developed and seo specialist Franco Danese

“Quella notte a Balboa in cui fummo sequestrati dai pirati”

Da crociera, ma anche sportiva ed elettrica: è il nuovo Salona 460
29 settembre 2020
Quando i porti “fanno rete”: il successo della realtà Marinedi
30 settembre 2020

pirati1975. Luciano Ladavas, famoso navigatore e membro fisso del Guia, si fa prestare il piccolo prima classe IOR dall’imprenditore milanese Giorgio Falck (che aveva in costruzione il nuovo Guia nei cantieri Sangermani) per fare il giro del mondo. Il suo sogno? Arrivare in Pacifico e raggiungere la Polinesia, sulle orme di Bernard Moitessier.

Unica richiesta di Falck: tenere bene l’imbarcazione e scrivergli periodicamente un diario di bordo, per farlo sentire lì, in barca, lontano dagli affari quotidiani. Ladavas parte con la compagna Leo Rova e arriva a Panama, dove il Guia, a Balboa, viene sequestrato dai pirati. Ecco il lungo racconto che Leo inviò al neonato Giornale della Vela, seguito dalla lettera che Ladavas inviò a Falck. Un racconto concitato che non ha perso un grammo dello “smalto” con gli anni. Abbiamo deciso di riproporvelo integralmente. Buona lettura! (E.R.)

N.B. Per illustrare il servizio ci affidammo a uno dei grandi maestri del fumetto: Ferdinando Tacconi (1922-2006), divenuto celebre con “Gli Aristocratici”.

QUELLA NOTTE A BALBOA

L’articolo come apparve sulle pagine del primo numero del Giornale della Vela del luglio 1975

(Tratto da: Il Giornale della Vela, 1975 Anno 1 – n.1 – luglio)

Leo Rova, la compagna di avventura di Luciano Ladavas, ha inviato in esclusiva a “Il Giornale della Vela “ il racconto del sequestro del “vecchio” Guia nelle acque di Panama. è questo l’unico documento di prima mano fra le tante inesattezze pubblicate dal giornali italiani e stranieri

I protagonisti della nostra storia: Luciano Ladavas e la compagna Leo Rova a bordo del Guia.

Balboa, giugno. Oggi festeggio i miei otto giorni di esistenza, e cioè è una settimana che io e Luciano abbiamo la sensazione che ogni giorno è un anniversario da festeggiare.

Senza voler evocare il Grand-Guignol, la sporca signora in nero con le sue grandi ali di pipistrello e la sua falce a bandoliera, ci ha reso una visita in terminabile e solo per poco non ci si è attaccata addosso.

Io credo che saprete della nostra avventura, perché abbiamo parlato al telefono con Giorgio Falck, a cui Luciano ha descritto gli avvenimenti e deve essere apparso qualche articolo sui giornali. Una nuova era di pirateria verso barche da diporto è cominciata. La polizia americana della zona del canale di Panama ci ha confermalo questa nuova criminalità. Ecco la cronaca. La mia cronaca.

Arriviamo a Cristobal, porto della parte atlantica della zona USA del Canale di Panama il 14 maggio e qui decidiamo che passeremo il canale di Panama venerdì 16 maggio. Lo Yacht Club di Cristobal ci ospiterà durante questi due giorni, come si usa fare con le piccole imbarcazioni da diporto che attraversano il canale. Le autorità competenti ci danno spiegazioni sulla traversata, che comporta il passaggio di diverse chiuse: un pilota ufficiale ci deve accompagnare durante tutta la traversata, ma abbiamo ugualmente bisogno di tre “linesmen”, cioè tre persone, oltre a noi due, per poter essere due a dritta, due a sinistra, più uno al timone, al momento del passaggio delle chiuse, quando quattro grosse cime vengono tese tra il battello e i due bordi della chiusa.

Secondo l’uso, l’equipaggio supplementare si sceglie tra gli altri velieri che attraversano il canale. Arrivando a Balboa, sulla costa del Pacifico, si prende la ferrovia per ritornare a Cristobal. è così che, con due battelli che attraversano a giorni alterni, si può riunire l’equipaggio necessario.

Dove è avvenuto il fatto

Per noi è però diverso. Non c’è alcun equipaggio di yacht disponibile. Alcuni giovani si presentano amichevolmente per aiutarci: un giorno due colombiani, marinai di cargo in quel momento senza contratto di imbarco; un altro giorno si presenta un ungherese che parla un po’ di francese. Dice di essere proprietario di un Dufour 34 che è in carenaggio a Cartagena, sulla costa atlantica colombiana; lavora da qualche mese a Cristobal facendo lavoretti allo Yacht Club per pagare le riparazioni del suo battello in Colombia, poiché il lavoro è molto raro in quel paese e soprattutto molto mal pagato.

Tutte queste spiegazioni sono plausibili, poiché effettivamente alcune persone ci dicono di averlo visto a Cristobal in novembre da solo, con un Dufour.

La traversata del canale va bene. Lasciamo lo Yacht Club di Cristobal venerdì pomeriggio per arrivare allo Yacht Club di Balboa sabato mattina, dove il nostro equipaggio cosmopolita sbarca, dopo essere stato ringraziato e dopo aver ricevuto un po’ di denaro per pagarsi un pasto e il ritorno in treno a Cristobal. Sabato e domenica pranziamo con un amico italiano che abita nella città di Panama da qualche mese.

Ci vanta la regione come la più tranquilla e sicura in confronto alla vicina Colombia, dove succedono un sacco di cose come rapine e altri crimini quotidiani. I fatti che seguiranno dovranno smentire questi commenti decisamente ingenui; le conversazioni che noi abbiamo avuto in seguito con le polizie locali, la panamense e quella americana della Canal Zone, confermano ugualmente che il paese non ha nulla di pacifico, poiché atti di violenza e di criminalità succedono quotidianamente.

Ecco, adesso, arrivo ai fatti, ma per raccontarvi quello che seguirà era indispensabile dare qualche spiegazione preliminare che chiarisse la situazione.

Durante la notte da domenica 18 a lunedì 19 siamo ancorati allo Yacht Club di Balboa e stiamo dormendo; una mano si posa sulla mia bocca, sento il freddo di una lama di coltello sulla mia gola, una pila è puntata sui miei occhi.

Mi lascio sfuggire, dopo aver tentato di liberare la bocca, un urlo degno della Callas nei suoi giorni di gloria: Luciano si sveglia ed è subito immobilizzato. Riconosciamo uno dei due colombiani e l’ungherese che ci avevano accompagnato nella traversata del canale.

Sopra, il Guia, prima classe IOR di 13 metri di Giorgio Falck che tanto aveva vinto in Mediterraneo e in Atlantico.

Il colombiano ha un coltello appuntito e l’ungherese una pistola che punta fermamente su noi due. Siamo nella cabina di poppa, che ha due cuccette. Mi fanno raggiungere il letto di Luciano, ci legano mani e piedi, uno dei banditi strappa una delle mie magliette, ne caccia metà nella bocca di Luciano e metà nella mia. E, nella migliore tradizione dei romanzi polizieschi, ci chiudono la bocca con del nastro adesivo alto almeno cinque o se i centimetri. Come ulteriore precauzione, ci legano schiena a schiena.

Questo senza spiegazioni. Li sentiamo sul ponte togliere la tenda che protegge la barca dal sole. Tutto questo alla luce della pila, perché è una notte senza luna.

Un rumore di motore si avvicina e i due malviventi rientrano. L’ungherese ci chiede di star tranquilli.

Precauzione inutile, perché siamo legati come mummie.

Vi spiego: allo Yacht Club di Balboa il trasporto tra le barche all’ancora e il club è assicurato da una flottiglia di canotti a motore, perché, a causa di una forte marea, non c’è che un pontone galleggiante. è un servizio che funziona molto bene: quando si desidera raggiungere la terra, si fischia o si grida e il canotto-taxì arriva. Questo è il motore che si sente avvicinare. L’uomo del canotto ha scambiato probabilmente il mio urlo per un richiamo, ma, vedendo il battello silenzioso e senza luce, dopo qualche minuto se ne va.

Il motore del Guia viene messo in moto. L’ungherese durante la traversata del canale ha avuto tutto il tempo di informarsi sulla messa in moto, sulla quantità di carburante che c’è a bordo.

Dopo un’ora di navigazione, verso le cinque e trenta, viene giorno. I due banditi si danno il cambio al timone, pistola alla mano, senza perderci di vista. Ci tolgono il nastro adesivo e gli stracci dalla bocca. Nella mattina, verso le undici, l’ungherese mi libera e scioglie anche le corde a i piedi di Luciano. Mi chiede di preparare qualche cosa da mangiare per noi due, rifiuto, perché, come potete immaginare, il nostro stornaco è piuttosto contratto. Essendo adesso in grado di parlare, chiediamo quali siano le loro intenzioni. Durante tutta l’avventura parliamo solo all’ungherese, che sembra il cervello della banda. Ci risponde che il loro scopo è di raggiungere un posto solitario. Niente altro. Mentre eravamo ancora legati, l’ungherese aveva frugato il Guia e quindi trovato la nostra carabina che la dogana del Canale aveva sigillato, perché l’arma doveva restare inutilizzabile durante il passaggio delle acque territoriali americane.

Non sappiamo quali siano le loro vere intenzioni. Coperti dal rumore del motore, in italiano, lingua che i due ignorano, Luciano e io ci scambiamo qualche supposizione: che traffichino con la droga, che vogliano raggiungere clandestinamente la costa colombiana.

Pensiamo che siano avventurieri di piccolo taglio, ma assolutamente non assassini. Ripeto che l’ungherese dopo aver slegato me e i piedi di Luciano, ci aveva concesso una certa libertà: a me di muovermi tra il bagno e la cucina; a Luciano, ancora con le mani legate, d ‘andare soltanto al bagno (le mani erano leggermente libere, in modo da permettergli di far pipì autonomamente).

Io godo quindi di una relativa libertà per andare e venire dalla cabina posteriore, il bagno e la cucina, col pretesto di cercare un bicchier d’acqua, far pipì eccetera. Ogni passaggio ci permette di guardare nella cabina di pilotaggio. Abbiamo il tempo di vedere una sacca da viaggio sgocciolante acqua (in seguito venimmo a sapere che i due avevano raggiunto il battello a nuoto con i giubbotti di salvataggio e una piccola zattera di fortuna, su cui era appoggiata la sacca in questione, e che la pistola era stata trasportata in un sacchetto fissato sulla testa dell’ungherese). Dal sacco sgocciolante acqua estraggono qualcosa che ci sembra una panoplia per fare carte false: cioè punzoni, timbri, tamponi, penne e matite differenti, che vengono messe ad asciugare in coperta.

La nostra opinione sulle pericolosità di questi individui si rinforza, ma non tentiamo nulla, perché i banditi si sforzano di creare un clima di confidenza, di fiducia: l’ungherese ci dice che vogliono semplicemente sbarcare in un luogo tranquillo e andarsene. Non tentiamo nulla per risolvere la situazione, perché anche un sospetto da parte loro può spingerli a una reazione tragica. L’ungherese infatti non lascia mai la pistola e per convincerci che è ben carica a un certo punto spara due colpi in aria.

Non abbiamo alcuna idea della direzione presa dalla barca, ma Luciano ed io, attraverso gli oblò, in base alla posizione del sole, pensiamo siano circa le tredici.

Luciano, a questo punto, pensa di scrivere qualche annotazione. Mi chiede di andare a cercare una matita, vado a prenderla in cucina e mi accorgo che i nostri coltelli da cucina sono scomparsi. Luciano scrive

Nascostamente sull’“Arcilpelago Gulag” che finge di leggere. Supponiamo di essere nell’arcipelago di Las Perlas, un gruppo di isole a una cinquantina di miglia a sud-est di Panama.

Sono circa le quattordici, il Guia rallenta, evidentemente i due sono alla ricerca di un ancoraggio discreto. Ci diciamo «Merde! Non sono loro che vogliono sbarcare, ma noi”. Infatti voler sbarcare in un ‘isola apparentemente senza mezzi di comunicazione per raggiungere il continente è assurdo.

La nostra paura aumenta di minuto in minuto, ma il sangue freddo e soprattutto la speranza non ci abbandonano mai.

Il battello si ferma e viene ancorato in una baia difronte alla spiaggia.

Usciamo sul ponte, preghiamo l’ungherese di dirci le sue intenzioni: “Ho bisogno dello Zodiac gonfiabile perché il colombiano ed io raggiungeremo la spiaggia e lasceremo l’isola con un mezzo che io conosco”.

Gli diciamo diverse volte che siamo disposti ad accompagnarli ovunque desiderino e che il denaro che è a bordo è a loro disposizione. I loro guai con la polizia non ci interessano (ed è vero), desideriamo aiutarli purché non ci sia alcuna vittima né alcun danno al battello.

Ci sembrano fiduciosi, la nostra speranza aumenta. L’ungherese ci dice che non ci vuol fare alcun male, vogliono solamente sbarcare clandestinamente.

Allora Luciano chiede anche che si possa recuperare lo Zodiac perché l’aveva acquistato a Fort-de-France e c’era costato un’occhio della testa.

L’ungherese è d’accordo, sembra che capisca i nostri problemi. Raduna le sue cose nella sacca; manovra che in seguito si rivelerà una parodia di partenza per metterci tranquilli, poiché i due non hanno mai avuto l’intenzione di abbandonare il Guia.

In ogni modo noi stiamo all’erta: sino a quel momento non è stato fatto alcun atto di sabotaggio per immobilizzare per un certo tempo la barca, come vuotare le riserve di carburante, tagliare le drizze o scaricare le batterie eccetera.

Allora, con un po’ di speranza, Luciano propone di andare a terra con i due; essendo lui legato, uno avrebbe remato, l’altro l’avrebbe tenuto d ‘occhio con la pistola e io sarei stata rilegata e reimbavagliata.

Ecco un programma che non offre loro alcun rischio.

L’ungherese rifiuta, e decide di andare a terra solo con Luciano, di tornare a prendere il suo complice e di raggiungere di nuovo la spiaggia, di liberare Luciano che sarebbe ritornato solo con il canotto. Strano.

Ma noi non abbiamo scelta e in più siamo impazienti di finirla.

Lo Zodiac è alla fine gonfiato, tutto è pronto per lo sbarco. L’ungherese, molto lento nei suoi gesti e apparentemente anche nelle decisioni, sembra voler guadagnar tempo.

La tensione aumenta. Luciano gli propone di avvicinare il Guia alla spiaggia. Sono d’accordo. Il motore è rimesso in moto. Luciano li deve addirittura aiutare a levare l’ancora, perché ci sembra che non siano molto abili nelle manovre. Si ributta l’ancora più vicino. Luciano riceve l’ordine di ridiscendere nella cabina.

Attraverso un piccolo specchio da tasca, Luciano riesce a vedere l’ungherese mentre spiega al colombiano di voler uccidere Luciano sulla spiaggia vicina (che si chiama Punta Matadero, che vuoi dire Punta del Mattatoio. Divertente vero?), e di uccidere me su un altro isolotto.

L’ungherese conosce soltanto poche parole di spagnolo e comunica col suo complice soprattutto a gesti. Dunque, Luciano vede l’ungherese, la pistola puntata alla sua tempia mentre indica la cabina dove siamo, poi il suo dito puntato nella direzione della spiaggia.

Gesti estremamente espliciti. Luciano non mi dice nulla per paura di una reazione disperata da parte mia, ma esce sul ponte col pretesto di fare pipì fuori bordo. L’ungherese nel frattempo sta scrutando il paesaggio per assicurarsi che sia completamente deserto. In quel momento il complice colombiano mima a Luciano il gesto di impadronirsi del revolver dell’ungherese e nello stesso tempo di piantargli un coltello nella schiena, poiché l’ungherese ha deciso di ucciderci, ma lui non è assolutamente d’accordo.

Luciano, sempre con le mani legate, mi chiede di prendere un martello e qualcosa di tagliente per liberarlo, perché – mi dice “l’ungherese ci ucciderà tutti e due”.

Vado, di nascosto dall’ungherese, in cucina, trovo un piccolo coltello che mi infilo nella tasca dei jeans, prendo un solido martello nell’armadio degli utensili; è in quel momento che sento un rumore di lotta sul ponte. Corro a vedere e trovo il colombiano avvinghiato all’ ungherese nel tentativo di disarmarlo e di spingerlo in acqua. Dò una bella martellata sulla testa dell’ungherese, ma riesco soltanto a ferirlo senza tramortirlo. L’ungherese si aggrappa alle sartie e il colombiano vola fuori bordo, dopo essere però riuscito a prendere la pistola.

Un colpo parte dalla Browning: era destinato all’ungherese, ma va a vuoto. Lotto come un animale e resto sempre in possesso del martello. Il colombiano nell’acqua, con il suo piccolo cervello da gallina, non pensa che la rivoltella è inutilizzabile ormai, tenta di darmela, ma l’arma cade nell’acqua.

è una scena molto rapida. Mi sbarazzo dell’ungherese che si impadronisce di una manovella, dò il martello a Luciano che, sempre con le mani semilegate, tiene a distanza l’ungherese brandendo il martello, saltando con l’elasticità di una molla e lanciando grida altissime per aver l’aria più spaventevole possibile.

Mi impadronisco di una manovella e la dò al colombiano che nel frattempo è risalito a bordo. Discendo, trovo miracolosamente il caricatore della carabina, la carico e mi apposto a prua; sono con la punta del naso e la carabina a livello del ponte e controllo la situazione. Lottando con l’ungherese, Luciano riesce finalmente a spingerlo contro l’albero. Il colombiano è completamente allucinato (la manovella stretta in pugno e le braccia tese) e non ci è di alcun aiuto. Non mi fido comunque ancora delle sue reazioni e lo tengo sotto il controllo della mia carabina.

Preciso che non avevamo assolutamente intenzione di uccidere nessuno … oltre poi all’idea di dover trasportare un cadavere sanguinante.

Per la verità dopo tutte queste ore di angoscia quello che noi avremmo voluto sarebbe stato soltanto di veder scomparire l’ungherese senza ammazzarlo o senza spaccargli la testa con il martello. Forse, se ci fossimo impadroniti della rivoltella durante la lotta, l’avremmo ucciso, ma così, ormai quasi a freddo …

Dunque, naso e carabina a livello del ponte come Calamity Jane, tengo sotto mira l’ungherese che esita ancora ad andarsene. Dice a Luciano: “Voglio recuperare delle fotografie che sono nella cucina”. Luciano le prende e gliele getta. Sono delle foto per documenti di identità.

L’ungherese, però, tergiversa ancora, tenta di recuperare il suo complice, ma senza successo. Io, terribilmente nervosa, grido al colombiano di staccare lo Zodiac per affrettare la sparizione dell’ungherese. In effetti l’ungherese getta la sua sacca nel canotto che s’allontana un po’, poi finalmente si tuffa e raggiunge lo Zodiac.

Luciano si gira verso il colombiano e gli domanda se possiamo aiutarlo perché, “merde!” ci ha salvato la vita. Il colombiano ci chiede di portarlo a Balboa.

è tremante dalla paura. Luciano gli spiega che non è nostra intenzione consegnarlo alla polizia, ma che a quest’ultima a Balboa dovremo dire tutta la verità, in modo che possa arrestare l’ungherese al più presto; lo assicura che gli lasceremo l’opportunità di sbarcare discretamente e di sparire, benché questo ci sembri difficile per lui.

Questo povero diavolo, sudante di paura, mi chiede un whisky per tirarsi su.

Sono ancora talmente eccitata che tengo la carabina a portata di mano (lui non l’ha mai vista); mi affretto a preparargli un piccolo cocktail rum-succo d’ananas e dose di sonnifero consistente. Vogliamo un ritorno  “relax”.

Luciano, intanto, tenta di ritrovare la strada del ritorno, non abbiamo carte e il luogo è pieno di scogli e di rocce. Ma, grazie a i suoi occhi da gatto e alla sua abilità di marinaio, dopo qualche ora vediamo i fari della costa.

Alle cinque del mattino, attracchiamo al pontone galleggiante del Balboa Yacht Club. Un’ora prima avevamo svegliato il colombiano che dormiva come un angioletto. Lo convinciamo a consegnarsi alla polizia e in più gli spieghiamo che, con la nostra testimonianza in suo favore, avrebbe avuto notevoli circostanze attenuanti. Si convince. I poliziotti panamensi e americani arrivano allo Yacht Club insieme a una nuvola di giornalisti sorti dal nulla. è solo vedendo questa folla che ci rendiamo conto della gravità del caso. Il colombiano è arrestato su territorio americano. Il generale in capo dell’armata panamense, eminenza grigia del governo, è avvisato da un giornalista e dà subito l’ordine di far partire un elicottero che sorvolerà l’arcipelago de Las Perlas, territorio panamense. Questa efficienza anormale della polizia è dovuta alla situazione tesa tra il territorio americano della Canal Zone e la Repubblica di Panama. Ognuno vuol fare meglio dell’altro.

Alla fine questo incredibile spiegamento di forze, vedette, elicotteri con tiratori scelti, si rivelerà di un’efficacia straordinaria e dopo poche ore l’ungherese è catturato. Aveva trovato rifugio su un battello di pescatori locali, aveva detto al capitano che era naufragato da tre giorni. L’equipaggio del battello aveva raccolto l’ungherese, che voleva raggiungere Panama, imbarcarsi clandestinamente su qualche cargo e lasciare il paese. Ma quel cretino aveva lasciato lo Zodiac gonfiato sul ponte della barca e l’elicottero non aveva avuto difficoltà a trovarlo.

La stampa panamense ha dato molto risalto alla cosa, evocando polemicamente le basi militari americane lungo il canale e nello stesso tempo la mancanza di sicurezza per il povero civile che attraversa il canale. La polizia di Panama a questo punto decide di consegnare l’ungherese agli americani. L’istruttoria comincia immediatamente. I due sono incolpati di rapimento e di rapina a mano armata. Una prima udienza, con giudici e avvocati della difesa (scelti d’ufficio, naturalmente), ha luogo perché la corte desidera ascoltare le nostre testimonianze: l’istruttoria non è terminata (l’ungherese, secondo un’informazione dell’Interpol, avrebbe rubato il Dufour in Francia e forse addirittura ammazzato altre tre persone) e noi non abbiamo intenzione di restare qui sino al termine del processo. Domani, andiamo con una vedetta della polizia e con i sommozzatori a recuperare la pistola. Poi continueremo il nostro viaggio.

Leo Rova

CARO GIORGIO, NON POTRO’ PIU’ ESSERE LO STESSO (la lettera di Ladavas a Giorgio Falck)

Balboa, 29 maggio 1975

Caro Giorgio,

un giornalista mi chiedeva ieri alla fine dell’udienza: “Cosa prova nei confronti dell‘ungherese, odio?”. Ho risposto no, m’importa solamente che sia messo per il resto della vita in grado di non nuocere più con piani criminali ai confini della follia. E per questo non è necessaria la pena di morte. Ma è un rischio che lui corre soprattutto se riusciranno ad addebitargli alcuni gravissimi precedenti. è data ormai per certa la sua responsabilità nel furto di un Dufour francese e nella sparizione misteriosa dei suoi tre passeggeri. Niente odio. Ma l’ergastolo se lo merita e se glielo daranno non sarà esagerato. La polizia continua a frugare nel suo passato e raccoglie indizi e prove su precedenti imprese criminali.

Il sangue stenta a riscaldarsi nelle vene di Leo e nelle mie. Lo spavento continua. Nel flash-back della memoria violentata, particolari, a cui allora (durante lo svolgimento dell’azione) non prestavo e non volevo prestare importanza e apprensioni, ora mi spaventano. Ora so per certo di essere stato a qualche minuto dal ricevere una pallottola “22” nella testa. Qualche minuto soltanto, i1 tempo di sbarcare sulla spiaggia deserta, le mani legate come un deportato. è il momento che maggiormente rivivo. Lo ripasso infinite volte davanti agli occhi come un copione che all’improvviso riceve un taglio e uno svolgimento nuovo. Ma se il complice non avesse dato questo taglio, se il colombiano non avesse inserito di forza (è il caso di dirlo ) il nuovo copione?

Qualche minuto, fino alla spiaggia deserta, poi l’ungherese mi stende con la sua “22”  e mi sotterra nella sabbia calda di punta Mattatoio. Potranno passare anni e forse decenni prima che un qualsiasi caso fortuito porti alla scoperta di resti calcificati. Leo in barca ode il colpo o i colpi di pistola, vede l’ungherese rientrare solo a bordo… Di che impazzire di furia, di dolore, di terrore. L’indomani mattina, su un’altra spiaggia di un’altra isola, stessa sorte per Leo. E il Guia rimasto solo nelle mani dei criminali… che hanno così cancellato ogni traccia dietro la scia.

Non sto componendo una trama, non sto inventando. Si è parlato di ciò nell’udienza della corte “bassa”. Il caso farà il suo cammino fino alla corte “alta”, dove sarà emessa la sentenza. Tra qualche mese. Per noi è finita ieri. è finita la parte ufficiale. Al tempo, ora, di guarire le ulcerazioni lasciate dalla violenza. Violenza subita nel più profondo dell’essere. Il tempo svolgerà la sua opera, ma sento chiaramente che non potrò più essere lo stesso.

Ti ricordi le lunghe discussioni, le polemiche, le accese dispute sulla maniera di “fare stampa”? Ora credo di avere l’autorità per dirti di non usare più espressioni come “l’onda assassina”. Smettiamo di attribuire l’aggettivo assassino all’Oceano. L’Oceano che ha portato via Dominique (Guillet, skipper di 33 Export, scomparso in mare alla prima Whitbread del 1973/74, ndr) non è stato assassino; non è assassino, è l’Oceano semplicemente. L’Oceano nel suo pieno diritto naturale. “Assassino” riserviamolo semplicemente all’uomo. In fin dei conti, l’avventura appena vissuta mi aiuta a ritrovare in tutta serenità le alte latitudini, quel Grande Sud che ti rotola e ti schiaccia. Ora so che non avrò paura. Solamente una costante preoccupazione: esserne all’altezza. Sabato tornerò con la polizia alla Punta Matadero e aiuterò nella ricerca della pistola che giace a circa otto metri sott’acqua.

Me l’hanno chiesto come un favore e non ho saputo dire di no, dopo tutte le attenzioni amichevoli di cui ci hanno colmato e i privilegi. Per dirtene una. Non solo ci hanno aperto l’accesso a un grande Supermercato della Canal Zone dove unicamente i residenti hanno il diritto di fare acquisti (la legge è rigorosa), ma hanno anche pagato il lunghissimo conto, 140 dollari. E questo per le provviste di una settimana, qui a terra. Domenica scorsa ci hanno offerto una cavalcata in una splendida spiaggia a 150 chilometrl da Panama. Un detective si è innamorato di Leo e questa ragazzaccia quando entra nel suo ufficio, alla centrale di polizia, fruga nella scrivania e gioca con manette, fotografie segnaletiche, identikit, pallottole e altri arnesi del mestiere.

La polizia si è anche impegnata a pagare il conto dello Yacht Club di Balboa per il lungo soggiorno del Guia a una delle sue boe. Insomma, finanziariamente posso dire che è un successo. Agli inizi di settimana ventura partiremo per le Galapagos. Poi saranno le Marchesi e finalmente Tahiti, dove il Guia sarà messo a terra per riposarsi e ripulirsi.

Caro Giorgio, la delinquenza internazionale ha scoperto l’imbarcazione da diporto. Non sto generalizzando solo perché la rotta del Guia ha incrociato quella di un assassino. è la polizia americana che mi conferma questo dubbio e questa paura. Dal « semplice» furto della barca per raggiungere facilmente una qualche frontiera, al furto con “uso” della barca per traffico di droga, fino al “kidnapping” con sparizione dell’equipaggio. Una nuova era di pirateria. E Panama è il crocevia ideale per i nuovi pirati. Le barche che vi transitano hanno, nove volte su dieci, mete lontanissime e quindi sono bene equipaggiate in materiale e viveri, comprese acqua e nafta.

Una barca che sparisce può essere semplicemente partita senza avvisare (magari per non pagare qualche conto) e nessuno si dà la pena di chiedersi dov’è. Possono così passare mesi prima che qualche amico o parente dia l’allarme. Troppo tardi.

Quale giornalista, hai il dovere di mettere in guardia la gente che naviga e di aprire il dibattito su questo nuovo argomento: “Come difendersi dalla nuova pirateria?”. Argomento che non piacerà molto alle riviste nautiche, per ovvii motivi, ma tu saprai trovare lo spazio e il modo per farlo, se vorrai. Se poi ti pare il caso, fai di questa lettera l’uso che vuoi.

Ti abbraccio forte. Luciano


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, insieme con Barche a Motore Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro!

Sostienici anche su Barche a Motore Top Yacht Design!

——————————————————

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER, E’ GRATIS!

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi