di semi foling o a velocità ridotta in cui la barca toccava l’acqua con una notevole superficie bagnata.

Ancora un’immagine da sotto di barca 2, si può osservare anche con la prua nell’estremità bassa sia piuttosto affilata

Il secondo elemento eclatante sono i volumi e le sezioni di prua. Abbandonata la prua in stile Formula 1 o aereo vista su barca 1, American Magic torna a una più classica prua a V con dei volumi comunque abbastanza potenti per contrastare gli ingavonamenti anteriori in discesa dai foil. Interessante notare come la prua sia molto “magra” nella parte bassa, e potente man mano che si sale verso la coperta. Il motivo potremmo spiegarlo in termini semplici così: se la barca in fase di decollo o di semifoiling tocca l’acqua a prua si immergerà solo la parte più sottile della prua, se invece si tratterà di un ingavonamento importante saranno i volumi superiori della prua a entrare in azione facendo “rimbalzare” la barca fuori dall’acqua.

Patriot è la prima barca 2 degli AC 75 che viene mostrata. E se l’inizio è questo aspettiamoci anche un cambiamento radicale da parte di Ineos Team UK, che come gli americani aveva già iniziato a ripensare il design, fuori strada, già su barca 1. Meno eclatanti potrebbero invece essere le differenze tra la prima e la seconda barca di Luna Rossa e Team New Zealand.

Il sipario sta per aprirsi, i team mettono le loro carte sul tavolo. La Coppa America sta per entrare nel vivo.

Mauro Giuffrè

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi