Appena nata ma è già oggetto di culto. Si chiama Amel 60 e non è per tutti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

amel 60Alla Milano Yachting Week – The Digital Boat Show c’è una barca appena nata che è destinata a diventare un grande classico.

E’ l’Amel 60, il nuovo blue water prodotto da uno dei cantieri di culto che hanno fatto la storia dello yachting. L’Amel 60, nato da pochi mesi, ha già vinto dei premi importanti. L’apprezza chi di barche ne sa veramente e non passa inosservata.

La trovate in banchina alla Milano Yachting Week questa barca a vela unica: vi conviene visitarla subito, se vi piacciono le barche “vere” con qui navigare a lungo e viverci a bordo come in una villa sul mare.

A chi piacerà il nuovo Amel 60? A tutti quelli che amano la vela ma, soprattutto, per chi cerca una barca costruita e attrezzata per navigare dovunque, con qualsiasi tempo, con una comodità unica e con prestazioni a vela superiori alla media.

Alla scoperta di una barca di culto

L’Amel 60 è diversa da tutte le altre. E lo scoprirete visitandola. Alla Milano Yachting Week. Volete qualche esempio del perché è già oggetto di culto? Il posto di pilotaggio è completamente riparato, di serie ci sono verricelli elettrici, batterie al litio, elica di manovra retrattile. Nessun altro cantiere le offre di serie.

Addirittura l’albero dell’Amel 60 è in carbonio. Perché in carbonio e non in alluminio che costa meno? Perché, come sanno gli esperti, grazie al carbonio l’albero è molto più leggero e questo significa minor sbandamento, miglior passaggio sull’onda, poter ridurre la velatura più tardi.

Per quanto riguarda il comfort siamo al livello dei superyacht in soli 60 piedi (18 metri). Basta guardare le foto che illustrano la cabina armatoriale dell’Amel 60 che si trova a poppa così, astutamente, sfrutta tutta la larghezza massima della barca. La cabina principale è grande come quella di un concorrente di almeno dieci piedi in più.

Ma se volete capire tutto quello che ha di unico il nuovo Amel 60, non vi resta che visitarlo alla Milano Yachting Week: troverete tutto quello che vi serve per apprezzarla: foto, video, testi, piani di esterni e interni, caratteristiche.

VISITA SUBITO L’AMEL 60

Scopri come nascono gli Amel e puoi prenotare una visita

E se poi volete capire perché Amel è un cantiere iconico e scoprire gli altri nuovi modelli del gruppo di cui fa parte, e soprattutto i motivi che lo rendono tra le barche più ambite, visitate lo spazio dove vengono svelati tutti i segreti di Amel, guidati dal suo importatore italiano, Sail Away.

Non vi resta poi approfondire con un responsabile del cantiere o prenotare una visita tramite una mail o un whatsapp, nello stand trovate il pulsanti per attivare il contatto con un click.

ESPLORA LO STAND DI SAIL AWAY ALLA MILANO YACHTING WEEK

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Questa è la barca trasparente che puoi usare anche come tender

Navigare a bordo di un tender panoramico trasparente – come quelle prodotte da Verga1958 – è un’esperienza completamente diversa da quella del classico gommone di servizio. Immaginate di poter osservare chiaramente cosa si cela sotto la superficie marina mentre vi

Registrati



Accedi